Il Mito del Mammut diventa concorso nazionale

Alla sua III edizione il Mito del Mammut diventa bando di gara nazionale, rilanciando la sfida nell’impegno a riprendersi la città ed il tempo della scuola attraverso un gioco aperto a chi in Italia si occupa di didattica.

Da Scampia viene diffusa a livello nazionale una metodologia nuova di fare scuola e fare città, attraverso la III edizione de Il Mito del Mammut, gioco didattico di teatro-quartiere proposto dal Centro Territoriale Mammut, come possibilità di incontro dei temi dell’educazione con lo spazio pubblico urbano.
Rivolto a scuole, associazioni ed agenzie educative di tutt’Italia, la gara consisterà nell’intervento migliorativo di uno spazio pubblico bisognoso di cure, che, attraverso la sperimentazione della metodologia promossa dal bando, sarà occasione di innovazione didattica ed educativa.

Dichiara il coordinatore del Centro Mammut Giovanni Zoppoli: “Occasioni come quella offerta dal Mito valgono tanto a migliorare la scuola, quanto la qualità della vita in città. Per questo è ancora più significativo che parta da Scampia un modo nuovo di fare città raccolto soprattutto dalle regioni del nord Italia. Il gioco diventa lo “spazio comune”  di bambini, ragazzi e insegnanti geograficamente distanti, uniti dalla volontà di trasformare uno spazio pubblico abbandonato e il proprio modo di fare scuola”.

Dopo il successo delle prime due edizioni, che hanno visto coinvolte oltre trenta tra scuole e associazioni, facendo registrare tra laboratori e incontri pubblici oltre 6000 presenze di bambini, insegnanti, associazioni e cittadini coinvolti, il percorso didattico proposto dal Mito del Mammut con la III edizione, allarga i suoi confini, che già l’anno scorso si erano aperti all’intera Regione Campania, e diventa concorso nazionale.
Grazie al supporto offerto alla III edizione dalla Associazione Sconcerto di Pistoia e dell’Associazione La Stanza di Genova, assieme alla rete locale e nazionale di agenzie educative che da  sempre contribuisce all’accrescimento del “metodo Mammut”, il Mito del Mammut potrà essere la guida di quanti in Italia vorranno sperimentare la città come aula diffusa, per supportare e modificare l’offerta formativa ordinaria e potenziare le risorse interne alla scuola.

Nelle città coinvolte verranno organizzate iniziative di presentazione di ciascun percorso, per condividere con gli abitanti proposte e  scoperte fatte nell’avventura (tema dell’edizione) di fare scuola in maniera innovativa, piacevole, efficace. A maggio durante la giornata finale nella piazza di Scampia oggetto delle prime due edizioni, dove i partecipanti si incontreranno e verranno nominati i 3 vincitori a cui verrà assegnato un premio da spendere nel proseguimento del percorso attivato. Ma il vero premio sarà per tutti i partecipanti al Mito del Mammut l’arricchimento della didattica ordinaria, l’avanzamento verso un ruolo nuovo della scuola sul territorio e il recupero di zone abbandonate della propria città.
Inoltre, grazie al supporto dell’VIII Municipalità del Comune di Napoli, oltre alla collaborazione ordinaria offerta dalla stessa, uno dei percorsi di miglioramento del territorio di pertinenza, potrà avvalersi, a bando concluso, dell’intervento diretto della Municipalità nella realizzazione e manutenzione di uno dei percorsi migliorativi attivati.
Assieme alla restante progettualità rivolta a bambini, adolescenti e formatori nel resto della città e in altre regioni italiane, la III edizione del Mito rientra tra le attività di ricerca azione promosse dal Centro Territoriale a Scampia Mammut, progetto dell’Associazione Compare, attiva dal ’97 sui temi dell’educazione attiva, partecipazione sociale e recupero di spazi pubblici urbani, realizzato grazie al sostegno dell’Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Campania e della Fondazione Banco di Napoli per l’Assistenza all’Infanzia.

Le adesioni dovranno pervenire entro il 20 dicembre 2009.
Il bando e la modulistica sono scaricabili dal sito:
http://www.mammutnapoli.org/

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico