Carlo Scarpa e la forma delle parole

È stata inaugurata lo scorso 15 ottobre presso il Centro Carlo Scarpa di Treviso la mostra Carlo Scarpa e la forma delle parole, curata da Ilaria Abbondandolo (CISA Andrea Palladio) in collaborazione con Maria Pia Barzan (Archivio di Stato di Treviso) e Miriam Ferrari (Centro Carlo Scarpa), promossa dalla Regione del Veneto, dal Ministero per i beni e le attività culturali e dal Comitato Paritetico per la conoscenza e la promozione del patrimonio legato a Carlo Scarpa e prodotta dal Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio di Vicenza in collaborazione con Centro archivi MAXXI Architettura e Archivio di Stato di Treviso.

 

Si tratta della prima mostra dedicata alla grafica di Carlo Scarpa (1906-1978), in particolare al suo disegno di caratteri e all’impaginazione delle scritte nelle architetture e nelle opere a stampa del grande maestro.

 

Se oggi architetto e grafico sono figure professionali distinte, ciascuna specializzata nel proprio campo, Scarpa eredita dalle avanguardie del Novecento una forte attenzione al lettering e all’impaginazione grafica, che egli cura personalmente. Ma la sua ricerca di caratteri originali, anche quando si basa su geometrie modulari, segni elementari, standardizzabili, non è mai finalizzata alla creazione di un alfabeto universale, quanto alla soluzione, per ogni occasione progettuale, di un problema compositivo specifico e irripetibile.

 

I lavori esposti coprono l’intera attività professionale di Scarpa e dimostrano come tutte le tipologie architettoniche con cui egli si confrontò lo impegnarono anche come progettista di scritture. Inoltre, Scarpa si cimentò con la composizione di prodotti “cartacei” – materiali di corredo per esposizioni, pubblicazioni e stampati di natura diversa – esordendo con il disegno della copertina di una rivista d’arte (1945) che oggi è presentata al pubblico per la prima volta. Fra le novità della mostra anche la riscoperta del monumento Rizzo, una delle prime prove scarpiane di “archiscrittura”, oggi rinvenuto grazie alla generosa disponibilità di uno degli artigiani di fiducia di Scarpa.

 

La maggior parte dei disegni esposti appartiene al Centro archivi MAXXI Architettura, ma diverse opere provengono anche da collezioni pubbliche e private del Veneto. In totale si contano 44 disegni originali, per lo più inediti; 9 fra manifesti, bozzetti e prove tipografiche di materiali promozionali per eventi espositivi: 3 prototipi in metallo mai esposti prima d’ora; la rivista d’arte e un famoso repertorio tedesco di alfabeti appartenuto all’architetto, su cui egli annotò le forme di scrittura preferite per poi sperimentarle nelle proprie “invenzioni”. Per tutta la durata della mostra, al Centro Carlo Scarpa saranno inoltre disponibili alla consultazione le sue due pubblicazioni già note: il libretto che accompagnava la personale vicentina del 1974 e Memoriae Causa, il prezioso cofanetto dedicato a Onorina Brion all’indomani della costruzione del complesso monumentale di San Vito d’Altivole (1977).

 

Le scritte tuttora esistenti sono illustrate anche da fotografie recenti e dalle loro restituzioni grafiche bidimensionali; quelle scomparse sono testimoniate da scatti fotografici d’epoca. La ricostruzione video di alcune sequenze di disegni permette di calarsi nei panni dell’architetto e di ripercorrerne i processi creativi come se tenessimo in mano la sua matita.

 

Un’agile Guida alla mostra, con la riproduzione di tutti i disegni esposti e con testi di Ilaria Abbondandolo, Maria Pia Barzan e Miriam Ferrari sarà disponibile per i visitatori, accanto al volume Carlo Scarpa e la forma delle parole, di Ilaria Abbondandolo, edito nella collana “Studi su Carlo Scarpa” (Regione del Veneto/Marsilio Editori).

 

Le iniziali CS scelte come icona della mostra sono il frutto di una originale lettura e riscrittura degli alfabeti di Carlo Scarpa: un omaggio all’architetto che è stato disegnato, costruito in cemento e poi fotografato per l’occasione da Francesca Palladini e Lucia Pasqualin.

 

SCHEDA EVENTO
Carlo Scarpa e la forma delle parole

 

Periodo
dal 16 ottobre 2010 al 15 gennaio 2011

Luogo
Centro Carlo Scarpa
Archivio di Stato di Treviso

Orario
dal lunedì al venerdì 10-18, sabato 9-13

 

Informazioni
Centro Carlo Scarpa, Archivio di Stato di Treviso
via Pietro di Dante 11, Treviso
tel. 0422 545805/540902
info@carloscarpa.it
www.carloscarpa.it

 

Nell’immagine, Carlo Scarpa, Iscrizione in tubo di rame apposta sul recinto del sito monumentale dedicato alla Partigiana veneta, Venezia, 1965-69. Foto: © Alberto Carolo – CISA A. Palladio – Regione Veneto

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico