Energie rinnovabili per città sostenibili, l’installazione Energetic Energies al Fuori Salone 2013

“L’interesse per le potenzialità dell’energia naturale, in primo luogo quella solare, è in aumento in tutto il mondo e sta cambiando il volto delle nostre città così come quasi ogni aspetto della nostra vita. La scelta dei dispositivi che generano energia elettrica non dovrebbe quindi essere fatta, oltre che per la loro efficienza, anche valutando il modo in cui si andranno ad integrare nei diversi contesti urbani e come daranno forma alla nostra vita futura?
Ho immaginato la città che domani utilizzerà appieno l’energia naturale, un habitat stimolante e armonicamente integrato con la natura che la circonda.
Come sarebbe una città con le colline ricoperte da pannelli solari che sembrano foglie e animata dal cinguettio degli uccelli e dalla brezza? Ho voluto presentare una nuova visione di città, un parco energetico del futuro con pannelli in miniatura” (Akihisa Hirata).

 

L’attenzione per l’ambiente e l’idea di una nuova dialettica tra natura e città è centrale nei lavori del giovane architetto giapponese Akihisa Hirata che con queste parole introduce Energetic Energies, l’installazione presentata da Panasonic al Salone del Mobile recentemente concluso nell’ambito della mostra Hybrid Architecture & Design all’Università Statale di Milano: una diversa prospettiva che contempli le nostre città come parti integranti del pianeta e dell’universo.
L’installazione di Akihisa Hirata, ospitata sotto il Portico di Largo Richini dell’ateneo, vuole trasporre in maniera poetica e concettuale una nuova visione in cui uomini e spazi si fonderanno per dare vita ad una realtà organica e sostenibile: una città dove i tetti dei palazzi e delle case sono ricoperti da pannelli solari in miniatura che, come edere rampicanti, si mescolano con la natura senza soluzione di continuità.

 

Il progetto affronta in modo visionario temi attuali e urgenti quali la riduzione dell’impatto ambientale, la sopravvivenza del pianeta e la ricerca di soluzioni che contribuiscano al progressivo miglioramento della vita. L’architetto vuole illustrare l’obiettivo di Panasonic che da anni concentra la sua ricerca e il suo sviluppo tecnologico all’insegna di una vita sostenibile e di un sistema basato sulla creazione, la conservazione e l’utilizzo razionale delle energie rinnovabili. Un sistema innovativo che potrà essere applicato non solo a case, uffici e negozi, ma ad intere città con lo scopo di creare una “città sostenibile e intelligente”, dimostrando come un nuovo scenario energetico, in cui la creazione di energia (attraverso i pannelli fotovoltaici), l’immagazzinaggio dell’energia (tramite batterie ad accumulo energetico), il risparmio energetico (attraverso i LED), e la gestione dell’energia possa portare ad una nuova forma di paesaggio urbano.

 

Proprio in vista di questo auspicabile scenario, Hirata immagina innovativi pannelli solari con una struttura non più fissa, ma mobile e flessibile che si ispirino ad esempio alla disposizione delle foglie sugli alberi e che si basino dunque su sistemi ibridi che possano armonizzare ambiente e tecnologia.
Nella città del futuro di Energetic Energies i dispositivi fotovoltaici ricoprono, come piante, raggruppamenti di costruzioni urbane, creando un paesaggio collinare. Le ombre delle nuvole, riprodotte attraverso un sistema di proiezioni e video, passano lente sopra queste “colline”, come se sfiorassero il paesaggio naturale, inducendo gli abitanti della città a recuperare il rapporto con il cielo dimenticato.


Akhisa Hirata (Osaka, 1971) tra i più versatili architetti della nuova generazione creativa giapponese, lavora sul divario tra natura e strutture artificiali, osservando da vicino l’ambiente per trarne ispirazione nel creare strutture e spazi che dovrebbero far parte integrante della biosfera. Attivo in diversi settori dal design alla progettazione di edifici, si è distinto in particolare per alcuni progetti che hanno ottenuto riconoscimenti internazionali come il Bloomberg Pavillion realizzato nel 2011 nel cortile del Museum of Contemporary Art di Tokyo. Nel 2012 è stato tra i vincitori del Leone d’Oro alla 13° Biennale di Architettura di Venezia assegnato al Padiglione Giapponese.


Per ulteriori informazioni
www.internimagazine.it
http://panasonic.net/milanosalone

 

Nell’immagine di apertura, render dell’instalazione Energetic Energies, Akihisa Hirata

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico