Housing, il progetto di fresh architectures in mostra a Parigi

Lo studio fresh architectures presenta il suo progetto di Housing alla Cité de l’architecture et du patri moine di Parigi in una mostra che si terrà fino al 2013.

 

Il progetto di un edificio a Parigi sviluppato da fresh architectures, vincitore di un concorso di progettazione sul tema del public housing, è stato selezionato per essere incluso in una mostra in corso al Palais de Chaillot architecture museum di Parigi. La mostra, inaugurata a metà marzo, sarà visitabile fino al 2013. La mostra presenterà trenata progetti realizzati in Francia.

 

Situata alla fine del padiglione Modern and Contemporary Architecture del Cité de l’Architécture Museum, la mostra è la continuazione di una precedente esposizione dal titolo Towards New Public Housing 1, che si è tenuta tra il giugno 2009 e la fine del 2011.
Towards New Public Housing 2 ha lo scopo di dimostrare una “resistenza” alla banalizzazione dei progetti di housing, soggetti a un numero sempre crescente di standardizzazioni. Sedici dei progetti in mostra in occasione della prima esposizione e attualmente in corso di realizzazione sono allestiti in un’area, mentre la mostra principale è articolata in cinque sezioni:
– una selezione di trentadue progetti situati in Francia;
– sedici progetti realizzati in Francia e raccontati a tre anni dalla loro conclusione;
 – quattordici student housing buildings a Bordeaux, Grenoble, Le Havre, Troyes, Parigi e nella regione parigina;
– una selezione di sessanta progetti europei, dalla Spagna all’Olanda;
– una sezione storica incentrata sull’housing pubblico tra il 1916 e il 2000 che allestisce il materiale d’archivio del’Institut français d’architecture.

 

Il progetto di fresh architectures nel decimo arrondissement della capitale francese, all’angolo tra Boulevard de la Villette and the Rue du Faubourg Saint Martin, è situato a pochi passi da La Villette. L’edificio, collocato nello Stalingrad district di Parigi, un’area al centro di un processo di rinnovamento urbano, sarà di proprietà di SIEMP (un’impresa di costruzioni metà pubblica e metà privata). Il lotto di 1500 mq comprenderà 17 alloggi e negozi, con un’altezza massima di 18 metri, in accordo con i limiti imposti dalla normativa per gli edifici di nuova costruzione al fine di uniformarsi con lo skyline esistente.
La sua posizione d’angolo in un isolato delimitato da Rue de l’Aqueduc, Boulevard de la Villette, Rue du Faubourg Saint Martin e il Passage Barthélemy ne determina le linee geometriche pure, facilmente riconoscibili.
Per creare un effetto monolitico creando un unico “oggetto” in grado di rappresentare la nuova architettura contemporanea dell’area urbana, fresh architectures ha scelto un unico materiale per la finitura esterna: piastrelle smaltate in due diversi colori al fine di distinguere le due ali dell’edificio e di evidenziare l’ingresso. L’edificio principale all’angolo tra Rue du Faubourg Saint Martin e Boulevard de la Villette avrà una superficie esterna in varie gradazioni di bianco, mentre la seconda ala tra Boulevard de la Villette e Rue de l’Aqueduc sarà grigio scuro. La superficie smaltata ridurrà il deposito di sostanze inquinanti sulla facciata, che sarà pulita dalla pioggia.
La realizzazione dell’edificio comincerà all’inizio del 2012 e si prevede la sua conclusione nell’arco di diciotto mesi.

 

a cura di Federica Maietti

 

Per ulteriori informazioni
www.fresharchitectures.eu

 

Nell’immagine di apertura, il SIEMP building di fresh architectures visto dal Boulevard de la Villette. © fresh architectures

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico