Firenze, un cuore tecnologico per l’edificio in legno di Viale Giannotti

legno firenze

Sei piani realizzati con tecnologia X-Lam, due edifici a energia quasi zero per un numero complessivo di 45 alloggi (39+6). Basterebbero questi numeri per far parlare del nuovo intervento di edilizia residenziale pubblica (ERP) di Viale Giannotti a Firenze promosso da CASA SpA, l’azienda che progetta, realizza e gestisce il patrimonio di ERP nell’area fiorentina.

Tale complessa opera di ingegneria, voluta fortemente sia dall’attuale sindaco di Firenze Nardella sia dall’attuale Primo Ministro Matteo Renzi, si inserisce nel programma di riqualificazione della zona ed è inoltre dotata, grazie a una collaborazione con l’ufficio tecnico di FederlegnoArredo, di un sofisticato sistema di monitoraggio per controllare l’umidità dei setti portanti in legno al fine di ottimizzare l’utilizzo e la manutenzione del fabbricato.

L’edificio – ad altissima tecnologia con energia prodotta da fonti rinnovabili pari al 72% del fabbisogno complessivo (contro il 55% richiesto dalla norma vigente) – sarà infatti la prima opera in Europa ad avere un simile impianto di monitoraggio e sarà un sicuro modello, sia in termini di sostenibilità, efficienza energetica, tecnologia e di sicurezza antisismica.

Leggi anche l’articolo sull’Hotel Nautilus di Pesaro, l’edificio in legno più alto d’Europa

Lo stesso sistema di monitoraggio, ideato da FederlegnoArredo, è stato recentemente oggetto di domanda di brevetto e consente di visionare il “battito cardiaco” dell’edificio, andando a delineare eventuali criticità che la stessa opera potrebbe avere durante il suo esercizio nel tempo. Gli stessi dati, provenienti dalle sonde installate direttamente sui pannelli X-Lam saranno inoltre visibili da CASA SpA in remoto e il sistema di monitoraggio invierà specifici “alert” identificando posizione e tipologia di criticità presentata dall’ossatura portante.

“La collaborazione con CASA SpA è per noi un importante risultato – afferma Emanuele Orsini, presidente di Assolegno – e il sistema di monitoraggio ideato dalla Federazione rappresenta una prima e importante risposta del comparto industriale di settore che vuole dare al proprio committente un riscontro effettivo circa la serietà del proprio operato”.

Soddisfatto anche il Presidente di CASA SpA, Luca Talluri: “Sono queste le collaborazioni che vogliamo incoraggiare e che vanno a integrarsi nel nostro impegno nel fornire edifici efficienti sia nei confronti del risparmio energetico che della sicurezza. L’ERP deve avere il ruolo di innovare l’abitare: la collaborazione con FederlegnoArredo e il sistema di monitoraggio installato è un ulteriore tassello a dimostrazione del nostro impegno”.

Leggi anche l’articolo Architettura e Paesaggio, il fienile contemporaneo delle Pocket Farms di Oslo

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico