Hotel e benessere – Alla ricerca di un’esperienza sensoriale

Nel penultimo giorno del Sia Guest, vi offriamo la possibilità di conoscere un hotel fuori dal comune. All’interno della prestigiosa fabbrica dell’Hotel Exedra Nice, l’albergo di Nizza di proprietà della Boscolo Hotels, sorge al piano interrato lo stupefacente wellness center firmato dell’architetto Simone Micheli, presente in fiera a Rimini con HOTELXCHILDREN.

 

Progettare uno spazio destinato alla rigenerazione psicofisica e al relax, nell’incantata Costa Azzurra, significa dialogare con lo straordinario storico esistente attraverso la generazione di luoghi anti-mimetici ed emozionanti legati alla nostra contemporaneità, sedotto della volontà di esaltare la sfera sensoriale degli ospiti attraverso un progetto dai tratti forti ma inebrianti che evolvono nella sinestesia. Un nuovo passo verso il futuro secondo il mio credo architettonico e i miei riferimenti contenutistici e formali, per sogni e realizzazioni d’eccellenza”, così l’architetto Simone Micheli presenta il suo progetto. Si tratta di un’opera iper-contemporanea, talmente forte dal punto di vista espressivo da divenire riferimento iconico per i centri benessere futuri in tutto il mondo, capace di coinvolgere gli utilizzatori in una dimensione tridimensionale e polisensoriale mai vista prima. Da queste premesse concettuali è nato il nuovo centro benessere dell’Hotel di Nizza.

È un manifesto tridimensionale del possibile e voluto connubio tra architettura, sensorialità e benessere; della sinergia e commistione tra basici arredi assolutamente funzionali, forme plastiche e fluide, e l’esperienza privata dell’ospite che percorre questo spazio all’interno di un sogno magnifico che tende all’irreale. Si tratta di una sinestetica riflessione volumetrica, visiva e contenutistica che vuole identificare un percorso per la celebrazione del rapporto tra uomo, spazio costruito e benessere, tra materia, superfici, luce, colore, suono, profumo e acqua. Un luogo interattivo, ibrido, emozionante e anticanonico, caratterizzato da una zona di accettazione-reception, da percorsi di distribuzione, dagli spogliatoi uomo-donna, da un’area fitness, dalle cabine per i trattamenti, dalla zona umida con sauna, bagno turco, docce, fabbricatore di ghiaccio e spazio relax, e da una piscina scandita da multipli giochi d’acqua.

Tutto è stato disegnato per integrare e cullare l’ospite in questo sogno: un spazio capace di vivere anche indipendentemente dall’albergo. Le murature sono rivestite fluidamente con plastiche e dinamiche superfici realizzate in espanso e finite con gesso e resina bianca lucida, sapientemente contrapposte a rigorosi rivestimenti parietali in specchio e specchio acidato. Si viene a creare così una materica cortina bianca che veste tutte le pareti con un andamento sinuoso e organico, e un gioco di luci e ombre che queste superfici proiettano su se stesse grazie all’illuminazione puntiforme posta a soffitto che smaterializza e traspone l’immagine stereotipata dello spazio-scatola nella scenografia assoluta. Tutti questi spazi si percorrono camminando su una pavimentazione scabra in pietra di Prun naturale, e alla matericità e plasticità di tutto quello che ci circonda si contrappongono i volumi puliti ed essenziali degli arredi e il soffitto colorato, disegnato dagli sfondati retroilluminati.
Fluide vetrine espositrici per prodotti di bellezza, colorate internamente di blu, emergono quasi naturalmente dalle pareti sagomate e dal pavimento, illuminate con faretti led bianchi, così come possenti sculture/albero color bianco si ergono quasi casualmente all’interno degli spazi delineati.
Al centro dell’intervento è ubicata la reception, a cui si accede direttamente dalla hall, dai piani delle camere e dall’esterno: un plastico desk completamente laccato bianco lucido che contiene e isola la zona dedicata al lavoro e all’accoglienza.
Al suo fianco trova spazio, da un lato, la zona fitness caratterizzata dal movimento sinuoso delle pareti bianche e da specchi che celano grandi monitor multimediali pulsanti immagini e colori, dall’altro si accede direttamente agli spogliatoi segnati dalle lastre di pietra di Prun naturale che rivestono sia i pavimenti che le pareti dietro le docce, da un controsoffitto colorato e da arredi in solid surface bianco o laccati bianco lucido.

Proseguendo questo percorso sensoriale, le forme armoniche e curvilinee si traspongono in un fluido rivestimento effetto “tenda” realizzato in espanso finito anch’esso con gesso e resina bianca lucida, caratterizzando i corridoi e tutta l’area wellness.
Si giunge dunque all’area delle salette per i trattamenti del corpo, tutte dotate di lavabo in solid surface bianco e docce a filo pavimento, internamente ed esternamente rivestite in specchio acidato con porte scorrevoli e con soffitto colorato, disegnato dagli sfondati retroilluminati con neon bianchi a luce calda che determinano giochi di luci riflesse. Questo spazio è completato da una spaziosa cabina doppia per i trattamenti di coppia con una lunga vasca fuori scala in solid surface bianco.
Proseguendo oltre si sviluppa la zona umida del centro: sauna, bagno turco, docce aromatiche, docce vichy, fabbricatore di ghiaccio, acque ghiacciate e acque calde che offrono al cliente una totale immersione in una dimensione che permette di rilassarsi in un’atmosfera onirica e surreale. Un’enorme vetrata segnata da grandi porte separa e suddivide la sauna, completamente rivestita in listelli di cedro, e il bagno turco, trattato con vernice bianca lucida glitterata, dalle altre docce del centro. La pavimentazione in pietra naturale e i soffitti colorati caratterizzano anche la zona relax dalle comode e affascinanti chaise longue.
Emerge, infine, lo spettacolare spazio della piscina-idromassaggio con il rivestimento in tessere musive vetrificate color argento/specchio, che avvolge l’involucro murario creando un fluido frammento di cielo grazie alle sottili e puntuali luminescenze blu dei led incassati e alle continue riflessioni dell’acqua in movimento. La vasca, dominata dal grande albero idealizzato dal cui ramo fuoriesce e scroscia un possente getto di acqua massaggiante, presenta una lunga panca idromassaggio laterale, rivestita anch’essa in mosaico vetrificato argento, al cui interno trovano posto variabili effetti e giochi d’acqua. Scenografiche cascate di pioggia scendono da un grande portale metallico colorato di blu intenso lucido che segna l’accesso principale alla piscina, da un ampio disco di acciaio inox lucido a soffitto e dai doccioni a parete retroilluminati con luce blu, rendendo unico ed esclusivo questo spettacolare percorso di benessere nell’acqua.

Ci troviamo quindi davanti a una progettazione totale volta a una straordinaria ricerca di emotività: gli spazi sono trattati come schegge di architettura con la precisa affermazione di una seducente teatralità che arriva a interagire con tutte le sfere sensoriali. È un luogo immaginato per suggestionare e stimolare ogni frammento spaziale e materico, concepito per generare plurime interazioni e combinazioni sensuali. Il nuovo centro benessere dell’Hotel Exedra Nice offre ai suoi visitatori la possibilità di rigenerarsi e di vivere esperienze sensoriali in un sogno divenuto materia, unico, spettacolare e destabilizzante, offrendo loro una dimensione di stupefacenti sorprese ed esaltazioni emotive.

 

Progetto di architettura d’interni e illuminotecnico: arch. Simone Micheli
Cliente: Boscolo Hotels
Progettazione e realizzazione: 2008
Luogo: Hotel Exedra Nice (Nizza)

 

Nell’immagine, foto di Jürgen Eheim

 

Valentina Pilenga
Articolo tratto da Dossier Habitat n. 38, Ottobre 2009

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico