Committenza di qualità. Premio Dedalo Minosse: i progetti vincitori

Saranno premiati venerdì 24 giugno presso la Sala degli Stucchi di Palazzo Trissino, i vincitori dell’ottava edizione del Dedalo Minosse, una manifestazione unica nel suo genere che, premiando opere già realizzate, pone l’attenzione sulla committenza, in molti casi sottovalutata quando si parla d’architettura, dimenticando che il compimento di opere architettoniche di qualità, può avere origine solo dall’esemplare connubio tra chi la promuove e chi la progetta.
La cerimonia ufficiale di premiazione sarà anticipata da una Conferenza Stampa che si terrà la mattina di venerdì 24 presso il CISA, Centro Internazionale Studi di Architettura Andrea Palladio e dalla tavola rotonda organizzata per giovedì 23 giugno nella scenografica cornice della Cava Laboratorio Morseletto, sempre in provincia di Vicenza. Alla premiazione seguirà l’inaugurazione della mostra che si terrà sempre al CISA e che resterà aperta al pubblico dal 25 giugno al 18 settembre.

 

Quattro i Premi conferiti per quest’edizione: Premio Internazionale Dedalo Minosse, Premio Internazionale Dedalo Minosse Occam U.40, Premio ALA e Premio ALA U.40.
Otto i Premi Speciali tra i quali spicca il Premio Speciale Nievo, dedicato al celebre scrittore ambientalista che, fino alla sua improvvisa scomparsa nel 2006, fu presidente della giuria dalla prima edizione. Tra gli altri Premi Speciali, quelli assegnati dagli Sponsor Caoduro Lucernari e GranitiFiandre, dalla rivista internazionale di architettura comunicazione e design l’Arca e dalla Regione del Veneto, promotori della manifestazione insieme ad Ala Assoarchitetti.
Inediti i Premi Design for All, Bob Noorda e Associazione Industriale Sezione Costruttori Edili. Dodici sono, invece, i progetti segnalati e 54 quelli pubblicati.

 

Tra i committenti spiccano nomi prestigiosi, tra i quali BMW, Metropolitana di Barcellona, Infrastrutture Lombarde, Lega del Filo d’Oro, Comune di Cracovia e il Consorzio Venezia Nuova. Anche tra gli architetti, nomi noti del panorama mondiale come Coop Himmelb(l)au, E. O. Moss, Pei Cobb Freed, Manfredi Nicoletti, Mecanoo, MK27 presenti accanto ai giovani architetti che rappresentano il 24% del totale di questa edizione.
Il punto di forza del Premio Dedalo Minosse risiede, infatti, oltre che nel porsi come punto d’incontro tra la cultura architettonica contemporanea e la società, anche nel consacrare accanto ai grandi progetti, nomi ancora poco noti, ponendo in luce il ruolo di arricchimento apportato dal committente nel promuovere l’attività progettuale futuro patrimonio della collettività. Un’unicità che sta premiando negli anni il Dedalo Minosse.

 

E particolarmente significativa è stata la partecipazione anche a questa edizione: 700 le iscrizioni pervenute e 340 i progetti ammessi alla selezione con la partecipazione di 52 paesi, tra i quali per la prima volta anche Algeria, Ecuador, Finlandia, Kazakistan, Libano, Liberia, Lussemburgo, India, Namibia, Repubblica del Mali, Thailandia, Taiwan. In crescita il numero della partecipazioni da Brasile e, in generale, dal Sud America.
Molto ampio e diversificato il target dei committenti composto da aziende (39%), amministrazioni pubbliche (25%), privati (25%) ed enti, fondazioni, associazioni (11%).
L’interessante e complesso panorama di tutte le opere partecipanti ha toccato ambiti eterogenei: edifici pubblici, abitazioni, edifici polifunzionali, uffici, aree commerciali, spazi pubblici, infrastrutture, produttivo, installazioni, prototipi e opere temporanee, spazi verdi. Tra gli interventi il 75% riguarda nuove costruzioni, il 21% restauri e ristrutturazioni e 4% recupero urbano.
Unico parametro di giudizio in questo vasto scenario, la qualità dell’esito, osservata e valutata relativamente al progetto complessivo che ha portato alla realizzazione finale. Particolare attenzione è stata dedicata al tema della sostenibilità sociale ed economica, al Design for All, al trattamento della luce naturale, all’uso sostenibile del territorio e delle risorse, alla valorizzazione e conservazione dell’ambiente, del paesaggio e del patrimonio architettonico, all’uso di tecnologie e materiali innovativi e alla valorizzazione delle tradizioni e dei linguaggi locali.

 

La Giuria dell’ottava edizione del Premio Internazionale Dedalo Minosse è composta da Gianni Arnaudo, architetto, Italia; Mario Botta, architetto del committente premiato nell’edizione 2007/2008, Svizzera; Paolo Caoduro, sostenitore principale del Premio, Italia; Cesare M. Casati, direttore de l’ARCA, Italia; Bruno Gabbiani, presidente di ALA-Assoarchitetti, Italia; Richard Haslam, storico d’architettura, Gran Bretagna; Richard Meier, architetto del committente premiato nell’edizione 2007/2008, USA; Luca Molinari, curatore padiglione Italia 12. Biennale di Architettura di Venezia, Italia; Luigi Prestinenza Puglisi, critico di architettura, Italia; Peter Reichegger, committente premiato nell’edizione 2007/2008, Italia; Giorgio Santilli, caporedattore de Il Sole 24 Ore e direttore di Edilizia e Territorio, Italia; Piero Sartogo, architetto, Italia; Roberto Tretti, presidente del Centro Studi per le Libere Professioni, Italia; Rappresentante della Regione del Veneto, Italia. Per il Comitato Promotore Stefano Battaglia, architetto e Marcella Gabbiani, architetto.

 

Qui di seguito nel dettaglio i premi e i progetti vincitori della ottava edizione:

 

Premi
Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura
Committente: BMW AG
Progetto: Coop Himmelb(l)au, Wolf D.Prix / W.Dreibholz & Partners ZT GmbH
Opera: BMW Welt, Munich
Realizzazione: 2007, Monaco (Bavaria), Germania

 

Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura – OCCAM Under 40
Committente: Silva Family
Progetto: Forte, Gimenes & Marcondes Ferraz
Opera: Grid House
Realizzazione: Serra da Mantiqueira (San Paolo) Brasile

 

Premio ALA – Assoarchitetti
Committente: Gmina Miejska Krakow, Zarzad Budynkow Komunalnych,  Sindaco: Jacek Majchrowski
Progetto: Claudio Nardi (capogruppo) e Leonardo Maria Proli
Opera: Mocak, Museum of contemporary art Krakow
Realizzazione: 2010, Cracovia, Polonia

 

Premio ALA – Assoarchitetti Under 40
Committente: Comune di Valle Aurina
Progetto: Stifter + Bachmann
Opera: Centro Sportivo San Martino
Realizzazione: 2007, Comune di Valle Aurina (Bolzano), Italia

 

I Premi Speciali assegnati sono: il Premio Speciale Stanislao Nievo alla Safe Haven Library and Safe Haven Bathhouse a Ban Tha Song Yang (Tak), Tailandia di TYIN Tegnestue, committente Tasanee Keereepraneed; il Premio Speciale l’ARCA alla  Samitaur Tower a Culver City, California, di Eric Owen Moss Architects, committente: Samitaur Constructs, Frederick and Laurie Samitaur Smith; il Premio Speciale Caoduro a Palazzo Lombardia di Pei Cobb Freed, committente: Infrastrutture Lombarde; il Premio Speciale Regione del Veneto alla Central bus station a Monaco, Baviera, di Auer+Weber+Assoziierte, committente: HOCHTIEF Projektentwicklung GmbH; il Premio Speciale GranitiFiandre al Recupero del Forte di Fortezza, Bolzano, di Markus Scherer con Walter Dietl, committente: Provincia Autonoma di Bolzano; al Nuovo centro per visitatori del parco naturale Puez-Odle, scuola elementare e scuola materna a Funes, Bolzano, di Burger – Rudacs Architekten; al Nuovo museo di arte moderna e contemporanea MUSEION a Bolzano, Bolzano, di KSV Krüger Schuberth Vandreike; al Nuovo liceo pedagogico Josef Gasser e scuola materna a Bressanone, Bolzano, di Peters + Keller Architekten BDA, tutti sotto la committenza della Provincia Autonoma di Bolzano; il Premio Speciale Design for All Italia al Centro socio-sanitario residenziale per sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, Lesmo, Monza-Brianza, di Guidarini & Salvadeo architetti associati con ingegneri Canalini e Passalacqua, committente: Lega del Filo d’Oro Onlus; il Premio Speciale Bob Noorda alla Metro Station Sant Andreu e alla Metro Station Drassanes, Barcellona, di ON-A, Jordi Fenández, Eduardo Gutiérrez, Francine M.J. Houben, committente: Transports Metropolitans de Barcelona; il Premio Speciale Associazione Industriali della Provincia di Vicenza – Sezioni costruttori edili al South Asian Human Right Documentation Centre, Nuova Delhi, di Anagram Architects, committente: South Asian Human Right Documentation Centre.

 

I progetti segnalati dalla Provincia di Vicenza sono: Villa Romana La Olmeda a Pedrosa de la Vega (Palencia), Spagna, di Paredes Pedrosa Arquitectos, committente Diputación De Palencia; St Joseph Rebuild Center a New Orleans, Louisiana, di Detroit Collaborative Design Center e Wayne Troyer Architects, committente St Joseph Rebuild Center; la segnalazione della Camera di Commercio di Vicenza è per il Kendrew Quadrangle a Oxford, di MJP Architects, committente St John’s College, Oxford; le segnalazioni della giuria sono: New offices for Bührmann & Partners Consulting Engineers a Windhoek, Namibia, di Jaco Wasserfall Architects, committente Bührmann & Partners Consulting Engineers; Net Center a Padova di LVL Architettura Srl, committente Progetto Acciaio Srl; La Llotja de Lleida Theatre and Conference Centre a Lleida, Spagna, di Mecanoo architecten con Labb Architectura, committente Centre de Negocis i de Convencions S.A.; Darwin Centre Phase II a Londra, di C.F. Møller Architects, committente Darwin Centre Phase Two, Natural History Museum; Percorsi d’Anaunia, Sfruz, Smarano, Ton, Tres e Vervò (Trento), Pozzatti Edy, Maurina Claudio, Pozzatti Paolo, committenti Comuni di Sfruz, Smarano, Ton, Tres e Vervò; WFP. Water filtration plant, Laguna di Venezia, di C+S Associati, committente Consorzio Venezia Nuova; F-House a Yamaguchi City, Giappone, di Kubota Architect Atelier, committente Hiroaki e Naoko Fujimura; Kazakhstan central concert hall ad Astana, Kazakhstan, di Manfredi Nicoletti, committente Municipality of Astana, Astana Akimat; Paraty House a Paraty (Rio de Janeiro), Brasile, di Studio MK27 – Kogan and Suzana Glogowski, committente Marinho Azevedo.

 

 

Per ulteriori informazioni
www.dedalominosse.org

 

 

Nell’immagine di apertura, Mocak, Museum of contemporary art Krakow, Cracovia, 2010, progetto di Claudio Nardi (capogruppo) e Leonardo Maria Proli, committente Gmina Miejska Krakow, Zarzad Budynkow Komunalnych, Sindaco: Jacek Majchrowski, vincitore del Premio ALA – Assoarchitetti all’ottava edizione del Premio Internazionale Dedalo Minosse

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico