Design e architettura d’interni: nuovi materiali per il restyling del campus dell’Università di Newcastle

Lo studio FaulknerBrowns completa la ristrutturazione della sede dell’associazione studentesca all’interno del campus dell’Università di Newcastle. Un immobile alto 5 piani, con 180 anni di storia, dove la sfida è stata quella di una ristrutturazione all’interno di un edificio considerato monumento nazionale, dove l’intera struttura doveva rimanere intatta pur adeguandosi alle esigenze di un pubblico studentesco.

 

Da questi presupposti nasce la necessità di adottare un materiale durevole e resistente ad un forte utilizzo per un lungo periodo, un materiale che non si logorasse, che non invecchiasse, che non si deteriorasse sia in termini di aspetto che di prestazioni.
I progettisti, che hanno lavorato con Multi-Surface Fabrications (MSF), l’azienda incaricata della realizzazione del progetto, hanno scelto di utilizzare la Pietra Acrilica di Nuova Generazione Hi-Macs®, avvalendosi anche della competenza di Newman Scott, specialista di arredo per negozi, per la realizzazione del bar interno dove sono state installate 40 colonne rivestite, tra cui una di 4,6 m di altezza che divide in due l’area bar principale. L’intero progetto di rinnovo non ha riguardato solo l’area bar ma anche il banco ricevimento principale, alcune postazioni per i computer, i 40 rivestimenti dei tavolini del bar, gli arredi del negozio Union e, infine, i rivestimenti per i radiatori di tutto l’edificio.
Di particolare interesse sono le “T-cup” che con la loro altezza di 2,4 metri non sono solo delle sedute, ma anche degli spazi per fare conversazione, e la “Spine Wall”, una parete multifunzionale (progettata per oltre 100 attività) con caselle per il deposito della posta che copre l’intera lunghezza dell’edificio.

 

Alistair Strippil responsabile del progetto di FaulknerBrowns – spiega perché è stato scelto HI-MACS®: “Realizzare dei bordi nei minimi dettagli o limitare il design alle superfici piane, sono due attività che non costituiscono più un problema. In passato, abbiamo dovuto accettare di limitare un po’ il progetto per adeguarci alla praticità, intesa come i limiti imposti dai materiali stessi. Adesso possiamo andare oltre e spingere il nostro concetto di design fin dove il software di  ce lo permette”.

 

Gli architetti di FaulknerBrowns hanno iniziato il progetto nel dicembre 2009 e l’hanno completato nel settembre 2011. L’inaugurazione ufficiale è avvenuta il 18 novembre 2011. Per questo progetto di successo, FaulknerBrowns ha vinto nel novembre 2011, il National Mixology North Award per la categoria Education Interior Design Award, e in seguito è stato premiato con il Design Practice of the Year.

 

Hi-Macs® è composto per il 70% di pietra naturale polverizzata derivata dalla bauxite, per il 25% di resina acrilica di alta qualità e per il 5% di pigmenti naturali; ha il pregio di non sporcarsi poiché è completamente non poroso e inalterabile nel tempo. Mantiene il colore originario anche se esposto a lungo ai raggi UV, può anche essere stampato attraverso un processo di sublimazione, inoltre presenta uno spessore uniforme e giunzioni del tutto invisibili, infine grazie alle eccellenti proprietà di termoformabilità, permette di adattare il materiale a ogni idea e di creare una gamma di forme e disegni pressoché infinita.

 

Per ulteriori informazioni
www.failknerbrowns.co.uk
www.himacs.eu 

 

Nell’immagine di apertura, vista interna dell’Activities Centre del campus dell’Università di Newcastle. Foto © Cadzow Pelosi

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico