Interior Design internazionale, la storia di Brix al Fuori Cersaie 2011

Voluto dai tre fondatori (Massimo Nadalini, Stefano Bonini e Ivano Barbieri) il marchio Brix nasce nel 2001 sovvertendo da subito gli schemi convenzionali e sostituendoli con nuovi linguaggi che mirano a evidenziare le potenzialità tecniche, estetiche ed espressive della ceramica, forte di un’attitudine a pensare fuori dagli schemi.

 

L’obiettivo, oggi pienamente raggiunto, è quello di proporre superfici per l’architettura che definiscano sensorialmente gli spazi abitati, stabilendone il registro estetico ed evidenziandone l’identità. Da sempre votata alla ricerca e alla sperimentazione progettuale, legata ai grandi nomi del design internazionale (Andreè Putman, Vincent Van Duysen, Naoto Fukasawa, L+R Palomba ), per anni sotto l’abile art direction di Claudio La Viola, Brix decide di festeggiare l’importante tappa de suoi primi 10 anni in maniera inusuale.

 

Dal 20 al 24 Settembre in concomitanza al Cersaie, Brix ha scelto di abbandonare i corridoi espositivi della fiera e di “occupare” un appartamento in pieno centro a Bologna. Un intervento che avrà molto della “occupazione squatter”, una modalità narrativa attraverso la quale Brix racconterà il percorso professionale e umano di un’azienda caratterizzata da scelte coraggiose e alla diversificazione.
L’allestimento prevede materiali poveri e quasi industriali che lasceranno spazio ai veri protagonisti: i Progetti e i Pensieri. A ogni stanza corrisponderà un tema, un percorso a isole che ripercorrerà la storia di Brix.

 

Non mancheranno le esposizioni dei nuovi prodotti:
– la collezione completamente rieditata de I Frammenti di Claudio Silvestrin, il più piccolo mosaico al mondo, Menzione d’onore Compasso D’Oro 2011;
Fade, nuovo progetto de Lo Studio presentato in anteprima al Fuori Salone 2011;
D.R.Y. del desinger belga Vincent Van Duysen;
– Borderline_Lo Studio Design, un sistema di profili progettati in accordo alla gamma Brix e funzionali alla realizzazione di finiture architettoniche.

 

L’appuntamento rientra nel più ampio progetto B YRSLF acronimo di Be Yourself: un ciclo di eventi promosso da Brix che si propone di raccontare realtà imprenditoriali e artistiche caratterizzate da un forte percorso di ricerca. Brix desidera mettere in relazione realtà apparentemente lontane, ma legate da una visione indipendente in cui il sogno e l’immaginazione siano parte fondante del progetto. In questo caso sarà Brix stessa a presentarsi come azienda rivoluzionaria marchiata a fuoco dai segni indelebili della ricerca autonoma.

 

Nell’immagine di apertura Massimo Nadalini e Davide Trentini

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico