Ecoplasbrick. Un sistema edilizio da raccolta differenziata

“Il sapere della comunità pensante non è più un sapere comune, perché ormai è impossibile che un solo essere umano, o anche un gruppo, dominino tutte le conoscenze, tutte le competenze, è un sapere essenzialmente collettivo, impossibile da riunire in un unico corpo”.
P. Lévy, Collective Intelligence Mankind’s Emerging World in Cyberspace, 1997

 

Dal 3 al 6 Febbraio 2010, all’interno del MADEexpo, Milano Fiera Rho, presso OFARCH Laboratorio di Architettura “Cultura del progetto e impresa. Architettura, Tecnologia, Società” sarà allestito lo spazio di presentazione di “ECO-PLASBRICK.  Sviluppo e sperimentazione di un sistema edilizio ecosostenibile realizzato con l’impiego di materiali ceramici e plastiche miste, provenienti dalla raccolta differenziata”, ricerca condotta dall’arch. Alessia Guarnaccia, nell’ambito del Dottorato in Tecnologia dell’Architettura dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (Tutor: prof. Arch. Sergio Pone, Co-tutors: prof. Ing. Ignazio Crivelli Visconti, Dipartimento di Ingegneria dei Materiali Università degli Studi di Napoli “Federico II”; prof. Pasquale Persico, Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Università di Salerno; coordinatore del Dottorato prof. Arch. Mario Losasso) con il sostegno del COREPLA (Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio ed il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica) e la partnership di SRI s.r.l. Società Recupero Imballaggi, Erreplast S.r.l. e Laminam S.p.A.

 

L’obiettivo fissato per la ricerca è stato quello di indagare la possibilità di riutilizzo e conseguente collocazione sul mercato, in un comparto dai grandi numeri come quello dell’edilizia, delle plastiche miste post-consumo, provenienti dalla raccolta differenziata, che attualmente sono soggette unicamente a smaltimento, con “contributo ambientale” e quindi con dispendio di soldi. La ricerca perviene alla sperimentazione e prototipazione di un nuovo componente edilizio ecosostenibile realizzato con l’impiego delle plastiche miste post-consumo (prodotto di scarto del riciclo meccanico della plastica) e materiali ceramici, che assume forma di un pannello sandwich.
La ricerca si conclude anche con la progettazione di un sistema iscrivibile al novero delle “facciate o pareti ventilate”, inteso come possibile applicazione del suddetto pannello.

 

La presentazione al pubblico della ricerca avverrà venerdì 5 febbraio 2010 alle ore 14.30, sempre all’interno dello spazio OFARCH Laboratorio di Architettura con la presenza di Alessia Guarnaccia, Facoltà di Architettura di Napoli Federico II, Dipartimento di Progettazione Urbana e di Urbanistica; del Responsabile Ricerca COREPLA; di Antonio Diana, Presidente Erreplast. S.r.l.; di Massimo Baroni, Laminam S.p.A.

 

Lo spazio che ospita la ricerca ECOPLASBRICK è stato progettato da Alessia Guarnaccia come un esperimento di corale che ha coinvolto sullo stesso tema linguaggi di tre differenti mondi: arte (Felix Policastro), fotografia (Francesco Pischetola), e poesia (Assuntina De Vito). Al centro la  “Purificazione dell’anima” (F. Policastro; tecnica: polistirolo, stucco, plastica riciclata, vernice poliuretanica) si erge dal materiale plastico riciclato, rappresentando la “nuova vita” che l’utilizzo delle materie prime seconde rende possibile (“… e tu potresti farmi credere / che dalla materia senza più vita / nuove forme vengono fuori / e tocca a noi cercarne l’anima“. A. De Vito). La “rinascita” è circondata dalla rappresentazione visiva (F. Pischetola) dello spirito che ha animato il progetto oltre che dalle note tecniche dello stesso.

 

SCHEDA EVENTO

 

Ecoplasbrick
Sviluppo e sperimentazione di un sistema edilizio ecosostenibile realizzato con l’impiego di materiali ceramici e plastiche miste, provenienti dalla raccolta differenziata

 

Data esposizione
dal 3 al 6 febbraio 2010

 

Presentazione della ricerca
Venerdì 5 febbraio, ore 14.30

 

Luogo
MADEexpo
Nuovo Quartiere Fiera Milano, Rho
Padiglione 1 – Stand R11 U20

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico