Design e architettura. Progetto di Karim Rashid per la metropolitana di Napoli

È stata inaugurata la nuova stazione della metropolitana di Napoli progettata dallo studio newyorkese di Karim Rashid. Si tratta della stazione “Università”, che serve la zona della città dove ha sede l’Università di Napoli, ed è caratterizzata da una grande vivacità cromatica, interni espressivi e dinamici. M.N. Metropolitana di Napoli ha commissionato all’Atelier Mendini, studio di architettura e design (autore di due importanti stazioni della metropolitana linea 1, Salvator Rosa e Materdei), il rinnovamento di piazza Bovio, mentre per il progetto architettonico della stazione della metropolitana la società ha scelto Karim Rashid.

 

La nuova stazione della metropolitana “Università” è la prima di cinque nuove stazioni della linea 1 che serve aree strategiche della città ed è parte del circuito delle “Stazioni dell’Arte” realizzate da M.N. Metropolitana di Napoli. Tutte le “Stazioni dell’Arte”, caratterizzate da ambienti spaziosi e funzionali, sono progettate da architetti di fama internazionale che hanno realizzato sia gli ambienti interni che quelli esterni decorandoli con sculture, installazioni e opere d’arte contemporanea.
Ora decine di migliaia di passeggeri possono raggiungere rapidamente ogni giorno l’area accademica e multiculturale attorno alla stazione “Università” e apprezzare gli interni realizzati da Karim Rashid, che ha scelto la tecno-superficie DuPont™ Corian® per una varietà di rivestimenti in quattro diversi livelli della stazione.

 

Il piano mezzanino della nuova stazione è caratterizzato da quattro colonne nere rivestite con DuPont™ Corian® nel colore Nocturne (nero). Tutte situate in prossimità dei cancelli, due colonne mostrano una sezione cilindrica, mentre le altre due rappresentano i profili di teste di dimensioni molto grandi. Nelle vicinanze, il centro di controllo della stazione della metropolitana è rivestito con DuPont™ Corian® nel colore Glacier White, termoformato e assemblato senza alcun tipo di giunzione visibile per creare una grande struttura cilindrica svasata. L’effetto cromatico delle quattro colonne nere e del bianco del centro di controllo contrasta con le grafiche in stile pop presenti sul pavimento e sulle pareti, i “tagli di luce” sul soffitto, la scultura “Synopsis” di grande impatto visuale e i dettagli progettuali creati da Rashid.

 

Caratterizzati da forme fluide e simboliche, i colori utilizzati per il rivestimento delle pareti della stazione presentato due tonalità specifiche, lime e pink. Il risultato complessivo è un ambiente sorprendente e fuori dal comune per una stazione della metropolitana: pareti curve, colonne scultoree, colori vivaci e grafiche conferiscono una forte personalità allo spazio.
Il corridoio contiguo è delimitato dalle forme fluide dei muri bianchi che esplorano in modo delicato la creativa flessibilità dei rivestimenti realizzati con la tecno-superficie DuPont™ Corian®. Le colossali dimensioni e la lunghezza della parete (approssimativamente cento metri), la sua irregolare e organica curvatura così come i dettagli che sono stati discretamente integrati nella superficie e la finitura lucida per ottenere il massimo risultato, la complessità del progetto ha richiesto le precise conoscenze di bsolid, azienda napoletana specializzata nella lavorazione di DuPont™ Corian®. bsolid è membro del “Corian® Quality Network” ed è in grado di creare e sviluppare soluzioni per i settori dell’architettura e dell’interior design.
Il design degli interni della stazione della metropolitana “Università” è studiato per guidare i viaggiatori e per stimolare la creatività, l’immaginazione e la riflessione. Oltre a condurre i viaggiatori attraverso lo spazio sotterraneo in modo innovativo, tutti gli elementi strutturali e decorativi dell’ambiente creano un legame tra la funzione pragmatica della stazione e la rilevanza accademica e multiculturale di quest’area della città partenopea.
Questo ambizioso progetto esalta inoltre tutto il potenziale di DuPont™ Corian®: grazie alla sua termoformabilità e alla possibilità di creare superfici senza giunture visibili, permette di ottenere una continuità visiva e una superiore estetica, anche in presenza di forti vincoli strutturali, come in questo caso. L’ampia gamma di colori e la possibilità di creare colori personalizzati hanno aiutato la realizzazione di questo ambiente sotterraneo colorato, pieno di vitalità ed energia.

 

Karim Rashid è uno dei designer più prolifici della sua generazione. Con oltre 3000 progetti in produzione, oltre 300 premi e collaborazioni in ben 35 paesi, Karim è una vera e propria leggenda nel mondo del design. I suoi design premiati includono oggetti “democratici”, come il contenitore multiuso Garbo e la sedia Oh Chair disegnati per Umbra e numerosi progetti di interior design, come il ristorante Morimoto (Filadelfia, Stati Uniti) e l’Hotel Semiramis (Atene, Grecia). Karim ha collaborato con Method e Dirt Devil per lo sviluppo di prodotti dal design “democratico”, ha progettato complementi d’arredo per Artemide e Magis, ha sviluppato la brand identity per Citibank e Hyundai, ha disegnato prodotti hi-tech per LaCie e Samsung e beni di lusso per Veuve Clicquot e Swarovski, per citare alcuni esempi di suoi lavori. Creazioni di Karim sono presenti in 20 collezioni permanenti e sono in mostra presso gallerie d’arte in tutto il mondo. Karim è vincitore da molti anni di manifestazioni e premi di design come Red Dot award, Chicago Athenaeum Good Design award, I.D. Magazine Annual Design Review, IDSA Industrial Design Excellence Award.
www.karimrashid.com

 

Per ulteriori informazioni
www.corian.it
www.bsolid.it

 

Nell’immagine di apertura, Napoli, stazione metropolitana “Università”, design Kamin Rashid. Piano mezzanino, colonne rivestite con DuPont™ Corian® nel colore Nocturne. Foto © Peppe Avallone per M.N. Metropolitana di Napoli S.p.A, tutti i diritti riservati

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico