Edificio industriale ad emissioni zero

Architettura concepita come rapporto responsabilizzante con le risorse naturali; la persistenza come obiettivo di strategie di concetto integrali; l’innovazione a partire dal concetto architettonico fino alla didattica del dettaglio, ai punti di passaggio tra le scienze ingegneristiche coinvolte. Questi i principi che hanno ispirato la realizzazione di SOLVIS Gmbh & Co KG, edificio industriale ad emissioni zero progettato dallo studio Banz + Riecks Architects a Braunschweig, Germania.
Il progetto è tra i segnalati della sesta edizione del Premio Internazionale Architettura Sostenibile 2009 la cui  premiazione è avvenuta lo scorso 27 maggio a Palazzo Tassoni, sede della Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara.

La fabbrica ad emissione zero Solvis costituisce un caso esemplare di impiego intelligente di tecnologie attualmente disponibili per l’ottimizzazione energetica nell’ambito della costruzione industriale.
Il fabbisogno energetico è stato ampiamente ridotto nel quadro della realizzazione della prima fase di costruzione, il fabbisogno delle energie restanti viene coperto in modo del tutto rigenerativo.
L’alimentazione termica avviene mediante centrale termoelettrica a blocco alimentata ad olio di colza, così come mediante collettori eliotermici e fototecnici.
Nel bilancio annuale si è visto un fabbisogno energetico totale di 0,0 kWh/mq a; la dimostrazione è avvenuta in conformità alla EnEV 2007, in conformità alla DIN 18599 ed è documentata dal certificato energetico della casa.

Sette anni dopo la realizzazione della prima fase costruttiva, nel 2008, la fabbrica ad emissione zero è cresciuta di 5.400 mq. Inoltre nel 2009 si rialzerà nella parte centrale del complesso un centro di formazione con una superficie utile di 800 mq. Con il nuovo capannone di produzione e di formazione, la fabbrica ad emissione zero comprenderà una superficie utile di 15.000 metri quadrati.
L’ampliamento seguirà il concetto sinora applicato, che prevede che il bilancio annuale dell’approvvigionamento energetico derivi per il 100 per cento da impianti propri. L’approvvigionamento energetico sarà totalmente rinnovabile, senza l’emissione di gas dannosi per il clima.
Per conseguire questo obiettivo, fino all’estate 2009 verranno installati oltre a ciò altri 2.000 metri quadrati di moduli ad energia solare ed un deposito termico a lungo periodo ad elevato isolamento termico con un volume di 100.000 litri per il sostegno dell’approvvigionamento termico.

I principi della persistenza non tengono conto soltanto dell’efficienza energetica e della considerazione energetica primaria dei materiali costruttivi impiegati, ma vengono dimostrati anche sul campo dell’economicità.
Costi costruttivi che si aggirano intorno a soltanto 650 Euro netti per i gruppi costo 300 + 400, in conformità alla DIN 276, mostrano la competitività e l’attitudine di stare sul mercato in corrispondenza di concetti costruttivi innovativi.

La realizzazione della fabbrica ad emissione zero è stata premiata con il l’Europäischer Solarpreis 2002, con l’European Architecture & Technology Award 2002, e con l’EnergyGlobe 2003. Nel 2008 il progetto ha ottenuto il PROM dell’anno per l’immobile industriale più efficiente dal punto di vista energetico di tutta la Repubblica Federale Tedesca.

 

Altre immagini del progetto

 

SCHEDA PROGETTO

Progetto
Zeroemissionfactory SOLVIS Gmbh

Localizzazione 
Braunschweig, Germania

Progettista
Banz+Riecks, Dipl.Ing. Architekten, BDA, Bochum

Realizzazione
2008

Committente
SOLVIS Gmbh + Co.KG

 

Nell’immagine, veduta esterna dell’edificio industriale SOLVIS Gmbh & Co KG progettato dallo studio Banz+Riecks Architekten a Braunschweig, Germania

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico