Esame di Stato Architetto 2015, tutto ciò che devi sapere per sostenerlo

L’esame di Stato da Architetto 2015 si svolgerà nelle seguenti date:

 

– per i possessori di laurea specialistica, di laurea magistrale o di laurea conseguita secondo il previgente ordinamento per la prima sessione il giorno 17 giugno 2015 e per la seconda sessione il giorno 18 novembre 2015;

– per i possessori di laurea triennale e di diploma universitario gli esami hanno inizio per la prima sessione il giorno 24 giugno 2015 e per laseconda sessione il giorno 25 novembre 2015.

 

Vi proponiamo due testi in offerta che potranno esservi utili per la preparazione dell’ esame di stato da architetto: Guida pratica alla progettazione e Prontuario tecnico amministrativo urbanistico
Inoltre, l’abbiamo già pubblicato, ma lo ripetiamo per dare ancora un’informazione utile: ecco com’è strutturato l’esame di Stato da Architetto.


Le sezioni e l’accesso all’esame
Il superamento dell’esame di Stato in architettura è il passo che permette l’iscrizione all’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, secondo il DPR 328/2001 che prevede la costituzione dell’Ordine, prevedendone la suddivisione nelle due sezioni A e B, ciascuna delle quali divisa a sua volta in settori disciplinari. Agli iscritti nella sezione A spetta il titolo di architetto, mentre a quelli della sezione B, spetta il titolo di architetto junior.

 

Possono sostenere l’esame di stato in architettura per la sezione A i laureati con laurea magistrale (o specialistica) o con ciclo unico nella classe 4/S – Architettura e ingegneria edile o corso di laurea corrispondente alla direttiva 85/384/CEE.
L’esame di stato in architettura per la sezione junior è aperto a chi ha una laurea di primo livello nelle classi n. 4 – Scienze dell’architettura e dell’ingegneria edile e n. 8 – Ingegneria civile e ambientale.

 

L’esame di Stato in architettura consiste, comunque, per tutti, in quattro prove, di cui una pratica, due scritte e una orale.

 

In cosa consistono le prove
La prova pratica, per la sezione A, ha per oggetto la progettazione di un’opera di edilizia civile o di un intervento su scala urbana. Per la sezione B, la prova pratica consiste nello sviluppo grafico di un progetto esistente o nel rilievo a vista, e nella stesura grafica di un particolare architettonico.
La prima prova scritta si basa sulla prova pratica e verte, per la sezione A, sulla giustificazione del dimensionamento strutturale o insediativo della prova pratica. Per la sezione B, ha per oggetto la valutazione economico-quantitativa della prova pratica.

 

Vi è anche una seconda prova scritta:
– per la sezione A riguarda le problematiche culturali e conoscitive dell’architettura;
– per la sezione B consiste in un tema o prova grafica nelle materie caratterizzanti il percorso formativo di ciascuno.

 

La prova orale è basata, per le sezioni A e B, sul commento dell’elaborato progettuale e sull’approfondimento delle materie oggetto delle prove scritte, nonché sugli aspetti di legislazione e deontologia professionale.

 

Chi ha la laurea col vecchio ordinamento
Può sostenere l’esame di stato in architettura secondo l’ordinamento previgente al DPR 328/01 (lo si evince dalla Ordinanza Ministeriale del 27/03/2009, articolo 7). In questo caso, l’esame di stato consisterà in una prova estemporanea grafica e in una prova orale, la prima basata sullo svolgimento di un tema o progetto elementare di architettura a scelta del candidato tra due o tre proposte dalla commissione.
La prova orale verte sulla discussione degli elaborati della prova grafica.

 

Le informazioni sono sui siti dei singoli atenei. Per cercare di essere il più utile possibili, di seguito ecco un elenco con alcuni link utili. Non abbiamo inserito tutti gli Atenei. Come l’anno scorso, se il tuo manca, diccelo, e recuperemo le informazioni, almeno ci proveremo. Grazie :)

 

Università di Ferrara

 

Università di Firenze

 

Università di Genova

 

Politecnico di Milano

 

Università di Napoli

 

Università di Palermo

 

Università di Parma

 

Università di Pescara

 

Università di Roma La Sapienza

 

Università di Reggio Calabria

 

Università di Sassari

 

Politecnico di Torino

 

Università di Trieste

 

Università di Venezia

 

2 LIBRI UTILI PER L’ESAME DI STATO ARCHITETTO
Tra la mole di materiale prezioso per la professione e per la preparazione dell’Esame di Stato da Architetto 2015 segnaliamo in particolare il secondo tomo dell’opera Guida pratica alla progettazione che contiene oltre 280 tavole nuove, oltre alle migliori 550 delle precedenti edizioni. Insomma, una raccolta di circa 800 tavole di progetto.

 

 

Il primo volume tratta invece tutti i temi necessari alla corretta preparazione delle prove. Si parte dalla grafica dell’esame di Stato (materiali, attrezzature, presentazione delle tavole, elementi di rappresentazione architettonica, ecc.) per trattare anche le metodologie di progettazione, Costruire in maniera sostenibileStrumenti urbanistici e la Normativa specifica in uso in alcune sedi d’esame (come, per esempio, la classificazione stradale ai sensi del decreto n. 1404 del 1968 ancora in uso in alcune sedi d’esame del Sud).

 

Ti può essere utile anche il Prontuario tecnico amministrativo urbanistico. Il manuale contiene le norme di interesse per l’architetto (urbanistica ed edilizia, opere pubbliche, requisiti per i certificatori energetici, tecnologia dell’architettura,  cenni di storia dell’architettura, dell’urbanistica e del restauro e altro), 800 quesiti d’esame risolti, oltre 150 particolari costruttivi aggiornati alle nuove norme sul risparmio energetico e nuovi esempi di risoluzione della seconda prova scritta.

 

Trovi i due libri in promozione qui: Guida pratica alla progettazione e Prontuario tecnico amministrativo urbanistico

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico