Dentro a una disavventura medica, un’ottima cucina. Il design della salute

Navigando nella rete, per scoprire arredamenti suggestivi e non comuni, non possiamo non menzionare un posto unico. Uno strano ristorante, denominato Hospitalis, ha aperto a Riga, in Lettonia. Si tratta di un luogo da vedere, se piace il gore. Il ristorante sembra uno studio medico, e il cliente viene trattato come un paziente e “curato” da cameriere in uniforme da infermiera. Il cibo viene servito in contenitori e piatti da ospedale, e non è a buon mercato. Ma questa è un’esperienza bizzarra che vale la pena di fare.
Il (all’epoca) presidente della Lettonia, anch’egli medico, ha declinato la presenza alla festa di apertura, dopo aver capito quanto è “strano” questo posto.

Nel cuore della città vecchia (Piazza Duomo a 4 Tirgonu Street) tutti possono godere di un ambiente pseudo-ospedale. La sua creazione  ha visto coinvolti i più grandi ospedali della Lettonia e il Museo della storia medica, che hanno contribuito all’autenticità del luogo. Uffici medici di epoca sovietica sono stati inoltre restaurati e utilizzati.
L’idea concettuale appartiene a Māris Rēvalds, presidente degli uffici di medicina all’Health Centre 4 di Riga.
Per avere più informazioni: www.hospitalis.lv

 

Ecco allora che possiamo parlare di una tendenza generica della progettazione, piuttosto “di moda” (il design della salute) andando però a trattare del suo aspetto più “serio”, quello prettamente tecnologico e farmaceutico.
Il design della salute considera il biomedicale e il wellness, passando per il care. Il concetto di sanità è molto cambiato negli ultimi anni; il cambiamento si è verificato anche nei mercati che ad esso fanno riferimento. In particolare, sanità’ è un termine che appare ormai troppo intransigente, a favore di una idea di cura che si estende fino al benessere. L’evoluzione è sospinta anche dallo sviluppo di tecnologie che permettono di portare al paziente molte tecnologie, intervenendo direttamente sull’ambiente domestico con monitoraggi e pratiche prima utilizzabili solo in ambito ospedaliero.
Anche la distribuzione dei prodotti farmaceutici assume un diverso approccio nei confronti dell’utente, con l’introduzione dei farmaci di base, e l’apertura delle parafarmacie. Cambia il modo di porsi all’utente anche nel packaging, e nel design delle farmacie stesse, più attrattive, e diversificate a seconda del contesto in cui si trovano ad operare.

Enrico Patti

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico