IFAD, agenzia ONU a Roma | Primo edificio LEED EBO&M in Italia grazie ad Habitech

È l’IFAD – Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo, agenzia specializzata delle Nazioni Unite con sede a Roma, il primo edificio in Italia certificato LEED® EBO&M v3/2009, il rating LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) di sostenibilità ambientale per gli edifici esistenti. Questo risultato è stato raggiunto grazie al lavoro del facility management dell’IFAD con la stretta collaborazione di Habitech – Distretto Tecnologico Trentino.

 

La certificazione ufficiale è stata rilasciata il mese scorso dall’organismo statunitense di edilizia sostenibile Green Building Council. Fra le quattro possibili certificazioni LEED (Certified, Silver, Gold, Platinum) l’edificio è stato classificato “Gold”.
Dopo aver accompagnato alla certificazione LEED la prima scuola in Europa (l’Istituto Tecnico Commerciale “Floriani” di Riva del Garda) Habitech è ora anche la prima società ad aver supportato con successo la certificazione LEED EB:O&M di un edificio in Italia.
Oggi, 23 settembre, a Roma, durante la terza tappa del lancio ufficiale di LEED Italia, è avvenuta la consegna del riconoscimento da parte di Scott Horst, Vicepresidente di USGBC, ad un rappresentante dell’ IFAD. L’appuntamento romano coincide con il World Green Building Day, la giornata mondiale per la promozione degli edifici ecosostenibili.
L’edificio dove lavora una comunità internazionale si sviluppa su 27.000 mq di superficie, 8 piani fuori terra e due piani interrati. Soddisfatto l’Amministratore delegato di Habitech Gianni Lazzari: “I dipendenti rappresentano una comunità internazionale numerosa e riuscire a individuare una politica di gestione sostenibile inducendo comportamenti personali consapevoli è un obiettivo ambizioso e coerente con il concetto di sostenibilità. Pensare infatti  alla sostenibilità come misura delle caratteristiche ambientali di un involucro e dei suoi impianti è importante, ma limitativo se non vengono coinvolte le persone“.
Dello stesso parere anche il Presidente del GBC Italia Mario Zoccatelli: “La certificazione LEED EBO&M Gold ottenuta da IFAD è motivo di orgoglio per GBC Italia e uno sprone a porsi obiettivi ancora più ambiziosi. Un’importante organizzazione internazionale come l’IFAD  ha scelto LEED per le proprie politiche  di sostenibilità e ha ritenuto di fare ciò in collaborazione con il socio promotore del GBC Italia, Habitech, che ha dimostrato in questo progetto elevata competenza e capacità di attivare network al massimo livello internazionale in materia. GBC Italia si complimenta con i protagonisti di queste eccellente risultato  che dimostra come la scelta LEED sia valida e praticabile anche nel contesto italiano”.

 

LEED EB:O&M è uno standard completo ed olistico che affronta tutte le tematiche che riguardano la sostenibilità legata all’occupazione di un edificio. Fra i più importanti livelli prestazionali raggiunti sull’edificio si possono annoverare: una riduzione dei consumi energetici annui di circa il 10%; il tasso di riciclaggio dei rifiuti prodotti da beni di consumo pari all’88% e quello da beni durevoli pari al 100%; il 100% dell’energia elettrica utilizzata proveniente da fonti rinnovabili e certificata RECs; l’82% di tutte le apparecchiature elettriche ad elevato risparmio energetico e certificate Energy Star; le materie prime per gli arredi contenenti legno certificato FSC e materiale riciclato. Particolare attenzione è stata dedicata anche alla mobilità sostenibile. Infatti, si è incentivato l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta, offrendo uno shuttle bus gratuito che collega la fermata metro e bus Laurentina e mettendo a disposizione docce con spogliatoi per chi si reca in ufficio in bici o per chi sceglie di fare jogging.

 

Habitech è il Distretto Tecnologico Trentino per l’Energia e l’Ambiente, riconosciuto dal Ministero dell’Università e della Ricerca e composto da oltre 300  imprese, enti di ricerca e agenzie pubbliche, per un totale di 8.000 addetti.  Supporta l’innovazione e lo sviluppo di filiere, crea progetti e servizi nei settori dell’edilizia sostenibile, dell’energia e della mobilità alternativa.
Società promotrice del Green Building Council Italia, Habitech ha portato lo standard LEED nel nostro paese. È specializzata nella consulenza e nella gestione di progetti LEED e conta al suo interno il più grande numero di LEED AP in Italia, un team di lavoro integrato ed esperto che, a oggi, ha guidato il 50% dei progetti certificati a livello nazionale.
Il lavoro di Habitech ha condotto alla prima certificazione LEED  in Europa di un edificio scolastico (certificazione ottenuta: LEED School 2.0 Gold – Novembre 2009 – Istituto Tecnico Commerciale Floriani,  Riva del Garda)  e alla  prima certificazione LEED EBO&M in Italia di un edificio esistente (certificazione ottenuta: LEED EBO&M Gold – Agosto 2010 – IFAD Headquarters, Roma).

 

Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) lavora con le popolazioni povere delle aree rurali per aiutarle a incrementare la produzione agricola e la vendita dei loro prodotti, ad aumentare i propri redditi e a decidere autonomamente sulle questioni che riguardano la loro vita. Dal 1978, l’IFAD ha investito oltre 12 miliardi di dollari in prestiti a tassi agevolati e donazioni a paesi in via di sviluppo, mettendo circa 350 milioni di persone in condizione di uscire dalla povertà. L’IFAD è un’istituzione finanziaria internazionale e un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite con sede a Roma – il polo delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. È un partenariato unico nel suo genere, composto da 165 paesi, tra membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e altri paesi in via di sviluppo.

 

Habitech
Via Fortunato Zeni, 8
38068 Rovereto, Trento
Tel. 0464 443450
Fax 0464 443460
www.dttn.it

 

Nell’immagine, Progetto LEED IFAD – International Fund for Agricultural Development, Roma. Certificato LEED® EBO&M v3 Gold

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico