Gabriele Basilico, cartoline d’Italia

Prosegue fino al prossimo 20 settembre la mostra personale di Gabriele Basilico Cartoline dall’Italia, organizzata dalla curatrice Angela Madesani in concomitanza con la Biennale di Architettura presso la galleria Michela Rizzo di Venezia. Dell’artista milanese saranno in mostra il primo importante progetto, Milano. Ritratti di fabbriche, e un’indagine sull’architettura civile rinascimentale, mettendo in relazione due momenti significativi della ricerca di Gabriele Basilico: la rappresentazione del mondo industriale milanese in un momento di irreversibile trasformazione, alla fine degli anni Settanta, e la riflessione sulla storia artistica del nostro Paese.


Milano. Ritratti di fabbriche è un’indagine sistematica delle zone della periferia industriale del capoluogo lombardo, alcune ancora esistenti, altre definitivamente scomparse, realizzata tra il 1978 e il 1980. Di formazione architetto, Basilico ha offerto una visione fotografica della periferia completamente diversa da quanto era stato fatto sino a quel momento. Non si tratta di uno studio di archeologia industriale e neppure di un’indagine di matrice sociale in senso tradizionale. L’accento è posto, piuttosto, sugli edifici, sulla loro collocazione nello spazio e sul rapporto che viene a crearsi tra loro.

 

La ricerca sull’architettura civile rinascimentale è iniziata nel 2011 quando a Basilico è stato proposto dalla casa editrice FMR-AR T’E’ di fotografare un gruppo di edifici rinascimentali che popolano alcune città italiane: Milano, Mantova, Venezia, Firenze, Urbino, Roma, Napoli. Tutti edifici che Basilico conosceva molto bene e che per questa occasione l’artista ha studiato nei dettagli, percorrendoli palmo a palmo, misurandoli con i propri occhi e con il proprio cammino. Si tratta di un lavoro teso a leggere in maniera oggettiva le diverse architetture, senza alcun desiderio di enfatizzazione, con sguardo analitico, scientifico, in cui i dettami costruttivi non diventano sovrastanti all’interno dell’immagine finale.

 

I lavori in mostra a Venezia, distanti tra loro, cronologicamente circa un trentennio, sono la registrazione, la testimonianza dello spazio e dell’architettura in tempi diversi: la città dell’industria colta nel momento del suo tramonto e l’eternità della città rinascimentale colta nel tempo della surmodernità, per utilizzare una definizione del sociologo francese Marc Augé.

 

Una mostra, questa veneziana, in cui attraverso due importanti lavori, rigorosamente in bianco e nero, è possibile cogliere l’essenza dello studio e della poetica di uno dei più grandi fotografi degli ultimi quarant’anni, che ha disegnato lo spazio attraverso l’esperienza dello sguardo.
dal comunicato stampa di Angela Madesani


SCHEDA EVENTO
Gabriele Basilico | Cartoline d’Italia
a cura di Angela Madesani


In collaborazione con
Giovanna Calvenzi e Studio Basilico


Luogo
Galleria Michela Rizzo | Giudecca 800q
Isola della Giudecca
Venezia

 

Periodo
fino al 20 settembre 2014


Per ulteriori informazioni
041 8391711
info@galleriamichelarizzo.net
www.galleriamichelarizzo.net

 

Nell’immagine, Gabriele Basilico, Palazzo Ducale, Urbino, 2011-2012

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico