L’anima sensibile delle cose

Il progetto MINI & Triennale CreativeSet presenta fino al 17 gennaio 2010 la mostra di Matteo Bazzicalupo e Raffaella Mangiarotti [deepdesign], che prosegue il ciclo dedicato al design italiano contemporaneo nello spazio del CreativeSet del Triennale Design Museum.

In mostra una selezione di progetti che documentano il lavoro di deepdesign, il cui percorso è guidato da un’intensa attività di ricerca sulle forme, le tecnologie e i materiali nuovi, che spesso tende ad una radicale rivisitazione delle tipologie.
Matteo Bazzicalupo e Raffaella Mangiarotti non cercano novità formali o commerciali, ma si propongono la ricerca di un livello di reale invenzione, andando al di là delle aspettative
industriali.

Prendendo a modello le dinamiche del mondo naturale, la ricerca di deepdesign mira all’incontro tra complessità funzionale e organicismo formale per arrivare ad una pura economia della forma. Bazzicalupo e Mangiarotti disegnano strumenti al servizio del quotidiano, efficienti e innovativi ma al contempo dotati di straordinaria eleganza. Oggetti non solo sinceri e misurati, ma anche cortesi, rispettosi dell’uomo e sensibili nel modo di rapportarsi.

Dalla lavabiancheria Pulse alla lampada da terra Dandelion al Flat piano (un originale ibrido tavolo-pianoforte), i loro progetti sono caratterizzati da forme concise, morbide e prive di ridondanza.

Biografia
Matteo Bazzicalupo e Raffaella Mangiarotti si laureano con lode in Architettura al Politecnico di Milano nel 1991. Nel 1995 creano deepdesign. In questi anni hanno progettato scenari e prodotti per aziende ed enti appartenenti a diversi settori merceologici, tra i quali Aldo Coppola, Barilla, Castelli Haworth, Coca Cola, Coin, Giochi Olimpici Torino 2006, Coop, Daimler Chrysler, Giorgetti, Glaxo Smithkline, JVC, Kitchen Aids, Kraft Suchard, Kimberly Clark Corp., Imetec, Mandarina Duck, Nec, Panasonic, RSVP, San Lorenzo, Whirlpool Europe. Sono stati premiati nei concorsi Young & Design (1996, 1997, 1999, 2000), Cosmopack (1995, 1996), Esaedro (1997), ID Award (2004, 2009), Selezione Compasso d’Oro (2005, 2006), Green Dot Award (2009).
Hanno tenuto lezioni presso la Facoltà del Design del Politecnico di Milano, la SDA Bocconi, la Scuola Politecnica di Design, l’Istituto Europeo di Design, lo IUAV di Treviso e l’Istituto Superiore di Design di Napoli. Raffaella è ricercatore confermato presso la Facoltà di Design del Politecnico di Milano.
Alcuni dei loro progetti sono stati pubblicati su prestigiose riviste e libri, tra questi The International Design Yearbook 2005, L’Observatoire de Première Vision, The International Design Encyclopedia of MoMA, Design Now! (Taschen, 2008).
La lampada Dandelion fa parte della Collezione Permanente del Design e Architettura del MoMA di New York.

 

SCHEDA EVENTO

L’anima sensibile delle cose
Matteo Bazzicalupo e Raffaella Mangiarotti [deepdesign]

A cura di Cristina Morozzi

Dal 17 dicembre 2009 al 17 gennaio 2010
Triennale Design Museum

Orari
martedì-domenica 10.30-20.30
giovedì 10.30-23.00

Ingresso
8/6/5 euro con il biglietto del Triennale Design Museum
Presso la biglietteria della Triennale di Milano è acquistabile T-Design Museum Card al costo di 14 euro. I possessori hanno diritto all’ingresso al museo per visitare la nuova interpretazione, Serie Fuori Serie, e tutte le mostre previste nel CreativeSet fino a febbraio 2010.

Catalogo
Electa

Le mostre del CreativeSet sono un progetto diretto da Silvana Annicchiarico

Per Informazioni
Triennale di Milano
viale Alemagna 6
T 02 724341
F 02 89010693
www.triennaledesignmuseum.it

Nell’immagine, DANDELION, deepdesign, Tecnodelta 2005. Photo Credit Melina Mulas

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico