Dodo Arslan. Le attrazioni della materia

Il progetto MINI & Triennale CreativeSet presenta “Dodo Arslan. Le attrazioni della materia”, a cura di Fabio Verdelli, che prosegue il ciclo di mostre dedicato al design italiano contemporaneo nello spazio del CreativeSet del Triennale Design Museum.

In mostra una selezione di progetti di Dodo Arslan che testimoniano il suo sfaccettato universo creativo, fatto di complessi elementi polimorfi che dialogano con i materiali più disparati: dalla pelle al metallo, dal plexiglass al vetro, dall’acciaio al carbonio, dal marmo al poliuretano.
Raramente il designer nei suoi progetti impiega le figure canoniche della geometria solida
(parallelepipedi, prismi, sfere…), i rimandi sono invece spesso a un’idea di ossatura e di struttura (lo scheletro, la trama, la maglia).
Per Arslan le forme diventano tali nel momento in cui trova il materiale che meglio si presta ad interpretarle. Proprio la sperimentazione è uno dei tratti distintivi del suo modo di
lavorare. Per scoprire la natura intima degli oggetti, Arslan li smonta, ne studia le componenti e ne analizza i materiali.
I suoi progetti nascono dalla congiunzione della tecnica con la manualità, dalla combinazione fra un approccio artigianale e quello ingegneristico.
Il designer è animato dall’idea che un progetto nasca in fieri, procedendo per prove ed aggiustamenti progressivi.
Molto spesso la sua ispirazione deriva volontà di sfidare le leggi della fisica, di provare le caratteristiche di un metallo o la resistenza di una pietra o l’elasticità di un polimero.
Come scrive Silvana Annicchiarico, “nel panorama complessivo del design italiano contemporaneo, Arslan è un artifex solitario: una sorta di dottor Frankenstein del design
che assembla forme e sostanze per inseguire il sogno di manipolare la materia e di darle

vita”.

Biografia
Dodo Arslan è italiano di origini armene, vive e lavora a Milano.
È stato selezionato da Taschen per Design Now!, volume che raccoglie 90 tra designers eArslan ha vinto il premio Young&Design, il Mini Design Award, Pirelli Pzero Logo e l’Art Directors Club.
I suoi prodotti sono stati esposti alla mostra The New Italian Design alla Triennale di Milano, al Welltech Award presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, all’evento Inside Art presso la Fondazione Arnaldo Pomodoro ed all’Italian Design on TourHa tenuto corsi all’Istituto Europeo di Design (Milano, Torino e San Paolo) alla Scuola Italiana di Design di Padova, alle Facoltà di Design di Boras e Vaxjo in Svezia e presso il Furniture Counsil del Cairo.
Oltre a WorkShops intensivi in collaborazione con Chicco Artsana, Ikea, Firme di Vetro e Timberland.
Prima di fondare il suo studio ha lavorato presso Studio & Partners (N. Bewick, M. De Lucchi, T. Fritze, E. Torri) per Deutsche Post, British American Tobacco e Zumtobel Staff vincendo il premio Design Plus e nello studio Continuum (Milano – Boston – Seoul) per Motorola, Hewlett Packard, Elan, Voelkl e Samsung vincendo il Good Design Award ed il
KIDA Grand Prize.

SCHEDA EVENTO

 

Dodo Arslan
Le attrazioni della materia

A cura di Fabio Verdelli
8 luglio – 30 agosto 2009
Catalogo Electa
Le mostre del CreativeSet sono un progetto diretto da Silvana Annicchiarico
Orari: martedì-domenica 10.30-20.30/giovedì 10.30-23.00
Ingresso: 8/6/5 euro con il biglietto del Triennale Design Museum

Presso la biglietteria della Triennale di Milano è acquistabile T-Design Museum Card al costo di 14 euro. I possessori hanno diritto all’ingresso al museo per visitare la nuova interpretazione, Serie Fuori Serie, e tutte le mostre previste nel CreativeSet fino a febbraio 2010.

Triennale di Milano
viale Alemagna 6
tel. 02 724341
fax 02 89010693
www.triennale.it
www.triennaledesignmuseum.it

Nell’immagine, Dodo Arslan – Editino – Otto

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico