Il design incontra il cibo e la creatività del Day by Day va fuori dagli schemi

Torna [a casa]: artisti, designer, pensatori, esteti, musicisti, collezionisti, amanti del cibo si sono incontrati in un luogo d’eccezione, in pieno Salone del Mobile 2012, dal 17 al 22 aprile. Via Benedetto Marcello, 2 a Milano era il luogo, incontrarsi come a casa, prendersi una pausa per incrociare vecchi e nuovi amici il motivo.
Si è creato così uno spazio casalingo in cui sperimentare nuove connessioni e partecipare all’elaborazione di un modo di comunicare la creatività fuori dagli schemi.

 

Quella del 2012 è stata la seconda edizione. FBR e Beatrice Rossetti, che hanno organizzato tutto in collaborazione con H+, società di marketing territoriale, hanno esposto una selezione di progetti e invitato i loro creatori a commentare quelli degli altri: il tavolo Colino disegnato da Michele De Lucchi con Giovanna Latis per Riva 1920 e le sedie di Paola Navone per Eumenes hanno accolto il convivio; una camera da letto vestita da Society è stata abitata da Bodo Sperlein e nei suoi piatti disegnati per Nikko sono state presentate le pietanze di Tittacucinaitinerante; le lampade di Davide Groppi hanno animato un aperitivo al crepuscolo; Carla Cardinaletti ha proposto Ankh, un’installazione site specific ispirata alla chiave egizia della vita; Valerio Rocco Orlando ha esposto Endless e raccolto spunti per arricchirla. Erano presenti anche Thalia Maria Georgoulis con le sue opere dall’iconografia domestica, Iittala con il suo design senza tempo, le posate di Sambonet, Francesca Mo e i suoi bijoux minimali, Alfred Von Esher con un pezzo della collezione Leftover e le lampade “Brancusi” di G.Latis.

 

Insomma, giorno dopo giorno una novità, un motivo per essere presenti. Numerosi featuring e contaminazioni (vale a dire: sorprese) sono intervenuti. Per moltiplicare le connessioni 10 Tokyobike ha collegato [a casa] ai luoghi nevralgici del Fuori Salone.
Design e installazioni d’arte, pezzi della memoria, oggetti curiosi e buona cucina hanno suggerito ai partecipanti percorsi inediti e attivato corrispondenze insospettabili tra immagini, situazioni, emozioni e persone incontrate. Un modo nuovo di fare e conoscere il design, di viverlo, parlando, incontrando, discutendo. Le foto sono di Roberto Boccaccino.

 

Qui, una brevissima anticipazione. Potete esplorare il mondo di Day by Day e vedere le foto in gallerie interattive sul n. 9 di DA Design & Architecture, che uscirà in febbraio, in tre lingue: inglese, cinese e russo.

 

Intanto…
www.acasaproject.com

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico