INARCHITETTURA

INARCHITETTURA è la grande personale di Annamaria Gelmi che si svolgerà fino al 26 settembre 2010 presso il Castello di Rivara – Centro d’Arte Contemporanea, Torino. La mostra si avvale della curatela di Franz Paludetto – Direttore del Centro – mentre il catalogo è a cura di Paola Vettorazzi con testi critici di Giorgio Verzotti e Paola Vettorazzi. La mostra presenterà cinque sculture di grandi dimensioni, ventuno disegni, quattro sequenze fotografiche, un video e un’installazione, allestiti sia nel suggestivo parco esterno sia nelle storiche sale interne al Castello.

Ancora una volta questa artista di inesauribile vena creativa è capace di mettersi in gioco in un nuovo progetto espositivo, dimostrando che è sempre possibile per chi fa questo mestiere con solida professionalità evolvere, cambiare, innovare se stessi.
La capacità di reinventarsi non prescinde tuttavia da un solido legame con la propria storia personale, come il titolo stesso suggerisce. L’architettura è infatti la disciplina che più di ogni altra ha ispirato Annamaria Gelmi nel suo brillante percorso. Il suo lavoro pur, rigidamente geometrico, astratto-concettuale è allo stesso tempo fragile nella  poetica, allusivo, capace di svelare un “oltre” denso di significato e sfumature, profondamente femminile.

 

La varietà dei mezzi espressivi, delle soluzioni formali e dei temi proposti in questo ambizioso progetto sottolineano la ricchezza creativa di Annamaria Gelmi, le sue complesse sfumature e le molteplici correnti intellettuali e artistiche a cui si ispira. Il tutto contribuisce a delineare il suo modo di vivere la dimensione d’artista, suggerendo l’idea dell’arte come spazio concettuale di libera espressione.

 

L’esposizione si pone obiettivi ambiziosi sia per la varietà degli allestimenti sia per la quantità delle opere – cinque sculture di grandi dimensioni, ventuno disegni, quattro sequenze fotografiche, un video e un’ installazione.

 

INARCHITETTURA è un percorso, una sorta di dialogo con le molte forme che l’arte può assumere per Annamaria Gelmi, a cominciare dalle sculture di grandi dimensioni allestite nel parco. Tra queste figurano, solo per citarne alcune: High Mountains, alti steli su cui svettano i profili delle amate montagne trentine; Oltre la soglia, in cui la solidità e la dimensione della struttura in ferro contrastano con la leggerezza di pure linee geometriche alternate a spazi aperti.

 

All’interno del Castello si aprono invece tre sale, di cui le due più piccole dedicate al tema della montagna Skiline. Si tratta di uno dei leit motiv della poetica di Annamaria Gelmi, la quale, nata a Trento, in mezzo alle montagne, ha nello sguardo i panorami profilati delle Alpi. Le opere allestite in questi spazi consistono in una serie di installazioni modulari in rilievo appese a muro, tra le cui sfasature si ricompone la sagoma delle montagne. La peculiarità di questi lavori è l’inversione paradossale dei pieni e dei vuoti: il cielo ha consistenza materica, solidità, mentre la montagna è linea geometrica leggera, quasi priva di peso.
Questo gioco di contrasti prosegue anche nella sala principale che accoglie due grandi opere site-specific. Una parete è interamente occupata da Architettura, installazione scultorea appositamente realizzata per questa mostra e composta da una serie di forme geometriche in rilievo che si inseguono in un gioco di rimandi speculari. Al centro della stanza è posizionata invece Serra, una grande gabbia metallica, alla cui base è posto uno specchio, mentre le restanti pareti sono occupate da disegni e fotografie esposte in anteprima assoluta.
In particolare la serie di disegni, rigorosamente in bianco e nero, rappresenta una sorta di alfabeto, di linguaggio creativo costituito da figure geometriche progressivamente più complesse fino alla sagoma del fiore – elemento di espressione proprio di Annamaria Gelmi. Gli scatti fotografici invece sono stati realizzati dall’artista durante un WORK SHOP  in Bangladesh e immortalano parti corporee slegate dall’identità dell’uomo o della donna ritratti e ricomposte arbitrariamente dall’artista in serie sequenziale.

 

La scelta del Castello di Rivara ha imposto inoltre all’artista di confrontarsi per la terza volta – dopo Castel Pergine e Castel di San Pietro in Cerro – con la difficile ambientazione in un imponente edificio storico, già di per sé molto caratterizzato.

Annamaria Gelmi studia a Trento all’Istituto d’Arte, a Milano all’Accademia di Brera con Cantatore e all’Accademia di Venezia con Saetti.
Espone dal 1970, creando in un primo momento opere in materiali plastici e metacrilato e installazioni che giocano sulle trasparenze; dal 1978, dopo un soggiorno dai maestri vetrai di Murano, realizza opere anche con il vetro. Dai primi anni ’80 si allontana dal lavoro minimalista, essenzialmente bianco e nero per usare il colore, soffermandosi su memorie della storia, frammenti di architetture. Negli anni ’90 le architetture diventano solo un segno, un richiamo simbolico; il colore è più forte e fa pensare lo spazio come condizione mentale di una visione diversa. Nel 1994 riprende ad esprimersi attraverso sculture – installazioni, usando: ferro, acciaio, pietra, bronzo.
Partecipa alla XLVI Biennale di Venezia con il libro “SKYLINE”.
Dal 2000 le sue grandi opere in tela e le installazioni in ferro sono presentate dal Kaiserliche Hofburg di Innsbruck al MART di Trento-Rovereto, dalla Galleria Lattuada di Milano alla Rocca Paolina di Perugia, dal Museion di Bolzano all’Istituto Italiano di Cultura di Vienna. Tiene poi una personale al Castello di Pergine (TN). Nel 2007 è presente alla LII Biennale di Venezia nella mostra “Camera 312”, poi alla Biennale di Scultura di Gubbio.
Nel 2010 partecipa alla Biennale Internazionale di Racconigi (TO).  Sue opere si trovano in numerose collezioni pubbliche e private.

Il Castello di Rivara – Centro d’Arte Contemporanea, sede storica del Cenacolo di pittori della Scuola di Rivara, situato a 30 chilometri da Torino nelle valli del Canavese, è un complesso composto da tre edifici indipendenti: il Castello Medievale, la Villa Neobarocca e le Scuderie, immersi in un parco di oltre 45.000 mq.
Ha a disposizione numerosi atéliers e camere dove abitualmente sono ospitati artisti italiani e stranieri ed uno spazio espositivo multifunzionale di 2.530 mq.
Ha a disposizione uno spazio espositivo multifunzionale di 2.530 mq, un Centro di Documentazione con oltre 10.000 volumi consultabili dagli studiosi e numerosi atéliers e camere dove abitualmente sono ospitati artisti italiani e stranieri.
La direzione artistica è affidata dal 1985 a Franz Paludetto.

 

SCHEDA EVENTO

INARCHITETTURA
Annamaria Gelmi

a cura di Franz Paludetto

 

Periodo
dal 12 giugno al 26 settembre 2010

Luogo
Castello di Rivara – Centro d’Arte Contemporanea
P.zza Sillano, 2 – Rivara (Torino)

Orari
da lunedì a venerdì solo su appuntamento
sabato e  domenica ore 10.30 – 12.30 / 14.30 – 18.00

Catalogo
a cura di Paola Vettorazzi
con testi di Giorgio Verzotti e Paola Vettorazzi
Alcione Editore

 

Progetto realizzato in collaborazione con
Castello di Rivara – Centro d’Arte Contemporanea

Con il patrocinio di
Regione Trentino Alto Adige
Provincia di Trento

 

Si ringraziano
Galleria Arte Boccanera di Trento per video courtesy
MIM – Museum In Motion

Sponsor tecnici
Copromet s.p.a.
Masomartis
Tacchino

 

Info
Castello di Rivara – Centro d’Arte Contemporanea
Piazza Sillano, 2  – 10080 Rivara (TO)
Tel e fax +39 0124 31 122
info@castellodirivara.it
www.castellodirivara.it

 

Nell’immagine, Annamaria Gelmi, Serra. Photo Credit: fotosavorelli

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico