L’Unitel sulla 2/2009

Non si è fatta attendere la reazione dei tecnici degli enti locali alla pubblicazione della Legge 2/2009 che, convertendo il dl 185/2008, riporta allo 0,50% la percentuale per i progettisti interni agli enti locali.
Di seguito il commento di Bernardino Primiani, presidente nazionale dell’Unitel:

«Nell’ottica della sacrosanta salvaguardia dei conti pubblici, i professionisti tecnici della pubblica amministrazione vengono colpiti con precisione chirurgica dalla Legge 2/2009 che converte, a colpi di fiducia, il DL 185/2008, attraverso la eliminazione, di fatto, del compenso integrativo per le attività di progettazione e project management in senso lato. Ricapitoliamo la incredibile vicenda: il Codice degli appalti d.lgs. 163/2006 art.92 stabilisce il compenso del 2%; la legge 133 del 6.8.2008 art.61.8 decurta il compenso da 2% a 0,5%; la legge 22.12.2008 n.201 (si ponga attenzione alla data) abroga il detto art.61.8 e riporta il compenso al 2  %, con alcune condizioni. Infine, almeno per ora, l’art.18 sexies di questa legge riduce di nuovo il compenso a 0,5%, destinando il residuo 1,5 per cento, ad apposito capitolo dell’entrata del bilancio dello Stato. Viene inoltre sincronicamente resa pubblica la circolare della Ragioneria Generale dello Stato, n. 36/2008, correlata alla manovra fiscale estiva (L133/2008) con la quale il Ministro, al comma 8, definisce i criteri di applicazione della defalcazione del compenso professionale, specificando, che la riduzione si applica “a tutta l’attività progettuale non ancora remunerata a tale data”, in poche parole: retroattivamente.
Evitando ogni commento di tipo “etico”, nonché facili citazioni sul come i dipendenti della P.A. non possano oggettivamente essere orgogliosi di come venga considerato dal Legislatore il proprio lavoro, reputiamo che, in un paese che, come diceva Kelsen, è patria della leggi più che del diritto, l’interpretazione fornita dalla Ragioneria in merito alla decorrenza dal 1° gennaio 2009 della decurtazione, sia da applicarsi per le sole attività di progettazioni, ex art.92, co.5 del Codice dei Contratti.
Reputiamo che gli Enti che approvano i progetti esecutivi delle opere pubbliche previste nel piano annuale delle opere entro il 31 dicembre 2008, non debbano prevedere alcuna decurtazione, decadendo le ipotesi di “retroattività” perché la norma non contiene disposizioni in questa direzione, atteso che dovrebbe essere applicata secondo la giurisprudenza costituzionale.
Tutti sanno che UNITEL si è battuta, e si batterà ancora, con tutti i mezzi democratici, per far riconsiderare una norma che penalizza fortemente i tecnici degli uffici della PA, con la consapevolezza dei propri mezzi e delle proprie risorse, e con l’ottica primaria della tutela della qualità dei servizi per il cittadino, prima che per spirito di appartenenza.
Ma se è vero che, a mente dell’art. 36 della Costituzione, “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro”, in questo caso l’unica cosa che emerge è l’ipocrisia del sistema, che annuncia risparmi, aumenta di fatto la spesa, per il sicuro ricorso ad attività esternalizzate, deprime la professionalità di punte di diamante del lavoro pubblico, ai quali è stato, nei fatti e soprattutto nei modi, indicato che rappresentano, per la politica, solo una zavorra».

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico