Energia sostenibile nelle città: proclamati i finalisti del concorso nazionale

Sono stati selezionati i finalisti nelle rispettive categorie della quarta edizione del Concorso nazionale “Energia sostenibile nelle città”, lanciato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Tra i progetti finalisti verranno scelti i vincitori assoluti di categoria che saranno resi noti e premiati nell’ambito della Cerimonia di Premiazione in programma nel corso della giornata inaugurale di Urbanpromo 2011 (Bologna, 9 Novembre 2011).

 

Il Concorso, lanciato nel 2008, ha raggiunto un primo obiettivo relativo all’opera di sensibilizzazione verso le cittadinanze e le pubbliche amministrazioni a un uso responsabile e “intelligente” dell’energia, inserendo l’iniziativa tra le partnership d’eccellenza attivate in Italia nell’ambito della campagna Sustainable Energy Europe (SEE) – Energia sostenibile per l’Europa. La campagna SEE, volta a sostenere gli obiettivi comunitari di riduzione delle emissioni climalteranti fissati per il 2020, viene coordinata a livello nazionale dal Ministero dell’Ambiente e a livello europeo dalla Commissione Europea.

 

Il Concorso, che si indirizza nel settore specifico della pianificazione urbanistica e delle costruzioni e ristrutturazioni edilizie, prevedeva per l’edizione 2011, tre sezioni distinte:
Sezione A | Piani e Metodologie, indirizzata a valutare strumenti di pianificazione, a scala comunale (piani strutturali e operativi, piani regolatori, piani attuativi) o di area vasta (piani regionali, piani provinciali, piani intercomunali, piani tematici) che adottano approcci metodologici innovativi per la gestione delle problematiche ambientali ed energetiche, con la finalità di contribuire a un governo del territorio più efficiente, anche in termini di domanda e di offerta di energia.
Sezione B | Progetti urbani energeticamente sostenibili, indirizzata verso la ricerca di nuove soluzioni progettuali “energeticamente sostenibili” o applicazione innovativa di soluzioni già esistenti a livello di comparto urbano o edilizio, volte a migliorare l’efficienza e/o il risparmio nell’uso dell’energia o a impiegare fonti rinnovabili, per accrescere la qualità urbana e la sostenibilità ambientale, migliorando al contempo la gestione del capitale energetico delle città.
Sezione C | Urbanpromo Sustainable Energy, mostra delle migliori proposte presentate nell’ambito dell’evento annuale di marketing urbano e territoriale promosso dall’INU. Per l’edizione 2011 del Concorso si sono valutate le schede di segnalazione consegnate dai visitatori durante l’edizione precedente di Urbanpromo.

 

La Commissione giudicatrice del Concorso, composta da esperti dell’INU e del Ministero dell’Ambiente, ha quindi valutato e selezionato i migliori progetti presentati nell’ambito delle sezioni A e B.
Nella Sezione A, i finalisti selezionati dalla Commissione giudicatrice del Concorso sono:
Comune di Carugate con il progetto: “Costruire una nuova città”, per aver proposto all’interno del Regolamento Edilizio azioni coordinate tra comuni limitrofi, in piena attuazione del Patto dei Sindaci, e facendo particolare riferimento a edifici con destinazioni quali l’industria e i servizi, prevedendo in fase attuativa il coinvolgendo delle Esco. Va inoltre menzionato il riferimento alla predisposizione di un’intensa attività di monitoraggio delle azioni che saranno intraprese.
Comune di Padova con il progetto: “Padova Solare”, per aver attivato sul territorio comunale, un insieme di azioni concrete locali tra loro coordinate, e integrate nel Piano di Azione per l’Energia Sostenibile, previsto dal Patto dei Sindaci, volte a raggiungere la sostenibilità energetica degli interventi, con l’impiego di fonti di energia rinnovabile, e accompagnando la definizione delle azioni con intensa attività di partecipazione di cittadini e stakeholders.
Provincia di Modena con il “Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale e Piano Programma Energetico Provinciale di Modena”, per aver integrato, all’interno di uno strumento d’area vasta come il PTCP, politiche di gestione degli interventi di scala comunale, dando rilevanza e affrontando in modo innovativo, sia gli aspetti di mitigazione ambientale e di difesa del suolo, sia quelli inerenti il risparmio energetico e la produzione di energia da fonti rinnovabili. Inoltre per promuovere, come coordinatore territoriale del Patto dei Sindaci, sinergia e integrazione tra le azioni provinciali e comunali.

 

È stata poi individuata, per la categoria A del concorso, una menzione:
Regione Abruzzo, “La gestione del Patto dei Sindaci in Abruzzo: una regione per il Covenant”, per aver predisposto uno strumento di programmazione e “governance” che prende in considerazione le più recenti disposizione europee in materia di sostenibilità ambientale e risparmio energetico, coordinando le quattro Province e tutti i Comuni del territorio regionale in una pianificazione d’area vasta.

 

Nella Sezione B, sono finalisti i seguenti progetti:
Goldmann & Partners con il progetto “AIDA – come sei verde”, per aver predisposto il progetto di un edificio di Classe A+ tenendo in considerazione importanti criteri quali: la flessibilità dell’edificio, la modulabilità e la replicabilità sul territorio dell’approccio progettuale. Per aver altresì verificato la praticabilità economica, prevedendo un notevole contenimento dei costi, integrando una parte di alloggi destinato ad ERS.
Tasca Studio Architetti Associati con il “Laboratorio di urbanistica partecipata, piano particolareggiato d’iniziativa pubblica e opere di urbanizzazione area ex mercato ortofrutticolo – Bologna”, per aver predisposto e avviato all’attuazione, un progetto di riqualificazione che riguarda un importante pezzo di città, avvalendosi di una pianificazione integrata e che tiene conto anche delle modalità di finanziamento. Merita evidenziare anche l’ottimo processo partecipativo che è stato attuato e che ha avuto importanti ricadute sulle scelte progettuali. Inoltre il progetto ha anticipato, al momento della sua definizione, le disposizioni normative in materia di sostenibilità energetica e ambientale, prevedendo fin da subito edifici di Classe A e la mitigazione degli impatti delle opere previste.
Comune di Bolzano con il “Piano di attuazione Zona di Espansione C2 – viale Druso”, per aver predisposto il progetto di un quartiere tenendo in considerazione linee guida sulla sostenibilità energetica ed ambientale dei nuovi insediamenti urbani e per aver gestito il processo attuativo avvalendosi di un partenariato tra soggetti pubblici e privati, gestito attivamente dal Comune. L’esperienza rappresenta una pratica reiterabile sul territorio e si pone in continuità con le politiche di sostenibilità ambientale già attivamente intraprese dall’Amministrazione del Comune di Bolzano.

 

Sono state inoltre individuate, per la sezione B del concorso, tre menzioni:
Urban01, “Zona Clima: piano attuativo per il recupero dell’ex caserma De Cobelli a Brunico”, per aver impiegato un approccio progettuale all’avanguardia nella definizione di un progetto di riqualificazione di un’ex caserma, che può essere considerato un punto di partenza per spostare l’obiettivo di sostenibilità dalla casa singola, al tessuto urbano, fino a entrare nel merito della qualità della vita. Nel suo complesso il progetto individua una strada per dare concretezza al principio olistico di sostenibilità.
Comune di Faenza, “Programma integrato di promozione di edilizia residenziale sociale e di riqualificazione urbana Pruacs Via Fornarina – Nuovo ecoquartiere in cohousing e ristrutturazione di un grande complesso degli anni ’70”, che conferma il proprio impegno costante, in particolare negli ultimi anni, nel promuovere attività di pianificazione e progettazione attraverso approcci innovativi per la sostenibilità ambientale ed energetica degli interventi.
Cooperativa di Abitazione UNICA che con la “Progettazione di due edifici nel comune di Tavarnelle Val di Pesa” conferma il proprio impegno costante nel ricercare approcci progettuali innovativi per edifici destinati al social housing, integrando aspetti di qualità finalizzati a limitare l’impatto ambientale ed energetico degli interventi.

 

Tra i tre progetti finalisti della categoria A e della categoria B verrà scelto il Vincitore assoluto per ciascuna categoria del Concorso e sarà reso noto il 9 novembre 2011 nell’ambito di Urbanpromo 2011.

 

Per ulteriori informazioni
www.inu.it

 

Nell’immagine di apertura, Tasca Studio Architetti Associati, piano particolareggiato d’iniziativa pubblica e opere di urbanizzazione area ex mercato ortofrutticolo, Bologna, vista del parco nord; progetto finalista per la Sezione B – Progetti urbani energeticamente sostenibili

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico