CTRLZAK Art & Design Studio – Oggetti ricontestualizzati

CTRLZAK Art & Design Studio agisce a livello internazionale nel campo dell’arte e del design. Lo studio fondato da Thanos Zakopoulos (Grecia) e Katia Meneghini (Italia), affiancato da un team multidisciplinare, si pone con una visione creativa non limitata a un settore specifico, permettendo così di sviluppare progetti che spaziano dall’ideazione di oggetti ed interni fino ad installazioni d’arte ′site specific′.

CTRLZAK si avvale di strumenti  semiotici e cognitivi  durante tutto il percorso creativo proponendo forme che vanno al di là del comune valore estetico. L’approccio creativo dello studio si relaziona al contesto sociale, ambientale e culturale in cui opera. Negli oggetti e ambienti proposti si enfatizzano aspetti legati alla loro memoria e alla storia stessa del luogo in cui vengono ri-contestualizzati, facendo attenzione ai dettagli che sottolineano il loro valore simbolico senza però negarne la funzionalità.

 

Remeditate
Oggi il design occupa un ruolo rilevante nel raggiungimento della condizione di benessere: i prodotti influenzano le nostre vite e appagano i nostri sensi. Stare bene con se stessi e con gli altri è fondamentale, ma come aspirare a una condizione di benessere se non siamo predisposti alla cura? 
CTRLZAK Art & Design Studio si interroga sulla dimensione simbolica e funzionale degli oggetti: Remeditate è una serie di suppellettili ispirati all’ambiente medico. Siamo invitati a convivere con elementi estranei, messi di fronte a prodotti difficilmente accettabili nella sfera quotidiana, distanti dalla concezione di benessere. Lo studio non offre terapie risolutive ma indica una pratica concettuale. Attraverso l’approccio tipico dell’arte, CTRLZAK propone soluzioni di design che provocano cortocircuiti nel quotidiano e stimolano interrogativi. In mostra arredi come tavoli, sedie e lampade affetti da patologie diverse; un’operazione ironica che vuole andare oltre l’estetica del prodotto riferendosi non solo alla precarietà della condizione umana ma anche a questioni legate a tematiche ambientali, preannunciando un tempo in cui sarà necessario riciclare la propria urina in mancanza d’acqua. CTRLZAK vuole creare consapevolezza e sensibilizzare il fruitore affinchè la condizione di benessere, aspirazione universale, sia possibile.

 

di Giacomo Sacchetti

Articolo tratto da Dossier Habitat n.38, ottobre 2009

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico