Green design. Nasce il primo Community Garden, un giardino di design a Milano

Un’area verde dimenticata si trasforma in un piccolo e rinato “giardino”, con tanto di aiuole modulari piantumate dai designer-giardinieri e affidate alle cure dei cittadini e delle botteghe artigiane di quartiere. Succede a Milano grazie al primo “Community Garden” su progetto di Claudia Zanfi (direzione aMAZElab/Laboratorio del Paesaggio).

 

In occasione della nona edizione di Green Island, Claudia Zanfi ha infatti invitato botanici, designer, paesaggisti a realizzare il primo giardino design di erbe spontanee a Milano in Zona Isola – Cavalcavia Bussa.

 

Il programma di adozioni, unico nel suo genere a Milano, ha dato vita a un vero e proprio sistema di “Community Garden”, grazie anche ai divertenti e utili annaffiatoi disegnati da Marti Giuxè, omaggio del Museo Alessi che da anni sostiene pratiche creative come Green Island.
Lungo le transenne dei cantieri e le torri in vetrocemento della Stazione Garibaldi che danno all’area un sapore post-industriale, è stata realizzata una sorta di libreria verde con tavole botaniche, per spiegare ai passanti le diverse essenze erbacee selezionate per le adiacenti aiuole, mentre sulla discesa del cavalcavia, l’unica ciclabile del quartiere Isola è ora bordata da tre specie vegetali scelte apposta per le loro forme differenti, i diversi colori e profumi: Biancospino, Berberis e Rosa canina alternate per creare una sorta di ‘muro verde’ (ma anche rosa, bianco per i fiori e rosso per le bacche).
Le aiuole modulari contenenti la “collezione di erbacee” (Dacus carota, Verbena officinalis, Glyceria maxima, ecc.) selezionate insieme al direttore dell’Orto Botoanico di Brera e il giardino di arbusti spontanei (Biancospino, Berberis e Rosa canina) rappresentano la prima opera pubblica dedicata al verde spontaneo, donata al quartiere Isola, che rimarrà permanente grazie anche alle cure e all’attenzione dei suoi cittadini.

 

Green Island, progetto ideato da Claudia Zanfi e giunto quest’anno alla sua nona edizione, è attivo dal 2002 nella Zona Isola Milano tra la Stazione Garibaldi e via Pepe con lo scopo di valorizzare lo spazio pubblico, e coinvolge un ampio network di negozi, laboratori artigianali e artistici, studi di design e di architettura del quartiere Isola, oltre a proporre installazioni e progetti “site specific” realizzati appositamente per l’occasione. Molti gli autori (artisti, fotografi, designer, architetti, teorici, studenti) coinvolti nelle precedenti edizioni: da Andrea Branzi con la sua proposta per Oasi Verde Garibaldi, all’olandese Ton Matton con il Frutteto Urbano; da Lois Weinberger coi suoi Giardini Mobili (presentati poi alla Biennale di Venezia), ai giovani designer polacchi Medusa Group. Green Island realizza inoltre ampie attività didattiche sia a livello universitario che per bambini.

 

Per ulteriori informazioni
aMAZElab Art&Cultures
Tel. 02 6071623
E-mail: press@amaze.it
www.amaze.it

 

Nell’immagine di apertura, aiuole “Green Island” 2011, courtesy aMAZElab, Milano

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico