Federico Delrosso “contamina” con le sue sedute

L’arte, i materiali, Save the Children, il suggestivo cavedio del  Nhow Hotel…

 

Il design è un pensiero che alle volte genera contaminazioni benefiche, soprattutto quando riesce a coinvolgere soggetti diversi dai tradizionali attori del settore e discipline apparentemente lontane dal design. A partire da questa premessa l’architetto Federico Delrosso ha elaborato l’installazione CONTAMINAZIONI, che sarà presentata quest’anno al Nhow Hotel di Milano.

 

“Mentre lavoravo al progetto delle sedute Contamina” dice Federico Delrosso “pensavo già alla collaborazione con un artista, all’emotività del progettista che, come i bambini, affronta molto seriamente il “gioco” del design, e alla possibilità di dare a questo progetto una funzione di charity action. Da questo processo è nato il concept CONTAMINAZIONI che ha diverse letture.

 

Le 5 sedute Contamina: le sedute rappresentano le diversità culturali dei 5 continenti. La loro forma deriva da una piramide tronca, una linea iconica, quasi primordiale. Ho replicato la “seduta-modulo” in diversi materiali, colori, finiture, e da questi incroci sono arrivato a potenzialità anche per ambienti non convenzionali: un esterno urbano, un territorio verde…

 

L’esplorazione ludica del progetto: i pieni e i vuoti delle sedute e la possibilità di creare dei minipaesaggi (quasi dei puzzle tridimensionali) offrono spunti di gioco con l’oggetto. Perciò  ho pensato di coinvolgere dei bambini, soggetti che più d’ogni altro hanno esperienza del gioco come scoperta e conoscenza, per vedere in quale modo avrebbero “letto” questi oggetti.

 

Lo spazio emozionale: i luoghi hanno un’anima che l’architettura cerca di rendere evidente ma sono le azioni degli uomini a darle la tangibilità. Il cavedio del Nhow Hotel è uno spazio interessante da questo punto di vista, perché è un volume assolutamente verticale, che unisce in un colpo solo il piano terra al cielo. Utilizzerò le sue pareti in fuga verso l’alto per offrire input emozionali al visitatore dell’evento.

 

La contaminazione con l’arte: l’esplorazione del gioco e dello spazio avverrà attraverso l’arte. Le sedute saranno co-protagoniste di una performance immaginata da Giovanni Manfredini, artista di fama internazionale, che coinvolgerà bambini, farfalle, emozioni… Manfredini mi ha parlato della sua performance con queste parole : “Ho pensato al volo per intervenire su oggetti terreni. Ho pensato  al sogno. Alla visione per intervenire sul/con lo sguardo dei bambini. Un volo di farfalle che sale, è la bellezza che si libera in un luogo. Lo sguardo dell’infanzia segue il volo, fotografa la poesia della libertà, dell’aria che si tinge di altra aria, di luce che si tinge di altra luce. Nuova, eterna, per lo sguardo puro e vero”.

 

La charity action a favore di Save the Children: questo lavoro potrà considerarsi completo solo se non escluderà l’infanzia meno fortunata. Per questo alcuni pezzi della collezione saranno venduti in un’asta benefica i cui introiti saranno interamente devoluti all’associazione Save the Children.”

L’immagine della collezione e dell’evento è stata curata da Paola Romano.
Il servizio fotografico della performance sarà firmato da Fausto Mazza.
Realizzazione video e post produzione di Volovisione.

Federico Delrosso
CONTAMINAZIONI
Nhow Hotel, Fuori Salone  2009
22- 27 aprile 2009
Via Tortona 35, Milano

 

CONTAMINAZIONI rientra tra i numerosi eventi nhow disturb 09un viaggio tra  Natura e civiltà, tradizione e innovazione, dal piano terra al cielo!”, il general concept organizzato quest’anno dal Nhow Hotel di Milano. Anche la performance avrà luogo al Nhow Hotel e sarà trasmesso in video-replica durante la Design Week milanese, nel cavedio allestito per l’evento CONTAMINAZIONI.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico