Energia rinnovabile, ‘Photosynthesis’ vince il premio come miglior allestimento del Fuorisalone 2012

L’installazione Photosynthesis di Akihisa Hirata per Panasonic vince la seconda edizione di Elita Design Awards al Fuorisalone 2012, premio nato dalla partnership tra Elita festival e l’Istituto Europeo di Design Milano, con la collaborazione di Fuorisalone.it e Future Concept lab.

 

Una serie di pannelli solari riproduce il ciclo energetico ispirandosi al processo della fotosintesi clorofilliana: dalla generazione, allo stoccaggio (tramite batterie), al risparmio dell’energia stessa (grazie all’uso di LED). Ciascuna fase del ciclo è controllata da un sistema di gestione centralizzato.
L’imponente quanto poetica installazione ideata da Akihisa Hirata, uno dei più promettenti architetti di nuova generazione che rappresenterà il Giappone alla 13° Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, prende ispirazione dalla fotosintesi per raccontare i nuovi componenti elettrici ed elettronici prodotti dall’azienda giapponese, attraverso una reinterpretazione simbolica di questo fondamentale processo naturale di accumulo di energia solare.

 

Il progetto – presentato nell’ambito della mostra Interni Legacy nel Cortile della Farmacia dell’Università Statale – è infatti innanzitutto una sintesi dell’innovazione nella ricerca che Panasonic sta sviluppando nel campo dell’ottimizzazione energetica, rivolta allo studio di un sistema di realizzazione, immagazzinaggio e utilizzo efficiente dell’energia rinnovabile, progettato per permettere l’uso differito nel tempo dell’energia accumulata.

 

L’installazione di Akihisa Hirata utilizza alcuni dei più innovativi prodotti di illuminazione dell’azienda trasformati nei componenti di un ecosistema costruito artificialmente, ispirato ad un albero dove i pannelli fotovoltaici diventano foglie, le batterie ad accumulo energetico i frutti mentre i LED a risparmio energetico e i pannelli OLED i fiori.

 

La giuria composta da Rossella Bertolazzi (IED Visual Communication), Dino Lupelli (elita festival), Cristian Confalonieri (Fuorisalone.it), Valentina Ventrelli (Future Concept lab), con il presidente della giuria Lorenzo Palmeri, hanno così motivato l’assegnazione del premio, una scultura del designer Duilio Forte di Atelier Forte: “Per la capacità di coinvolgere e sorprendere il pubblico attraverso un’installazione altamente tecnologica con un cuore analogico, in grado di restituire un’emozione pura che richiama il ritmo vegetale”.

 

Akihisa Hirata, nato nel 1971 a Osaka, si è laureato nel 1997 presso la facoltà di Ingegneria dell’Università di Kyoto. Ha lavorato per Toyo Ito & Associates Architects, quindi dal 2005 presso lo studio di architettura Akihisa Hirata. Tra i premi che gli sono stati conferiti l’SD Review Award Asakura (2004), il Japan Institute of Architects NewFace Award (2008) e l’Elle Deco Young Japanese Design Talent (2009). Ha inoltre conseguito il secondo posto nel 2011 al Concorso Internazionale Kaohsiung Maritime Cultural & Popular Music Center ed è stato selezionato per rappresentare il Giappone alla 13. Biennale dell’ Architettura di Venezia che si terrà il prossimo autunno. Tra le sue pubblicazioni INAX Contemporary Architect Concept Series 8: Akihisa Hirata – Tangling (2011).

 

SCHEDA EVENTO


Photosynthesis di Akihisa Hirata

 

Premio
Elita Design Awards – Fuorisalone Milano 2012

 

Ente
Elita festival
Istituto Europeo di Design Milano
Fuorisalone.it
Future Concept lab

 

Designer
Akihisa Hirata
Akihisa Hirata Architecture Office

 

 
Per ulteriori informazioni
http://panasonic.net/milanosalone

 

Nell’immagine di apertura, vista notturna dell’installazione Photosynthesis. Foto © Santi Caleca

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico