Efficienza energetica, progetto Mobile-School: una scuola sostenibile in Etiopia

A breve gli allievi della formazione professionale di EnAIP Veneto realizzeranno il progetto “Mobile-School”, una struttura ad uso scolastico destinata al villaggio di Wersege, in Etiopia. L’iniziativa è promossa da EnAIP Veneto insieme a ENAIP nazionale, EnAIP Friuli e Acli, che vede il patrocinio del Comune di Padova e del Comune di Trieste e la collaborazione dell’Ambasciata d’Italia e dell’Associazione italiana di Addis Abeba e di S.E. Project. “Mobile-School” nasce dall’idea di Paola Vecchiato, architetto che negli ultimi anni ha dedicato la propria esperienza e professionalità ai paesi più poveri e ai contesti abitativi più problematici, di portare la scuola in territori che per le loro ostili condizioni climatiche e per il difficile contesto socioeconomico sono molto povere di infrastrutture: un intervento concreto a favore di bambini e ragazzi a cui spesso è purtroppo negato il diritto allo studio.

 

“Mobile-School” è una struttura facilmente smontabile e trasportabile, costituita da unità mobili espandibili, con elevati standard di qualità abitativa ed energeticamente sostenibile: un’aula che potrà accogliere dai 24 ai 48 giovani studenti, a seconda delle necessità e dunque dell’utilizzo.
Contraddistinto da una forte valenza sociale oltre che da un significativo impatto educativo, il progetto vedrà coinvolti da subito i centri EnAIP di tutto il Veneto e del Friuli, e interesserà, in particolare, le attività didattiche del comparto elettrico e dei settori della meccanica e della termoidraulica.

 

Nel concreto, gli studenti dell’Ente realizzeranno il futuro prototipo della “Mobile-School” dalla A alla Z, con l’obiettivo finale di avviarne poi la produzione e installare la prima unità nel villaggio di Wersege: i ragazzi saranno dunque impegnati nella progettazione tecnica a fianco dei progettisti, nella definizione delle specifiche tecniche e nei test di laboratorio, costruiranno le parti meccaniche ed elettriche, infine si occuperanno anche della logistica (montaggio, smontaggio e imballaggio, organizzazione dei carichi, trasporto per la collocazione in situ).

 

Un’iniziativa certo ambiziosa, per cui i promotori lanciano ora un appello ad aziende ed enti che vogliano diventarne partner, prendendo parte in qualche modo alla realizzazione della prima “scuola mobile”.

 

Nell’immagine, render del progetto “Mobile-School”

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico