Glenn Murcutt vince l’Aia Gold Medal 2009

L’architetto australiano Glenn Murcutt, già vincitore del Pritzker Prize nel 2002, riceverà a febbraio l’AIA Gold Medal 2009, il massimo riconoscimento dell’American Institute of Architects, attribuito ogni anno a un individuo, non necessariamente un americano o un architetto, che grazie al suo percorso professionale e all’insieme delle sue opere abbia influenzato in maniera significativa la teoria e la pratica dell’architettura, in termini di soluzioni formali innovative e di relazioni con altre discipline. 

 

La giuria ufficiale del premio ha lodato il progettista “per la capacità di costruire abitazioni all’insegna della sostenibilità ecologica e sociale” e “l’attenzione alle peculiarità geografiche e regionali, dimostrata fin dagli inizi della sua carriera”, come ha sottolineato Tadao Ando, sostenitore della nomination di Murcutt e vincitore della medaglia d’oro nel 2005.

Tra i vincitori delle precedenti edizioni ricordiamo inoltre Louis Henri Sullivan (1944), Frank Lloyd Wright (1949), Walter Gropius (1959), Le Corbusier (1961), Alvar Aalto (1963), Pier Luigi Nervi (1964), Louis I. Kahn (1971), Ieoh Ming Pei (1979), Sir Norman Foster (1994), Renzo Piano (2007).

 

L’AIA ha inoltre conferito ad Adele Santos, preside della MIT Architecture School, la Topaz Medal per il contributo reso alla formazione dei futuri architetti, mentre lo studio statunitense Olson Sundberg Kundig Allen è stato premiato con l’Architecture Firm Award.

 

Fonte: www.professionearchitetto.it

Immagine tratta dal sito: www.ozetecture.org

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico