Detrazione 50%, Bonus mobili e ristrutturazioni: doppio vantaggio

Il Bonus Mobili è cumulabile con la detrazione del 50% per la ristrutturazione degli edifici: chi vuole arredare la casa ristrutturata o che sta ristrutturando (comunque per cui i lavori sono partiti il 26 giugno 2012, non prima) può:
1) usufruire della detrazione del 50% per l’intervento di ristrutturazione della casa;
2) usufruire della detrazione 50% per l’acquisto dei mobili che andranno in quella stessa casa.

 

Leggi lo Speciale Bonus Mobili 2013.

 

Il decreto legge in questione è il 63/2013, l’articolo è il 16. La metà dell’importo speso per acquistare i mobili deve riferirsi a una singola unità immobiliare e viene rimborsato in dieci anni, per un tetto massimo di 10.000 euro di spesa.
Non possono essere portati a detrazione
i mobili non finalizzati all’arredamento dell’unità abitativa che viene restaurata: chi rinnova l’arredamento senza ulteriori interventi di ristrutturazione dell’immobile o chi acquista mobili per una casa nuova non ha diritto alla detrazione 50%.

 

Chi vuole beneficiare del Bonus mobili deve utilizzare le medesime modalità di pagamento che vengono utiizzate per le ristrutturazioni: tramite bonifico bancario o postale nel quale deve essere chiara la causale del versamento, il codice fiscale o il numero di partita IVA del beneficiario del pagamento.

 

Per approfondire il tema del pagamento leggi su Ediltecnico.it l’identikit del Bonus 50% ristrutturazioni che nella sua parte finale chiarisce come bisogna pagare.

 

Se non vuoi solo leggere tutte le news di Architetti.com ma anche usufruire di alcuni vantaggi, come scaricare la rivista e l’e-zine, iscriviti al sito, è gratis.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico