Città e paesaggi nelle fotografie di Olivo Barbieri in mostra al MAXXI

Fino al prossimo 15 novembre sarà possibile visitare la mostra Olivo Barbieri. Immagini 1978 – 2014, organizzata da MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo. Olivo Barbieri, uno dei più importanti autori della fotografia italiana contemporanea, ha raccontato il paesaggio italiano, la sua provincia e le sue periferie, ma anche il crollo dei miti della modernità, la trasformazione della Cina e la globalizzazione dell’Estremo Oriente, le città di tutto il mondo osservate dall’alto e il rapporto con la Natura.

La mostra presenta una selezione di oltre cento opere che illustrano il percorso artistico del fotografo dalla fine degli anni Settanta a oggi. Una retrospettiva che ripercorre la ricerca di Barbieri, evidenziando la sua costante attenzione al tema della percezione, della capacità di vedere e interpretare la realtà: con le sue fotografie, l’artista mette in crisi le consuete modalità di rappresentazione, per dare vita a nuove narrazioni attraverso continui esperimenti percettivi. L’espediente visivo – che sia l’alterazione coloristica dell’illuminazione artificiale, la sfocature della scena o la sovraesposizione, l’uso dei rendering – non è mai fine a se stesso.

L’esposizione si articola in sette sezioni partendo da Viaggio in Italia (1980-83), un periodo in cui Barbieri si dedica alla città e ai paesaggi della provincia. I lavori di questa fase realizzati tutti a  colori, trovano un importante momento di verifica nella mostra Viaggio in Italia organizzata da Luigi Ghirri nel 1984, che vede protagonisti insieme a Barbieri, anche altri grandi autori italiani tra cui Jodice, Basilico, Guidi e che resta, ancora oggi, una esperienza fondamentale per la fotografia italiana.

La seconda sezione è Images (1977-2007) che comprende la serie Flippers (1977-78) a cui è legata la prima notorietà di Barbieri. Le immagini dei flippers, scattate all’interno di una fabbrica abbandonata, sono le icone della cultura americana del Dopoguerra, che diventano rovine di quella stessa modernità che cade a pezzi, come i suoi miti.

Riflessioni che caratterizzano anche le serie dedicata ai dipinti conservati nei musei: Paintings (Uffizi) e Louvre del 2002 e TWIY (Capodimonte) del 2007, in cui l’uso del fuoco selettivo dona agli scatti una inedita profondità.

Il percorso prosegue con Artificial Illuminations (1982-2014), immagini di città fantasmagoriche, dai colori impossibili e quasi immateriali,. Non si tratta di immagini post-prodotte ma il risultato di lunghissime esposizioni della pellicola alla luce artificiale. Attraverso questi scatti il fotografo analizza le possibilità del mezzo fotografico e i limiti dell’occhio umano.

La quarta sezione, China (1989-2014), è dedicata ai viaggi in Oriente che dal 1989 sono una costante nella vita di Barbieri: India, Tibet, Giappone ma soprattutto la Cina caratterizzata da un cambiamento sociale e urbanistico senza precedenti, dai primi ritratti urbani degli anni Novanta – che vedono la persistenza di elementi vernacolari, di architetture a misura d’uomo – fino alle immagini del nuovo millennio che testimoniano l’avanzata di strutture e infrastrutture di proporzioni inquietanti.

Con la sezione Virtual Truths (1996-2002) la mostra racconta i primi esperimenti di “fuoco selettivo”, una tecnica che, grazie all’impiego di lenti particolari, permette di mettere a fuoco solo una parte dell’immagine, lasciando sfocato tutto il resto. Questa tecnica che diventerà uno dei tratti distintivi del lavoro di Barbieri, gli permette di creare un nuovo meccanismo visivo, ridefinendo le gerarchie tra gli elementi del visibile. È grazie al suo lavoro che lo sfocato entra a far parte del linguaggio fotografico contemporaneo.

La sesta parte della mostra è dedicata al progetto Site Specific_ (2003-2013) una ricerca che lo ha visto sorvolare con l’elicottero a bassa quota oltre 40 città in tutto il mondo, da Roma a Shanghai, da Las Vegas a Siviglia, da Torino a Montreal, da Beijing a Los Angeles, da Amman a New York, da Brasilia a Tel Aviv, tutte città che a un certo punto della loro storia hanno subito trasformazioni repentine e irreversibili.

Il percorso si conclude con Parks (2006-2014) progetto che è quasi il contraltare di Site Specific_, in cui protagonista è la relazione dell’uomo con la Natura. I paesaggi marini, le grandi cascate, le montagne, i centri storici sono fragili parchi a tema. Gli strumenti linguistici sono gli stessi collaudati negli anni: le riprese dall’elicottero, la messa a fuoco selettiva, il disegno, il rendering.

La mostra è arricchita anche da una serie di Focus di approfondimento, dedicati a documenti e libri, alle opere che sono nella collezione del MAXXI (3 progetti per un totale di circa 35 stampe) e ai video che Barbieri ha prodotto nel corso della sua carriera. Tra questi quello dedicato a Shangai (2004) realizzato volutamente senza audio per denunciare l’indifferenza dell’Occidente per uno dei cambiamenti sociali e urbanistici più veloci della storia, Seascape #1 Night/Shenzhen 05 un ipnotico film in bianco e nero su un bagno di massa al chiaro di Luna e Beijing Sky che ci immerge nel complesso immaginario visivo cinese.

SCHEDA EVENTO

Olivo Barbieri. Immagini 1978 – 2014
a cura di Francesca Fabiani

Luogo
MAXXI | Museo nazionale delle arti del XXI secolo
Via Guido Reni 4a
Roma

Periodo
fino al 15 novembre 2015

Orari
11.00-19.00
sabato | 11.00-22.00
chiuso il lunedì

Per ulteriori informazioni
www.fondazionemaxxi.it

Nell’immagine di apertura, Site Specific_, Houston 12. © Olivo Barbieri

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico