Da parcheggio a giardino: Piazza Da Vinci Milano

piazza da vinci milano

Ieri mattina, 23 maggio 2016, alla presenza del sindaco di Milano Giuliano Pisapia, dell’Assessore all’urbanistica Alessandro Balducci, e del rettore del Politecnico Giovanni Azzone, insieme alla progettista Sara Protasoni e ad altre personalità coinvolte, è stata inaugurata la nuova Piazza Leonardo Da Vinci.

L’intervento di riqualificazione della piazza, costato 1.8 milioni di euro (750-800 mila euro a carico del Politecnico e circa 1 milione e 50 mila euro al Comune), era stato pensato nel 2011, con una prima discussione sul futuro della piazza nell’ambito del progetto del Politecnico e della Statale “Città Studi Campus Sostenibile“, e poi nel 2013 con la decisione del Comune di Milano di pedonalizzare l’area, che si trova proprio davanti al Politecnico. Il cantiere era iniziato nell’ottobre del 2015.

L’obiettivo del progetto, a cura di Sara Protasoni, docente di Architettura del Paesaggio alla Scuola di Architettura, Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni del Politecnico, era quello di aumentare le superfici verdi e di rendere lo spazio esclusivamente pedonale. Un giardino quindi, che andasse a sostituire il parcheggio esistente sanandone il degrado, e fosse aperto agli studenti del Politecnico e a tutta la città: un’opera di rigenerazione urbana in piena regola.

La realizzazione è stata possibile, come il Sindaco ha voluto sottolineare durante l’inaugurazione, grazie alla fruttuosa collaborazione tra consiglio di zona, amministrazione e Politecnico. Una collaborazione che tra l’altro continuerà, perché, grazie a una convenzione con il Consiglio di zona 3, il Politecnico potrà utilizzare per alcuni giorni la piazza gratis per organizzare iniziative culturali, di diffusione artistica e sperimentazione.

Secondo Pisapia, questa piazza ora è “un vero e proprio parco”, “un dono fatto a Milano, ai milanesi, agli studenti che vengono da tutto il mondo e che rende il Politecnico più attrattivo. Restituiamo all’università, agli studenti, ai cittadini della zona e a Milano un luogo bellissimo, che era stato un po’ abbandonato ma che adesso è rinato”.

 

Leggi anche Milano si fa verde: 1000 orti a km 0 per Milano.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico