Il design del Cile, influenzato dall’Oceano Pacifico e dalle Ande

Design & Architecture 8 su iPad, disponibile su iTunes Store, presenta progetti green e di giovani designer. Ecco, allora, i giovani designer cileni. Se volete vedere più immagini e godere dell’interattività dell’iPad, potete downloadare gratuitamente il numero 8 di DA, “Young and Green Design” (in inglese).

 

Il Cile è una nazione che si trova a sud del mondo: sono 14 le ore di volo che separano la capitale Santiago e la città di Milano. Nella sua lunga e stretta striscia di terra, ospita una popolazione di poco più di 16 milioni di persone che abitano la terra insieme ai gruppi etnici originari; dopo l’arrivo degli europei emigrati in più fasi hanno dato vita a un popolo eterogeneo e accogliente.

 

Con una natura geografica molto originale ed esuberante, il paese è caratterizzato dalla forza terrestre e dalla bellezza dei suoi paesaggi. Da nord a sud è delimitato dal vasto Oceano Pacifico ed è attraversato dalla maestosa catena delle Ande, passando per il deserto di Atacama, il più arido del mondo, fino ad arrivare alle valli mediterranee centrali, alle foreste e ai laghi del sud, ai fiordi, alle isole e ai ghiacciai della zona australe per raggiungere infine i ghiacci permanenti del continente antartico. E al largo le isole di Pasqua e di Robinson Crusoe.

 

La varietà del clima e dei paesaggi del Cile ha influenzato lo sviluppo della cultura e ha ispirato i designer. Da qui, osservando la natura, che fornisce loro legno naturale, argilla, fibre vegetali, metalli, hanno creato un linguaggio e un dialogo singolare tra analogico e digitale, tra artigianato e tecnologia, per progettare oggetti, lampade e arredi ispirati alla poetica della forma così come hanno fatto Vicente Huidobro, Pablo Neruda e Gabriela Mistral con la letteratura o Alfredo Jaar, Eugenio Dittborn, Matilde Perez e Paz Errázuriz con le arti visive.

 

Giovani designer, uomini e donne nati e formati in Cile, hanno preso ispirazione dalla loro terra per ideare le forme che danno vita ai prodotti presentati in aprile al Salone Satellite del Salone del Mobile di Milano 2012, nella mostra Passion+Vision Chilean Design.
Vengono dal Cile per mostrare il suo enorme potenziale nello sviluppo di nuovi linguaggi e presentarli al mondo intero. Si tratta di una nuova generazione che sta consolidando un modo di progettare locale ma allo stesso tempo globale, come prova di semplicità e umiltà, ma con la certezza di star costruendo la storia di un percorso ricco di significati, esperienze e audacia con l’obiettivo di innovare a partire dall’identità del Cile come paese e continente.

 

I designer di Made in Mimbre/The Andes House, per aggiungere valore ai loro prodotti, adoperano le fibre naturali lavorate dagli artigiani di Chimbarongo e il legno originario dei tagliatori di Villarica, come anche i metalli del Cile settentrionale. Gli arredi di Bravo! sono realizzati con legno pregiato e danno vita a forme semplici e a set perfetti per tavoli e sedie. In Pro2 giocano con la pluralità attraverso pezzi che si montano e formano lampade, orologi, portabicchieri e fruttiere realizzate in modo da poter essere assemblate. GT2P è un gruppo composto da diverse professionalità che si uniscono per sperimentare con tecnologie avanzate e tecniche tradizionali. Juan Pablo Fuentes impara a lavorare il marmo delle Ande per sviluppare utensili semplici ed eleganti. Veronica Posada, con le sue creazioni vicine all’arte della seduzione, è sempre alla ricerca giocosa dell’ironia e della connessione con l’ecologia. Jaim Telias, facendo propri i materiali e sperimentando fino a generare forti contrasti, è un inventore di oggetti ispirati all’architettura, alle arti visive e alla poesia. Macarena Pollock scopre nella Valle del Elqui il frutto di un cactus molto delicato e delizioso da proteggere all’ interno di un contenitore che si piega e si dispiega come un cesto di frutta, con l’obiettivo di arrivare direttamente sulle tavole di tutto il mondo.

 

Attraverso il programma elaborato dalla Direzione per gli Affari Culturali – Ministero degli Affari Esteri – DIRAC, da PROCHILE, Istituzione del Ministero degli Affari Esteri incaricata di promuovere le esportazione del paese, nonché gli investimenti stranieri in Cile ed il turismo, dal Consiglio Nazionale per la Cultura e le Arti e in collaborazione con l’azienda Masisa, l’importante esposizione di design cileno è arrivata a Milano in aprile 2012 per stupire e affascinare il pubblico del Salone Satellite.

 

articolo di Hernán Garfias


Nell’immagine di apertura GT2P (Tamara Pérez, Diana Duarte, Alexy Narváez, Sebastián Rozas, Guillermo Parada) — www.gt2p.com

 

Scarica gratuitamente il numero 8 di DA, “Young and Green Design” (in inglese).

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico