Dialogo tra architettura e infrastruttura: Vancouver House, BIG

Vancouver House, è il nuovo grattacielo progettato da Bjarke Ingels Group (BIG) alle porte della città di Vancouver: una torre di 49 piani, snella e leggermente ruotata su se stessa, appoggiata su di un edificio più basso a farle da basamento nei pressi di Granville Bridge, uno svincolo stradale molto trafficato.

Il concept di BIG riprende una tipologia che egli stesso definisce Vancouverism, abbinando un’alta torre residenziale, una nuova icona dello skyline della città, con un blocco tozzo e compatto a cui spetta il compito di rivitalizzare la vita pubblica del quartiere inserendovi funzioni più urbane.

Il basamento ospiterà infatti uffici, negozi e ristoranti che si apriranno su un serie di spazi pubblici ricavati dall’intersezione con la sopraelevata, mentre le unità residenziali saranno ubicate nell’edificio più alto, dove potranno godere di una splendida vista sulle vicine montagne e sull’ambiente naturale di Vancouver.

Il progetto è stato premiato al World Architecture Festival 2015 come vincitore della categoria Future Project of the Year perché secondo la giuria “il progetto mitiga l’impatto del cavalcavia autostradale e genera un nuova esemplare tipologia urbana“.

a cura di Simona Ferrioli

SCHEDA PROGETTO
Vancouver House

Luogo
Vancouver

Committente
Westbank Corporation

Progettisti
Bjarke Ingels – BIG
Partners in Charge Bjarke Ingels, Thomas Christoffersen, Beat Schenk
Project Leader Agustin Perez-Torres
Project Manager/Designer Melissa Bauld

Progetto
2012

Per ulteriori informazioni
www.big.dk

Nell’immagine di apertura, vista di Vancouver House. © BIG

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico