Follow Me, città, architettura e paesaggio in un progetto fotografico

(di Federico Ferrari) Murad Osmann, fotografo e produttore, classe 1985, nato nelle montagne del Daghestan (Russia), si trasferisce nel 1990 a Mosca dove scopre la passione per la fotografia e si laurea in Ingegneria Civile nel 2001 in Inghilterra. Dal 2001, insieme alla compagna Nataly Zakharova, blogger appassionata di moda, cura un progetto fotografico, ormai culto della social-generation, tramite l’utilizzo di Instagram.

 

L’idea del progetto chiamato Follow Me nasce per caso, come ha dichiarato Murad Osmann al MailOnile: “La prima foto è stata scattata a Barcellona mentre eravamo in vacanza. Nataly era un po’ infastidita dal fatto che io ero sempre a scattare foto. Così mi ha afferrato la mano e ha cercato di tirarmi in avanti. Questo movimento non mi ha impedito di scattare… E così è cominciato tutto.

 

Uno scatto dietro l’altro da Venezia a New York, da Bali a Berlino, dalla Cina all’Inghilterra, decine di luoghi e culture diverse in un viaggio emozionante nei luoghi più belli del pianeta. Un reportage, una storia che viene seguita sulla sua pagina di Instagram da oltre 740mila followers.
Lei di schiena gli prende la mano, lui nascosto dietro l’obiettivo la segue, ovunque.

 

Rigorosamente in due. Questa la chiave di un successo comunicativo straordinario, successo dovuto a un’idea abbastanza facile da realizzare ma allo stesso tempo interessante. Copiatissimo da molti utenti in tutto il mondo, apparentemente realizzabile con il solo ausilio di Instagram (applicazione per smartphone) e di un comune telefonino, questo progetto itinerante racconta un nuovo modo di vivere e leggere il mondo.

 

La costruzione delle immagini è molto strutturata, la composizione è sempre ben curata, studiata e bilanciata, la profondità di campo è estesa anche grazie all’uso di grandangolari che con un sapiente uso della prospettiva permettono di aprire il punto vista all’osservatore e dilatare gli spazi, costruire dinamicità e stupore, nonché potenziare l’idea del “trascinamento”.

 

L’abbigliamento di Nataly, che si vede sempre e solo di spalle, aggiungendo un alone di mistero alla sua identificazione, usa ogni volta un look diverso e ben intonato alle diverse location scelte […]. Le immagini prendono una forza e una personalità vera, quella di Nataly, che guida tutti noi a scoprire molti luoghi, luoghi che ci vengono rivelati dai suoi occhi.

 

I set sono costruiti ad hoc e i colori sono sempre molto saturi e ristrutturati tramite post elaborazione “overphotoshopped” per rafforzare l’aspetto “HDRpop” delle immagini; come spiega Murad, “gioco con i colori e modifico il contrasto ma gli scatti sono sempre veri, ricordi dei luoghi visitati.
Osmann fa una manovra raffinata diventando filtro sistematico di architetture, città, paesaggi e culture del mondo che conosciamo, almeno nel nostro immaginario visivo, facendoceli vivere in prima persona come esperienza vissuta […].


“Per me la fotografia riguarda il catturare cose che altre persone potrebbero perdersi. È una maniera per comunicare, per portare in superficie immagini che tengo ben strette nella mia mente. Voglio che le persone guardino i miei lavori e vadano oltre l’ovvio, che esplorino il mondo immaginario che ho creato” (Murad Osmann).


di Federico Ferrari*


Per ulteriori informazioni
muradosmann.com

instagram.com/muradosmann#

www.facebook.com/murad.osmanov


Scarica l’articolo completo pubblicato sul numero digitale 5-6bis di Paesaggio Urbano

 

*Architetto, Dipartimento di Architettura, Università di Ferrara

 

Nell’immagine, alcuni degli scatti del progetto fotografico Follow Me di Murad Osmann

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico