Ercolano, riapre Villa Campolieto dopo il restauro

restauro villa campolieto ercolano

Villa Campolieto a Ercolano (Napoli), una delle più prestigiose residenze nobiliari del Miglio d’Oro (il tratto della SS18 Tirrena Inferiore chiamato così originariamente per la presenza di giardini ricchi di agrumi, e poi per la presenza di prestigiose ville vesuviane) è pronta a riaprire dopo l’ultimo restauro.

La Villa fu edificata nel 1755 e riprogettata dall’architetto Luigi Vanvitelli, che diresse i lavori dal 1763 al 1773 e lasciò ben visibile la propria mano nonostante i lavori siano poi stati conclusi, nel 1775, dal figlio Carlo (come successo per la Reggia di Caserta).

L’Ente per le Ville Vesuviane, oggi Fondazione, la acquistò nel 1977 salvandola dal degrado e dall’abbandono. Il primo restauro, a cura  dell’architetto Paolo Romanello, direttore generale della Fondazione, venne eseguito tra il 1978 e il 1984. Nel 2014, la Fondazione ha deliberato un secondo restauro nuovamente curato da Romanello e finanziato dal MiBACT con fondi POIn (Programmi Operativi Interregionali), come previsto dal decreto per l’Obiettivo Convergenza di cui avevamo, a suo tempo, già parlato.

Questo secondo restauro è stato condotto nel rispetto del progetto di restauro precedente. Oltre ai restauri delle facciate, degli interni e dei giardini, è stata migliorata la funzionalità del sito rinnovando l’illuminazione, il parcheggio e lo spazio teatrale.

Leggi anche l’articolo Concluso il restauro della Galleria dei Candelabri ai Musei Vaticani

La riapertura della Villa sarà celebrata con il concerto (a inviti) del musicista Salvatore Accardo, che si terrà il 10 giugno alle ore 20. Il maestro, insieme all’Orchestra da Camera Italiana, eseguirà le “Quattro Stagioni” di Vivaldi nell’esedra della villa, un perfetto connubio di architettura e musica del Settecento.

Le visite al sito inizieranno il giorno successivo, sabato 11 giugno 2016. Sembra un buon motivo per programmare una tappa di qualità in più alle giornate di visita agli scavi archeologici di Pompei ed Ercolano.

 

Nell’immagine di apertura, una vista della Villa Campolieto a Ercolano, dal sito della Cooperativa Archeologia (archeologia.it).

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico