David Chipperfield Architects, Thinking past: due progetti di restauro a Spazio FMG

Ricerca di continuità, tesa a un equilibrio di affinità tra le parti storiche e i nuovi interventi. Questa in sintesi l’idea di restauro di David Chipperfield, una delle più alte personalità dell’architettura contemporanea che il suo studio ha interpretato in due progetti in mostra allo SpazioFMGperl’Architettura dal 30 novembre 2012 al 25 gennaio 2013: i Rivellini del Castello Sforzesco di Milano e Villa Da Porto Barbaran a Montorso Vicentino.

 

Il progetto di recupero dei Rivellini del Castello Sforzesco fa parte del più ampio Piano Generale per il riallestimento museografico del monumentale complesso milanese conseguente al concorso vinto nel 2005 dall’Architetto Michele De Lucchi e David Chipperfield Architects. L’intento generale è quello di completare i volumi, demoliti durante il restauro condotto da Beltrami agli inizi del ’900.
La Villa Veneta a Montorso Vicentino appartenne a Luigi Da Porto, autore della novella cinquecentesca Giulietta e Romeo che ispirò William Shakespeare e, una volta recuperata, la Barchessa diventerà la sede del Gruppo Cielo Venezia 1270. Realizzata in fasi distinte a partire dalla prima metà del Cinquecento, la Villa ha raggiunto il suo massimo sviluppo nella prima metà dell’Ottocento per poi subire manomissioni, crolli e abbandoni che l’hanno portata fino allo stato di rudere.

 

Il progetto di David Chipperfield Architects propone il completamento volumetrico dei Rivellini generando un nuovo punto di accesso e di distribuzione verticale al Castello Sforzesco e, allo stesso tempo, trasformandoli in nuovi spazi museali. Parallelamente il progetto vicentino propone il completamento volumetrico della Villa nell’ottica di riportarla all’assetto di massimo sviluppo. Come nel caso del Castello Sforzesco l’intervento intende non nascondere i completamenti, come addizione all’esistente” spiega Luca Molinari, curatore della mostra.

 

Entrambi i progetti, nella loro complessa affinità, ricercano conformità tra gli opposti, diversità tra le somiglianze e propongono soluzioni di completamento volumetrico e continuità di materiale con l’intento da un lato di preservare la fabbrica dell’edificio come evidenza fisica della storia, dall’altro lato di esaltarla nella reinterpretazione in cui le due parti (complementari) servano ad un completamento reciproco (per somiglianza ed analogia) e ad una lettura (indipendente) non soggetta all’altrui dominio in un equilibrio di affinità.

 

La Mostra David Chipperfield Architects, Thinking Past: due progetti affini offre l’opportunità di cogliere ed approfondire la visione del restauro da parte di uno dei più importanti studi di architettura del mondo.


David Chipperfield ha studiato alla Scuola d’Arte Kingston e alla Architectural Association di Londra. Dopo la laurea ha lavorato negli studi di Douglas Stephen, Richard Rogers e Norman Foster. Ha insegnato e tenuto conferenze in tutto il mondo, come docente di Architettura presso la Staatliche Akademie der BildendenKuenste, Stoccarda, come visiting professor presso le scuole di architettura in Austria, Italia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. David Chipperfield è attualmente curatore della 13° Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.
Lo studio David Chipperfield Architects è stato fondato nel 1985 e conta attualmente più di 250 dipendenti nelle sedi di Londra, Berlino, Milano e Shanghai. I progetti in corso includono una nuova galleria per la Colección Jumex a Città del Messico, l’hotel di lusso a cinque stelle Hotel Café Royal a Regent Street, Londra, Perm Opera and Ballet Theatre in Russia, la Galleria Marrakech in Marocco, l’edificio per uffici residenze Elizabeth House vicino a Waterloo, Londra, la James Simon Gallery, un nuovo edificio d’ingresso all’Isola dei Musei a Berlino, una nuova ala del Saint Louis Art Museum negli Stati Uniti, la Ansaldo – Città delle Culture a Milano e l’ampliamento della Kunsthaus di Zurigo in Svizzera.
Lo studio David Chipperfield Architects ha vinto numerosi premi internazionali e menzioni per l’eccellenza nel design, tra cui i premi RIBA e AIA, il RIBA Stirling Prize nel 2007 e il premio dell’Unione europea per l’architettura contemporanea – Premio Mies van der Rohe nel 2011.


SCHEDA EVENTO
David Chipperfield Architects
Thinking past: due progetti affini

a cura di Luca Molinari, Simona Galateo e David Chipperfield Architects Milano


Luogo
SpazioFMGperl’Architettura
via Bergognone, 27
Milano


Vernissage
giovedì 29 novembre 2012 | ore 18.30
ingresso libero


Periodo mostra
dal 30 novembre 2012 al 25 gennaio 2013


Orari
lun-ven | 15.00-19.00
ingresso libero


Per ulteriori informazioni
SpazioFMGperl’Architettura
Tel 02 89410298
dpoletti@spaziofmg.com
www.spaziofmg.com

 

Nell’immagine di apertura, plastico del progetto per i Rivellini del Castello Sforzesco di Milano. Foto © Richard Davies

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico