Interior design londinese, il nuovo progetto dello studio SHH a Hyde Park

Susan Knof, interior designer dello studio londinese di architettura e design SHH ha realizzato una nuova abitazione all’interno di un classico edificio residenziale vittoriano a Hyde Park, Londra, che unisce a una sobria eleganza spazi pratici e flessibili per la famiglia che la occuperà.
Il committente, una famiglia “internazionale” che possiede una serie di abitazioni (tra cui una a New York e una nell’Europa continentale) ha acquistato l’edificio di quattro piani e ha commissionato allo studio SHH sia il progetto di design che la riprogettazione degli spazi interni per adattarli alle loro necessità.

 

Le indicazioni per il progetto degli spazi interni non sono state poste dal committente in termini prescrittivi o nel dettaglio, ma piuttosto sulla base di sensazioni” ha commentato Susan Knof, senior designer e lead designer per gli interni. “Il committente ha richiesto una classica e sofisticata serie di spazi interni in tenui toni di grigio, evitando tende, rivestimenti o finiture quali l’intonaco lucido, per cui abbiamo dovuto aggiungere un tocco di fascino per conferire varietà e ricchezza allo spazio”.
Dal punto di vista architettonico, il cambiamento più significativo sulla struttura della casa ha riguardato lo scavo del giardino posteriore, che in precedenza era elevato e disordinato e rendeva il livello inferiore della casa buio e poco attraente. Ora, il nuovo spazio soggiorno si apre direttamente sul nuovo spazio del giardino, progettato dalla architetto di giardini Kate Gould (due volte vincitrice della medaglia d’oro al Chelsea Flower Show e partner abituale dello studio SHH per i progetti di spazi residenziali) creando due vasti spazi pieni di luce. Gli spazi interni e quelli esterni sono divisi solo da porte a libro a tutta altezza e sono collegati dalla nuova pavimentazione in pietra che si estende dall’interno fino al giardino creando un forte collegamento visivo e facendo apparire entrambi gli spazi più estesi.
Il giardino, i cui colori  riflettono le tonalità tenuti dell’interno, è stato progettato per essere utilizzato tutto l’anno, con spazi per il tempo libero e il relax, compreso un piano di calpestio rialzato in legno con un camino realizzato su misura e un grande tavolo da pranzo all’aperto.

 

Al livello inferiore sono collocati la cucina, la zona pranzo e uno spazio living informale, servizi, ripostiglio e la scala preesistente in cemento a vista che conduce al piano terra. Le sedie della cucina sono in colori vivaci mentre gli sgabelli sono bianchi e neri. “Abbiamo introdotto elementi bianchi e neri in tutta la casa” ha spiegato Susan Knof  “al fine di aggiungere un tocco glamour ad alto contrasto con la combinazione di colori molti tenui e soffusi che caratterizzano tutti gli spazi interni”.
Dietro al tavolo da pranzo è collocata una parete in legno di rovere realizzata a mano e con inciso un motivo floreale disegnato da Susan Knof e che consente di riporre oggetti senza che rimangano in vista e di nascondere l’impianto elettrico audio/video; l’illuminazione è posizionata sotto questa parete scorrevole e su ogni scaffale.

 

L’ingresso principale della casa è al piano terrà rialzato e si sviluppa con un corridoio d’entrata e il guardaroba per gli ospiti e una grande sala reception, per aprirsi poi nel grande spazio della zona pranzo e soggiorno che si estende per tutta la larghezza del piano.
Il corridoio d’ingresso ha una console laccata nera e realizzata su misura da Christopher Guy e una serie di tre specchi laccati neri lucidi. Un grande lampadario di Brand Van Egmond illumina lo spazio mentre le opere d’arte alle pareti sono di proprietà del committente. La preesiste scala che conduce al primo piano è stata recuperata inserendo nuovi gradini in legno e un corrimano in ferro battuto realizzato su misura disegnato da Susan Knof. La pavimentazione è in grandi pannelli in quercia.
La sala da pranzo è caratterizzata da una serie di pannelli traforati laccati opachi che assicurano privacy pur consentendo alla luce naturale di entrare nella stanza.
Nel soggiorno, poco oltre l’area camino, un vano a tutta altezza è dedicato all’impianto audio/video ed è separato dalla zona giorno da una doppia porta imbottita in camoscio grigio tortora.
Una chaise longue e un divano dividono informalmente la zona living dalla zona pranzo. “Abbiamo voluto lasciare questo spazio il più aperto possibile, pur cercando di nascondere i terminali impiantistici, soprattutto riscaldamento e raffrescamento” ha spiegato Susan Knof.

 

La suite matrimoniale, con atmosfera da albergo di lusso, occupa interamente il primo piano, suddiviso in due spazi che possono essere collegati o separati attraverso una porta scorrevole che dà sulla cabina armadio e che può diventare anche stanza per gli ospiti. Rispetto agli spazi originari, una parete è stata abbattuta per ricavare il bagno della suite.
Al secondo piano, la stanza da letto dei bambini presenta un design coerente con il resto di casa in termini di tonalità sobrie ma animata da alcuni elementi adatti ad una camera per bambini, come la carta da parati decorata e il tappeto a motivo floreale. Anche il bagno dei bambini ha elementi più giocosi, come le piastrelle con dipinte delle facce. La suite per gli ospiti, sempre al secondo piano insieme a un ambiente studio, ha una palette di colori leggermente differente, che comprende toni di blu, grigio e argento.

 

a cura di Federica Maietti

 

Per ulteriori informazioni
www.shh.co.uk

 

Nell’immagine di apertura, la grande sala reception al piano inferiore. Foto © David Cleveland

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico