Crollo palazzine a Palermo, perchè il Piano Clini è stato affossato?

Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha pubblicato sul awn.it un comunicato che contiene una presa di posizione forte in seguito al crollo delle palazzine a Palermo, causate dalla costruzione abusiva di un piano sopraelevato: obbligatoria la messa in sicurezza! Il Sindaco della città Orlando ha affermato che ogni giorno la polizia sequestra decine di costruzioni abusive. Suo l’appello ai cittadini affinché denuncino gli abusi che spesso non sono visibili dall’esterno. Il CNAPPC si scaglia contro l’insabbiamento del Piano Clini, Piano che avrebbe potuto far partire una serie di misure di salvaguardia operative da subito e di vietare, per esempio, di costruire in aree ad alto rischio idrogeologico. I motivi dell’affossamento sono evidentemente politico-elettorali.

 

“Il crollo delle palazzine di Palermo – che sembra da imputare a una improvvida sopraelevatura di un piano – devono farci ulteriormente riflettere sullo stato del patrimonio edilizio del nostro Paese. Un patrimonio che, per una grandissima parte, è obsoleto, fatiscente e pericoloso. La sua messa a norma e in sicurezza non può più essere rinviata, così come il varo di nuove e stringenti norme che impediscano si realizzino piccolo o grandi abusi edilizi come quello perpetrato in questa circostanza”.

 

“Ma bisogna saper anche guardare lontano. Ecco, quindi, che appare incredibile che il Piano Clini che intendeva intervenire con iniziative concrete contro il dissesto idrogeologico del Paese sia stato, di fatto, affossato. Spiace rilevare che in una sorta di gioco della parti – sotto la bandiera del superamento del vincolo di stabilità e della mancanza di risorse disponibili, Comuni da una parte e via XX Settembre, dall’altra – abbiano annacquato una norma che, se consente di realizzare qualche piccola opera pubblica probabilmente dal sapore elettorale, impedisce di varare finalmente un piano organico. Piano che pure avrebbe potuto far partire una serie di misure di salvaguardia immediatamente operative e di vietare, per esempio, di costruire in aree ad alto rischio idrogeologico“.

 

Da sempre gli architetti italiani insistono sul fatto che serve ottimizzare le risorse e individuare iniziative e progetti specifici per garantire la sicurezza dell’abitare e dell’ambiente, promuovendo politiche di rilancio delle città e dei territori. Un accordo e un progetto in tal senso – denominato Urban Pro – che vede il coinvolgimento di Ance, ConfCommercio e UnionCamere, verrà presentato a Roma proprio giovedì prossimo.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico