Concorso Internazionale on line SILK ROAD MAP. Alla riscoperta dell’antica Via della Seta

OICE Associazione di categoria rappresentante le organizzazioni italiane di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica bandisce il Concorso Internazionale on line SILK ROAD MAP, nato da un’idea  dell’architetto Luigi Centola dello Studio Centola & Associati e collegato alla mostra “Alto Design e Alta Tecnologia Italiana” che si svolgerà nel mese di settembre all’interno del Padiglione Italia all’Expo Universale di Shanghai 2010.

I partecipanti sono invitati ad elaborare idee-progetto innovative, materiali o immateriali, per recuperare, reinterpretare, attualizzare e, se possibile, riconfigurare nell’immaginario collettivo la “Via della Seta” (a breve Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO), la straordinaria rete di percorsi commerciali, culturali e religiosi lunga circa 15.000 km che per oltre 2000 anni costituì l’unico collegamento tra le civiltà dell’est e dell’ovest, dall’antica città di Xi’an, centro di produzione della seta, arrivava in Italia attraversando Cina, Russia, Kazakistan, Tajikistan, Kyrgystan, Uzbekistan, Turkmenistan, Afganistan, Iran, Iraq, Armenia, Siria, Turchia, Grecia, Egitto.

Nel 1877 il geografo e barone tedesco, Ferdinand von Richthofen, usò per primo il termine Via della Seta (Seidenstrasse), per indicare il fuso di collegamenti tra oriente e occidente con i due percorsi principali costituiti dalla rotta sud e da quella nord.
Infinite sono le fonti, le ricostruzioni storiche e le mappe che tentano di tracciare i tragitti delle carovane nelle diverse epoche, tutte potranno costituire fonte di ispirazione ed elaborazione per i partecipanti; così come ulteriori preziose suggestioni si potranno individuare nelle storie, nelle leggende, nei disegni e nei diari di viaggiatori, esploratori, commercianti, religiosi, scienziati e artisti come Marco Polo, Padre Matteo Ricci, Giovanni Caboto, Flavio Gioia, Giovanni da Verrazzano o Giuseppe Castiglione.
Ulteriori tracce per rispondere adeguatamente alle ambizioni del concorso sono ovviamente fornite dalla bellezza e dalla varietà dei paesaggi in continua mutazione e dalle straordinarie testimonianze lasciate dall’uomo attraverso luoghi ricchi di storia, di cultura e talvolta anche di mistero.
Entro il 2025, inoltre, la Cina ha annunciato una rete di treni superveloci, passeggeri e merci, che collegherà in 3-4 giorni l’Estremo Oriente all’Asia centrale e all’Europa. I container, per arrivare via terra da Amburgo a Shanghai, potrebbero impiegare anche meno di 48 ore rendendo obsoleto il trasporto marittimo. Il plurimiliardario piano di sviluppo cinese punta a realizzare la più estesa rete di supertreni al mondo collegando in tempi sbalorditivi le capitali euroasiatiche. Una trama di 40.000 km di nuovi binari di ultima generazione attraverserà ben 17 Paesi con nuove stazioni, nodi intermodali e agglomerati urbani. Il network ferroviario del secolo, che promette di spostare sempre più verso l’Estremo Oriente gli equilibri economici e geopolitici, ha già ottenuto l’interesse e l’accordo di moltissimi Paesi. La nuova alta velocità euroasiatica punta soprattutto al traffico delle merci, alla nascita di nuovi poli industriali e allo scambio di risorse naturali preziose. La romantica Via della Seta si trasformerà nella nuova via ferroviaria del gas, del petrolio e dei metalli essenziali per le nuove tecnologie. Centinaia di milioni di persone potrebbero decidere di trasferirsi a Ovest, in aree oggi spopolate ma ricchissime di risorse, fondando nuove metropoli.

L’OICE crede fermamente nella cooperazione, nella competizione virtuosa e nelle potenzialità della creatività, della progettazione e della tecnologia italiana – afferma Braccio Oddi Baglioni, presidente dell’Associazione delle società d’ingegneria aderente a Confindustria -. Una convinzione che si traduce in iniziative ed eventi che, in occasione dell’Expo di Shanghai, si concretizzano in un Concorso online e una Mostra: eccezionali opportunità per professionisti e studenti (italiani e cinesi) di proporre idee progetto innovative per lo sviluppo di collaborazioni, investimenti e sinergie internazionali”.

Nell’elaborazione dell’idea-progetto ai partecipanti è data ampia libertà di scelta, oltre che del sito, lungo il fuso di strade che collegavano la Cina all’Italia, anche del programma funzionale ritenuto più appropriato; saranno valutate con attenzione anche proposte immateriali, digitali, interattive, concettuali, effimere, senza luogo specifico o adattabili a luoghi multipli. In coerenza con i temi espositivi affrontati all’interno del Padiglione italiano è suggerito, ma non imposto, di seguire le cinque sezioni principali che definiscono la Mostra “Alto Design – Alta Tecnologia”:

– Edifici pre-esistenti: tutela e/o recupero > Tradizione
– Industria e architettura > Produzione
– Tecnologie per la mobilità e i collegamenti > Movimento
– Parchi, ambiente, ecosostenibilità ed energia > Benessere
– Materiali e ricerche ad alta tecnologia > Tattilità

Il concorso si svolge in un’unica fase ed è aperto a professionisti e studenti italiani e cinesi. La partecipazione può avvenire sia in forma singola che attraverso la formazione di un raggruppamento. Sono incoraggiate le collaborazioni interdisciplinari, multiculturali e transnazionali.

I concorrenti dovranno effettuare l’iscrizione online entro le ore 10:00 AM del 31 maggio 2010, compilando il modulo disponibile sul sito ufficiale del concorso www.newitalianblood.com/expo2010. Consegna online dei materiali entro il 15 giugno 2010.

Oltre al Primo Premio di 10.000 Euro che sarà assegnato al vincitore e ai voli andata-ritorno per Shanghai offerti ad un massimo di 5 Menzioni d’Onore, le prime 10 proposte classificate saranno esposte all’interno della Mostra “Alto Design – Alta Tecnologia”, che si terrà nel Padiglione Italiano dell’Expo di Shanghai 2010, insieme ai progettisti italiani più rappresentativi che proporranno gli esempi più innovativi della progettazione e della tecnologia del nostro Paese.
Le idee-progetto, selezionate da una giuria italo-cinese, diventeranno parte integrante del percorso espositivo, saranno inserite nel contesto di una grande mappa tridimensionale lunga oltre 15 metri che unisce simbolicamente l’Italia alla Cina.
Prima dell’inaugurazione della Mostra a Shanghai, si terrà a Roma, presso la Casa dell’Architettura, la cerimonia ufficiale di premiazione dei vincitori e dei gruppi selezionati.
Tutte le visioni progettuali ricevute saranno esposte sul sito ufficiale del concorso www.newitalianblood.com/expo2010.

 

 

SCHEDA CONCORSO

SILK ROAD MAP
Concorso Internazionale online Road Map della Seta
Migliore Città – Migliore Vita
Alto Design – Alta Tecnologia

Padiglione Italiano – EXPO Universale Shanghai

Scarica il bando di concorso

Organizzazione e segreteria del concorso
House of Excellences in China
China-Italy-Architectural-Organization
via Adda n.55, 00198 – Roma. Italia
tel +39.(0)6.85351035
fax +39.(0)6.85357834

Con il patrocinio e il supporto di
Comune di Roma
Regione Lazio
Sviluppo Lazio

Con la collaborazione e le tecnologie di
Newitalianblood.com

Sito web
www.newitalianblood.com/expo2010

Segreteria del concorso
competition@newitalianblood.com

Nell’immagine, Esercito di terracotta, Xi’an (Cina)

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico