Cersaie Downtown, le strade del design

Il centro storico di Bologna diventa spazio espositivo in occasione di Cersaie 2010, il salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno, ospitando “Cersaie Downtown. Le strade del design”, un progetto nato con il desiderio di raccontare al grande pubblico la versatilità del design e dell’arredobagno in ceramica e che propone come contenitore il centro città trasformandola in un museo a cielo aperto che non solo espone, ma racconta se stesso.

 

L’installazione di questi cubi – mela, rivestiti in piastrelle di ceramica o vetrati per accogliere elementi di arredobagno, sottolinea la valenza del design di questi prodotti che – estrapolati dal contesto abituale – si rivelano espressione dello stile contemporaneo. Elementi contrapposti che si fondono insieme, con naturalezza e coordinazione: da una parte il centro città, i suoi palazzi signorili, le viuzze animate del Quadrilatero, le zone simbolo della vita cittadina bolognese e del turismo, e dall’altra i cubi stessi, teche che raccontano un design innovativo e fantasioso.

 

Ci si può lasciar stupire, incuriosire, o magari provocare, per assimilare poi il risultato di un impatto personale, creato da un’apparente dissonanza tra l’installazione dei cubi e il contesto storico.
Ci si può interrogare, interessandosi al legame tra le grandi mele e il suolo storico e culturale che le ospita, sia dal punto di vista dello specialista del settore ceramico, sia con la visione più intuitiva ed empatica del non intenditore.

 

I cubi riprendono giocosamente l’immagine della Mela, simbolo di Cersaie 2010 – 2011, e scherzano con la signorilità della zona in cui sono ospitati ornandosi di picciolo e fogliolina. Questo mix di colori e forme, che collega i secoli di storia cittadina ai tratti moderni di una superficie piastrellata o di una lucida vasca, spinge il pubblico a lasciarsi accattivare dalla novità della proposta.

 

Dieci sono le installazioni che caratterizzano Cersaie Downtown Design, lungo un percorso che si snoda nell’area compresa tra via Rizzoli e via Farini e che vede come interpreti 11 diversi grandi marchi italiani: Antonio Lupi, Arblu, Casa Dolce Casa, Casalgrande Padana, Cerasarda, Floor Gres, Glass Idromassaggio, Hatria, Marazzi Tecnica, Rex Ceramiche Artistiche e Simas. 

 

Cersaie Downtown. Le strade del design si rivolge sia ai cittadini bolognesi, abituati a frequentare il salotto buono della città, che ai turisti richiamati dal Salone Internazionale. Non c’è quindi criterio né distinzione tra i diversi  spettatori, ma uniformità tra chi – nei cinque giorni di Cersaie – transita in questa parte della città. Cersaie Downtown suggerisce quindi un nuovo modo intendere lo spazio pubblico del centro storico che, seppur sempre consapevole e fiero della propria bellezza, si presta a fare da palcoscenico per le eccellenze del made in Italy: i cubi giocano con lo spazio urbano, il pubblico si mette in gioco e sperimenta nuovi punti di vista.

 

La mostra (ideata da Interpromex Comunicazione e curata da Laura Manfredini) è promossa da Confindustria Ceramica e organizzata da Edi.Cer. Spa in collaborazione con BolognaFiere nell’ambito del progetto Cersaie Downtown e gode del patrocinio del Comune di Bologna.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico