Firenze, Ex Convento Sant’Orsola: un bando per la sua valorizzazione (finalmente)

Firenze, Ex Convento Sant’Orsola

E’ stato pubblicato dalla Città Metropolitana di Firenze il bando di affidamento in concessione dell’ex Convento di Sant’Orsola, nel centro storico di Firenze, per la sua valorizzazione. Avete presente quell’edificio, nel quartiere di San Lorenzo, ricoperto di banconote da un dollaro? Ecco, stiamo parlando di quello.

L’idea dell’installazione di Vaclav Pisvejc, che nel 2011 (e poi di nuovo nel 2013) ha attaccato migliaia di banconote americane sulle pareti del complesso trasformandolo in un’opera d’arte contemporanea, era proprio quella di puntare i riflettori su questo clamoroso caso di abbandono, simboleggiando anche lo speco di soldi pubblici di cui troppo spesso si legge sui giornali.

Dell’abbandono e del degrado dell’Ex Convento di Sant’Orsola, che si protrae da oltre trent’anni, avevamo già fatto cenno tre anni fa, parlandone con Alessandro Jaff, l’allora presidente dell’Ordine degli architetti di Firenze e provincia.

Quella dell’uscita di questo avviso di gara è quindi una notizia degna di nota. L’Ex Convento di Sant’Orsola è infatti un complesso architettonico di grande valore storico e artistico. Chi conosce Firenze saprà che il complesso occupa quasi interamente l’isolato compreso tra Via Sant’Orsola, Via Guelfa, Via Panicale e Via Taddea, in una posizione baricentrica tra la Stazione Ferroviaria di Santa Maria Novella, Piazza del Duomo e Piazza Indipendenza.

Lo scopo della concessione è la valorizzazione del complesso immobiliare mediante interventi di recupero, restauro e ristrutturazione, e l’utilizzazione dell’ex convento a fini economici, secondo un programma da redigere in conformità agli “indirizzi per la redazione della proposta di programma di valorizzazione e gestione”.

Come spiega Benedetta Albanese, consigliere delegato al Patrimonio della Città Metropolitana di Firenze, “È l’occasione per dare a Sant’Orsola un’identità rinnovata, da offrire ai cittadini e ai residenti. Si tratta di realizzare non solo il restauro di un complesso di grande valore storico, ma di far assolvere all’ex convento funzioni di interesse pubblico, portando al suo interno anche attività culturali e sociali.”

Il complesso in oggetto risulta sottoposto a Vincolo Architettonico-Monumentale (ai sensi del D.Lgs. 42/2004, di cui al DM 24/07/1984  “Manifattura Tabacchi, nell’ex Monastero di S. Orsola” e al DM 28/03/1988 “Complesso monumentale di S. Orsola”). È inoltre interessato da Vincolo Archeologico (ex D. Lgs n. 42/04) quale area soggetta a tutela e valorizzazione archeologica.

Leggi anche l’articolo sul Concorso per la riqualificazione dei Portici di Piazza Dante Alighieri a Grosseto

I soggetti interessati alla presentazione della domanda di partecipazione alla procedura di gara, che dovranno inviare il plico contenente la documentazione e l’offerta all’Ufficio protocollo della Città Metropolitana di Firenze entro il 9 agosto 2016, dovranno effettuare un sopralluogo obbligatorio presso il Complesso.

La Città metropolitana procederà all’individuazione del contraente sulla base della migliore offerta valida pervenuta, purché ritenuta economicamente conveniente. Le offerte saranno valutate con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, da una Commissione giudicatrice nominata dopo la scadenza del termine per la presentazione delle offerte.

Per avere più informazioni e scaricare tutta la documentazione clicca qui.

 

Tutte le immagini sono disponibili sul sito della Città Metropolitana di Firenze e fanno parte della documentazione relativa alla gara per la concessione.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico