Green Designer, 150 tirocini a rimborso nel settore ambientale

Insomma, è tempo di rendersi conto davvero che il settore ambientale deve dare lavoro ai giovani più aggiornati, deve costituire l’input per dare spazio a chi “sa” di green. Ecco una buona occasione in particolare di tecnici e green designer. Sono queste le opportunità che chi può deve creare, per evitare che l’opportunità del lavoro nel settore ambientale, che ha un futuro e soprattutto (cosa ancor più importante) un presente molto più radioso di altri lavori legati al mondo dell’edilizia, non rimanga sempre e solo un’occasione, sempre e solo the next big thing.

Sono disponibili 150 tirocini retribuiti con indennità obbligatoria della durata di sei mesi per avvicinare i giovani designer al mondo del lavoro, nel settore ambiente. Si tratta di un progetto della Fondazione Cariplo, denominato “Green training on the jobs”, che chiama a raccolta le aziende lombarde e della zona di Verbano Cusio Ossola. Obiettivo: aprire le porte dell’occupazione alle nuove leve con green skills, in particolare eco designer, oltre a ingegneri ambientali, tecnici e scienziati ambientali, esperti in comunicazione.

È circoscritto solo alla Lombarda, ma cercheremo di scovare e pubblicare mano a mano altre possibilità del genere in altre regioni.
Se siete interessati, dovete inviare le richieste allo sportello stage di ACTL alla mail greenjobs@sportellostage.it, realtà che deve selezionare i giovani e accompagnarli negli incontri con le aziende. Il progetto è importante: permette di avviare i giovani green designer al mondo del lavoro, anche perchè costituisce un caso studio fongreendamentale per diffondere un cambiamento culturale all’interno delle aziende. Dunque occorre mettere i giusti paletti e rispettare tutti i termini.

E tra i termini della questione c’è anche il rimborso. Parliamo quindi di soldi: il progetto prevede l’indennità obbligatoria sulla base del minimo stabilito dalla regione Lombardia: 400 euro al mese. La stessa ACTL supporterà (parola di Marina Verderajme, presidente di ACTL) le aziende affinchè possano dare il rimborso agli eco designer e ai tecnici coinvolti.
Verranno svolti colloqui di orientamento in 30 scuole e 150 classi. 60 classi dei licei parteciperanno a corsi di formazione per l’autoimprenditorialità in campo green.

Il consiglio per chi vorrà accedere è: essere aggiornati sulle direttive europee, sui trend tecnologici e sui fenomeni ambientali.
Nominiamo anche i partner, a scanso di equivoci: Assolombarda, Camera di Commercio di Milano e Confcommercio. Tutti attori per dare spazio ai giovani designer green.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico