Extreme Housing: i vincitori della terza edizione

Lo studio australiano Peter Stutchbury Architects è il vincitore del 3° Concorso Internazionale di Architettura “Extreme Housing”, ideato e promosso dal programma internazionale Living Steel, nato nel 2005 per incentivare forme di progettazione innovativa e responsabile dell’edilizia residenziale. Per la terza edizione del concorso, Living Steel ha proposto un format innovativo, invitando tutti i 10 team pre-selezionati a Helsinki, nello storico Suomenlinna per la presentazione diretta alla giuria dei propri progetti. Il processo di valutazione della giuria si è poi svolto dividendo i team finalisti in quattro gruppi invitati a condividere un approccio collaborativo inteso a definire il master plan della stessa comunità di Cherepovets.
I lavori sono iniziati con una presentazione di Mark Verdier, Professore a l’Ecole Nationale Supèrieure d’Architecture di Nancy, che ha suggerito alcune considerazioni per la pianificazione della comunità. I gruppi sono stati quindi informati circa i requisiti per lo sviluppo della comunità di Čerepovec ed invitati a sviluppare in una giornata e mezza il masterplan della comunità.

“Ho fatto parte delle precedenti giurie di Living Steel” ha affermato Glenn Murcutt, Presidente della Giuria, “e posso dire che i lavori presentati in questo ultimo concorso sono di qualità  superiore. La diversità  dei progetti è più ampia e l’impegno verso la visione del concorso è più forte. Credo che questa sia una conseguenza di come Living Steel ha condotto il concorso, invitando i partecipanti a presentare il proprio lavoro. C’è una grande differenza tra presentare le proprie idee di persona e lasciare che altri interpretino i tuoi disegni”. A nome della Giuria, vorrei lodare gli organizzatori del 3° Concorso. Abbiamo molto apprezzato l’interazione tra la Giuria ed i finalisti, l’apertura delle presentazioni e l’incoraggiamento all’approccio collaborativo e alla condivisione delle idee, sono le parole di Glenn Murcutt. Questo rappresenta un nuovo orientamento rispetto ai formati tradizionali. Un orientamento che concretizza il dialogo che Living Steel intende generare all”interno del mondo degli architetti”.

Anche la competizione di quest’anno ha proposto agli architetti il compito di creare abitazioni monofamiliari a risparmio energetico che minimizzino le emissioni responsabili dei cambiamenti climatici e possano resistere a temperature estreme, con costi di costruzione contenuti prezzi d’acquisto accessibili. Gli architetti vincitori utilizzeranno le eccezionali doti dell’acciaio per realizzare i loro progetti a Čerepovec, in Russia, dove le temperature possono variare da  -49° a + 34° C. Le case costruite dai progetti vincitori faranno parte dello sviluppo della comunità locale, destinate ad alloggiare gli impiegati del grande impianto produttivo SeverStal JSC di Čerepovec.

Secondo le motivazioni della Giuria, il progetto vincitore è stato selezionato perchè “rappresenta il tipo di pensiero che Living Steel intendeva ispirare. E’ radicalmente diverso rispetto ai progetti concorrenti, proponendo una visione molto fantasiosa del paesaggio. Il piano suggerito per i dintorni fornisce un incredibile campo giochi per bambini e un grande parco per l’intera comunità”.

La proposta di Peter Stutchbury e Richard Smith è basata sulla gestione responsabile delle risorse disponibili, ottimizzando il potenziale dell’acciaio attraverso il ricorso alla prefabbricazione degli elementi costruttivi principali. La vita dell’edificio interagisce con l’energia di cui ha bisogno. Il progetto minimizza la dispersione di energia, riutilizzando la maggiorparte del calore prodotto dall’abitazione e dagli elementi che la compongono o che interagiscono con essa.
Peter Stutchbury Architects inizierà la collaborazione con architetti locali, promotori immobiliari e l’azienda SeverStal (membro di Living Steel), per definire il progetto esecutivo degli alloggi e completare l’edificio dimostrativo entro la fine del 2009.     

3rd International Architectural Competition “Extreme Housing”

Giuria:

– Glenn Murcutt, Architect, Australia
– Kimmo Lintula, K2S Architects Ltd., Finlandia
– Mark Middleton, Grimshaw Architects, UK
– Patricia Patkau, Patkau Architects, Canada
– Sergey Skuratov, Sergey Skuratov Architects, Russia
– Alexei Venediktov, SeverStal JSC, Russia

 

Premio della giuria per edifici residenziali a prestazioni estreme da costruire a Čerepovec, Russia

Primo premio: Peter Stutchbury Architects, Australia

Menzione d’onore: RVTR, Toronto, Canada

Menzione d’onore: Bligh Voller Nield (BVN) Architecture, Australia

 

Premio degli Architetti per il Masterplanning di Čerepovec, Russia

Daniel Jenkins, ECD Architects, United Kingdom

Lourenço Gimenes, FGMF Arquitetos, Brazil

Pekka Pakkanen, Huttenen-Lipasti-Pakkenen Architects, Finland

Philip Wells, Hugh Broughton Architects, United Kingdom

Vimal Jain, ARCHITECTURE PARADIGM, India

Fabio Cibinel, modostudio, Italy
 

Siti Internet:

Living Steel

Peter Stutchbury Architects

 

Il progetto vincitore



 

I 10 progetti selezionati per la fase finale

 

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico