Legno o colore? Design costoso? Il progettista trovi la soluzione!

Il legno è tornato a essere un materiale di progettazione molto utilizzato. Perché “è tornato a essere”? Non dimentichiamo che, sin da quando l’uomo ha iniziato a costruire case, le costruiva in legno. Naturalmente molte cose sono cambiate e il legno oggi offre possibilità non trascurabili. Alcune aziende sfruttano l’onda, altre propongono progetti davvero interessanti, dal punto di vista delle tecniche di costruzione e della certificazione dei sistemi di costruzione. Quelle in legno stanno diventando davvero non solo “casette”… ma anche ristoranti.
Lo studio di designer russi DarkDesignGroup ha realizzato gli interni del Sliver Restaurant, un locale unico nel suo genere. Il legno è utilizzato per il pavimento, per gli arredi e per il soffitto, la scelta più bizzarra, ma anche più interessante del progetto: si trasforma in decorazione, confondendo a tratti i confini spaziali tra sotto e sopra.

 

Non c’è solo la tendenza a progettare in legno, ma anche con i colori, una voglia che non muore mai. La casa milanese dell’architetto Ricardo Bello Dias, un open space di 350 metri quadri, dove il professionista ha realizzato anche il suo studio, è un esempio brillante di questo desiderio.
Il leit motiv di tutta la casa è il legame indissolubile tra bianco e nero, qui orchestrati magistralmente: nel living il divano in pelle nera è di Piero Lissoni per Living Divani, la poltrona con poggiapiedi è la Nouvelle Vague di Christophe Pillet per Porro. La lampada da terra è Jeldè. La cucina, aperta sul living, è nera, realizzata su disegno dello stesso Dias.
Lo studio vero e proprio dell’architetto ospita un pouf Osorom di Konstantin Grcic per Moroso, una sedia Rippli di Ron Arad per Moroso e una lampada da terra Toio di Flos. Scenografiche nell’angolo abitazione-studio le poltrone Bloom di Living Divani.
Nella camera, il letto e i tavolini sono di Piero Lissoni per Living Divani, le lampade sono le Tolomeo di Artemide e la poltrona è di Charles e Ray Eames per Vitra. Anche in questa stanza c’è posto per un piccolo angolo studio: la scrivania è stata disegnata da Dias per Gallotti&Radice, mentre la poltrona è di Patricia Urquiola per Moroso.


La casa milanese dell’architetto Ricardo Bello Dias. Fonte: SpazioCasa

 

Legno, colori, design costoso. Nuove o antiche tendenze per gli interni, non importa. I risultati possono essere bizzari o tradizionali. E anche questo non importa. È importante invece che, sempre, la mano del progettista sappia dare un significato alle scelte fatte, al di là delle mode. Sliver Restaurant e la casa di Ricardo Bello Dias possono fornire alcune “dritte” su come comportarsi.

 

Nell’immagine in apertura, il Sliver Restaurant. Fonte: www.contemporist.com

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico