Fuksas, e la nuvola va in fumo: bocciata dall’AVCP

L’AVCP boccia la Nuvola di Fuksas: carenze, costi eccessivi e tempi più che raddoppiati. Criticità del progetto del Nuovo Centro Congressi Eur denunciate in una delibera inviata al Mef, alla Corte dei Conti per accertare eventuali danni erariali e agli altri organi coinvolti.

 

Tra il 1998 e il 2000, Eur S.p.A. ha bandito un concorso internazionale di architettura per la progettazione preliminare del Nuovo Centro Congressi dell’Eur. Il concorso se lo aggiudicò Massimiliano Fuksas, con la sua Nuvola. L’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici ha riscontrato diverse criticità per la Nuvola di Fuksas, cioè il Nuovo Centro Congressi Eur: i tempi di esecuzione più che raddoppiati (quasi 7 anni), le molte varianti, l’aumento dei costi, i troppi ricorsi ai subappalti.

 

La Nuvola di Fuksas

 

Tali criticità sono state pubblicate dall’AVCP con la delibera n. 11 di ieri 23 aprile 2014 inviata al Dipartimento del Tesoro (Mef) come azionista del committente e alla Procura della Corte dei Conti per l’accertamento di eventuali danni erariali. L’atto è stato inoltre inviato al sindaco di Roma, all’impresa esecutrice, al presidente ed all’amministratore delegato di Eur S.p.A. e al responsabile del procedimento.


La Nuvola secondo l’Avcp (Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture)
Le numerose varianti, innanzitutto, determinano un rilevante aumento dell’importo contrattuale, influiscono sui tempi di realizzazione e comportano un contenzioso tra stazione appaltante e appaltatore.

 

Alcune di queste varianti sembrano dovute a carenze e inadeguate rappresentazioni dello stato di fatto del progetto esecutivo, evitabili con un maggior approfondimento e la dovuta integrazione delle varie componenti della progettazione (architettonica, strutturale, impiantistica). Altre varianti che hanno comportato opere diverse e aggiuntive non sono contemplate dal Codice degli appalti. In particolare, si segnala la sproporzione delle ingenti somme corrisposte per le spese tecniche e la direzione artistica: circa 20 milioni di euro. L’Avcp sottolinea poi i tempi (troppo) lunghi impiegati da parte del Comune di Roma nel rilasciare le autorizzazioni prescritte.

 

A proposito delle problematiche che hanno determinato la necessità di opere diverse e aggiuntive (varianti n.7 ed 8), le esigenze finalizzate ad una ottimale fruizione del complesso per l’attività congressuale derivano da criteri generali di flessibilità d’uso del complesso, che erano da tenere in considerazione sin dalla progettazione originaria perché potevano incidere sulla distribuzione interna degli spazi e la definizione degli impianti, interferendo con le altre opere, e così dando luogo a variazioni sostanziali non riconducibili all’art.132 del Codice.

 

La Nuvola di Fuksas

 

La variante “migliorativa” che ha contemplato una diversa e più efficace concezione della struttura nei confronti dell’azione sismica, con modesta riduzione di spesa, configura una previsione progettuale perfettibile.
Per quanto riguarda il contenzioso già definito con accordo bonario, alcuni dei maggiori oneri riconosciuti all’appaltatore avrebbero dovuto essere più propriamente inseriti nelle varianti perché questi oneri sono lavorazioni aggiuntive.

 

L’Autorità sottolinea anche l’eccessiva frammentazione del contratto in sub-contratti, concausa di parte dei ritardi dalla (prima) direzione dei lavori.

 

Insomma, Fuksas ce l’hanno fatto a pezzi. Mi chiedo se possiamo considerare questa come l’eccellenza italiana. Fuksas ha vinto molti concorsi nel 2013, anche per progetti internazionali. Siamo in pericolo? Se anche gli altri progetti avessero queste macroscopiche carenze la progettazione italiana si screditerebbe non poco. Spesso, se le archistar si lasciano andare al ruolo di -star e svolgono poco quello di archi-, fanno brutte figure. Non sto dicendo che Fuksas non è un buon architetto, ma solo che lui e il suo studio dovrebbero prestare maggiore attenzione.

 

(altri progetti di Fuksas che hanno vinto concorsi)

 

a cura di Enrico Patti

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico