Diller Scofidio + Renfro. Ampliamento della Juilliard School di New York

Come parte del progetto di riqualificazione del Lincoln Center for the Performing Arts, Diller Scofidio + Renfro, in collaborazione con FxFowle Architects, hanno completato il recupero e l’ampliamento della Juilliard School.
La Juilliard School costituisce la parte più ampia del progetto complessivo, che comprende la riprogettazione della Alice Tully Hall (completata nella primavera del 2009), la ristrutturazione dell’atrio d’ingresso del New York State Theater (recentemente completato), il nuovo Hypar Pavilion Restaurant (in fase di cantiere) e diversi progetti di spazi pubblici, anch’essi in fase di costruzione.

 

La sfida della Juilliard School: un progetto per il XXI secolo
Nel corso delle ultime cinque decadi, la Juilliard è cresciuta a tal punto da eccedere in relazione agli spazi disponibili. La quantità e la qualità delle aule, degli spazi didattici, delle sale prove e degli spazi comuni erano diventate insufficienti. Per rendere il principale conservatorio all’altezza del nuovo millennio, Diller Scofidio + Renfro sono stati incaricati di progettare una nuova e appropriata identità per la scuola, aggiornando gli spazi esistenti e integrandoli con nuove strutture.

 

Una nuova identità
La Juilliard School comprende attualmente 45.000 piedi quadrati di nuovi spazi e 50.000 piedi quadrati di spazi esistenti riqualificati. L’ammodernamento e l’ampliamento reinterpretano l’identità dell’edificio originario, mantenendo una chiara distinzione tra le parti preesistenti e le nuove strutture. La riprogettazione della Juilliard ha trasformato la scuola “capovolgendo” gli spazi: le attività che prima si svolgevano all’interno dei padiglioni di studio e di altre sale per la didattica sono ora svelate alla città. Quelle che una volta erano sale prove nascoste sono ora spazi di esibizione visibili dai passanti.
I limiti strutturali dell’edificio preesistente sono stati sfruttati come potenzialità per creare un’identità caratterizzata dalla maggiore visibilità conferita alla scuola. Dal momento che l’espansione non poteva essere realizzata al di sopra del preesistente edificio, essa ha preso la forma di un volume di tre piani che aleggia sopra una piazza pubblica lungo Broadway (costruendo all’esterno anziché al di sopra). Gli spazi pubblici al di sotto di questa espansione offrono ora attività per tutto l’arco della giornata e della notte: le persone mangiano, si rilassano, giocano e possono osservare le lezioni che si svolgono all’interno della Juilliard; uno degli studi di danza si affaccia sullo spazio pubblico, come un cartellone pubblicitario, consentendo la rara possibilità di intravedere quello che accade all’interno della scuola.

 

Spazi specializzati
I nuovi spazi interni della Juilliard devono soddisfare esigenze altamente tecniche in termini sia di isolamento che di flessibilità acustica in modo da rispondere a diversi requisiti collegati alle singole attività che si svolgono all’interno della scuola, sia in spazi per l’istruzione privata che per pubbliche performance.
Nella “scatola nera” che costituisce il teatro il rivestimento delle pareti è costituito da compensato perforato, un materiale poco costoso e facilmente reperibile; i pannelli possono essere fissati attraverso chiodatura e ridipinti e sostituiti con facilità. Le perforazioni consentono l’assorbimento acustico e sono retro-illuminati, fornendo una scenografia elegante per quelle rappresentazioni che non richiedono la costruzione di un vero e proprio set.
Le pareti dell’Orchestra Rehearsal Space (lo spazio di prova per l’orchestra) sono costituite da pannelli reversibili di materiale acusticamente riflettente su un lato e assorbente sull’altro. Questo consente alla sala di essere adattata a seconda delle situazioni.
Tra gli spazi più specializzati della scuola vi è una sala di lettura che contiene manoscritti rari che vengono consultati da studiosi internazionali. Questa sala è stata progettata come un’elegante sala del tesoro.
Il nuovo dipartimento per le tecnologie collegate alla musica comprende apparecchiature audio/video e una serie di sale prove isolate dove possono essere effettuate prove, registrazione e mixaggio.

 

Spazi comuni
Gli spazi comuni ben distribuiti e “sparsi” in tutta la Juilliard incoraggiano gli incontri fortuiti e casuali dove spesso avvengono scambi creativi e intellettuali. La miriade di corridoi che percorrevano tutta la scuola è stata ampliata e trasformata in spazi comuni. Lungo la 65° strada l’accesso è stato realizzato attraverso una nuova scalinata, parte della quale è stata dotata di sedute in cui gli studenti possono raccogliersi.

 

Nell’immagine, l’ampliamento della Juilliard, un volume di tre piani che aleggia sopra una piazza pubblica lungo Broadway

 

Altre immagini del progetto

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico