Furniture design, Karim Rashid e Jean Nouvel a confronto

Ispirati dal Salone del mobile da poco concluso, proponiamo una sfida tra due designer decisamente diversi. Il primo, Karim Rashid, è un designer puro, molto noto per le sue creazioni talvolta stravaganti, per forma e colore, talvolta naif (in particolare i primi lavori), ma sempre molto originali e interessanti all’interno di quello che è un percorso personale e all’interno di una poetica e di un’idea di design.
Jean Nouvel è invece un architetto e il suo approccio è completamente diverso. I suoi lavori per l’arredo sono molto più “razionali” rispetto a quelli di Rashid ed è chiaro che sono il frutto di una preparazione diversa, forse più classica, ma comunque decisamente “potente” per la tipologia di linea e forme che adotta. Molto spesso le sue sedie e i suoi divani sono quadrati, spigolosi, al contrario di quelli di Karim Rashid, che assumono più spesso forme tonde. È una differenza evidente, quindi quasi scontata. Ma è la prima cosa che l’occhio nota. E, nel design, la prima cosa che l’occhio nota, l’impatto, a prescindere dall’eventuale ambientazione, è fondamentale.
Voi chi preferite, Rashid o Nouvel? E’ possibile scegliere tra i due?

 

Ecco nella slide qui sopra una “folta” gallery di immagini relative a prodotti per il furniture design e, sotto, una nota bio di entrambi.

 

Karim Rashid è nato nel 1960 a Il Cairo. Nel 1982 si diploma in Industrial Design alla Carleton University di Ottawa. Prosegue gli studi di design in Italia, a Napoli con Ettore Sottsass e a Milano presso lo studio di Industrial Design di Rodolfo Bonetto. Rientra in Canada e, a Toronto, collabora con la Kan Industrial Designers e fonda lo Babel Inc. and North Studio (1985-91).
Nel 1983 apre a New York un’attività in proprio con diversi clienti tra cui Giorgio Armani, Guzzini, IMAX, Pure Design, Sony, Tommy Hilfiger, Totem, Villeroy & Boch, Yahoo, Yves Saint Laurent, Zanotta e Zeritalia.
Tra i riconoscimenti più recenti si ricordano il Canadian Design Hero 2001, il Design Effectiveness Gold Award 2001 e 1999, il Daimler Chrysler Award 1999, il George Nelson Award 1999, il Silver IDEA Award 1999, il Philadelphia Museum of Art Collab Award 1999, il Brooklyn Museum of Art Designer 1998.
Per dieci anni docente di Design Industriale presso la University of Arts di Philadelphia, ha insegnato in diversi luoghi al Pratt Institute di New York, alla Scuola di Design nel Rhode Island e all’Ontario College of Art.
Le sue realizzazioni sono esposte presso diversi musei in tutto il mondo, tra i quali il Museum of Modern Art di New York, il Philadelphia Museum of Art, il San Francisco Museum of Modern Art, il Toronto Design Exchange, il British Design Museum di Londra, il Tokyo Gas, il Groningen Museum in Olanda e il Miami Museum of Contemporary Art.
www.karimrashid.com

 

Jean Nouvel nasce il 12 agosto 1945 a Fumel, nella Francia sud-orientale. Si diploma nel 1972 presso la Scuola nazionale superiore di Belle Arti di Parigi. Lavora dal 1967 al 1970 presso lo studio dell’architetto Claude Parent. Con François Seigneur  apre il suo primo studio nel 1970. Incontra il critico Georges Boudaille, grazie al quale diventa architetto della Biennale di Parigi, fin dal 1971. Realizza numerosi allestimenti  tra cui quello della sezione architettura e design della mostra “Gli anni 50” al Centre Pompidou nel 1988 e quello della mostra “Il futuro del lavoro” e “La Mobilità” per l’Expo 2000 di Hannover.
La sua prima realizzazione importante (l’”architettura critica”), è la Casa Dick (Saint-André-les-Vergers, Aube, 1976). Da allora realizza diversi progetti: il Centro medico-chirurgico del Val-Notre-Dame a Bezons (Val-d’Oise, 1976), il Collegio Anna Franck a Antony (Hauts-de-Seine, 1978), fino al 1981, anno in cui si aggiudica il concorso per l’Institut du Monde Arabe. La realizzazione di questo progetto segna un punto di svolta per l’architettura francese sulla scena internazionale. Tra il 1989 e il 1991 vengono realizzati studi su novanta progetti diversi. Tra i più significativi ricordiamo il Centro congressi di Tours, la Fondation Cartier di Parigi e la sede dell’agenzia CLMBBDO a Issy Les Moulineaux. I primi anni ’90 segnano un incremento dei progetti al di fuori della Francia. Nel 1990 vince il concorso per il teatro Palazzo della Cultura e dei Congressi di Lucerna e nella primavera 1996 inaugura l’edificio delle Galeries Lafayette di Berlino.
La produzione per l’interior design è ampia: lavora per aziende del calibro di Alessi, Figueras, Matteograssi, Moroso, Poltrona Frau, Unifor, Zeritalia e Molteni&C. Concepiti in seguito a procedure di smaterializzazione, i suoi lavori per l’arredo interni sono arte visva, la conclusione di un vero e proporio atto creativo, di cui sono protagonisti la luce e le superfici.
Nel 2008 ha vinto il Premio Pritzker, considerato il Premio Nobel per l’architettura.
www.jeannouvel.com

 

Karim Rashid era alla settimana del design di Milano con la mostra “Karim Sampler – An Edit for the Last 15 Years”, alla Triennale; Jean Nouvel, al Salone del mobile, presentava invece il divano Vienna per Wittmann.

 

Scorri la galleria di immagini  sul furniture design, Karim Rashid vs Jean Nouvel.


 

Nell’immagine in apertura il Toolbox di Jean Nouvel per VIA

 

 

A cura di Giacomo Sacchetti

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico