Brick Award 2016, ecco i progetti finalisti

Il Wienerberger Brick Award, nato nel 2004, è un premio biennale di architettura assegnato ai più innovativi esempi di realizzazioni in laterizio. Nel 2016, Wienerberger presenta questo affermato riconoscimento internazionale per la settima volta, rivedendo leggermente le condizioni di partecipazione: quest’anno, infatti, per la prima volta gli architetti hanno potuto candidare i loro migliori progetti in laterizio direttamente online.

Dopo aver ricevuto più di 600 progetti da 55 paesi differenti, una giuria composta da rinomati critici di architettura ha selezionato i 50 finalisti per il Wienerberger Brick Award 2016.
Il Premio si articola in cinque categorie: Residenziale; Opere pubbliche; Riconversione (Re-Use); Riqualificazione urbana; Applicazioni innovative.

Un teatro in Polonia, una scuola in India, la ristrutturazione di un fienile di una villa settecentesca sulle colline morene e quella di una villa neoclassica a Como sono i quattro progetti italiani finalisti che si contenderanno la vittoria del Grand Prize del Wienerberger Brick Award 2016:

– la realizzazione del teatro di Danzica, Shakesperian Theatre Gdansk, in Polonia, a cura dell’Architetto Renato Rizzi di Rovereto, Trento;

Vellore House progettata in India dallo Studio di Architettura Made in Earth;

Brick house over an old stone barn dello Studio di Architettura Bricolo Falsarella Associati per la sezione ristrutturazioni;

House G dell’Architetto Lorenzo Guzzini.

La lista completa dei 50 progetti può essere consultata sul sito www.brickaward.com.

Da questa shortlist una giuria internazionale di architetti selezionerà i vincitori delle singole categorie. I criteri di valutazione includono il design esterno innovativo e l’uso sapiente del laterizio come materiale, la funzionalità, la sostenibilità e l’efficienza energetica.

Le possibili applicazioni spaziano dalla creazione di soluzioni con i classici blocchi in laterizio e mattoni faccia a vista all’uso creativo di pannelli per facciate, tegole e masselli per la pavimentazione. Particolare attenzione è inoltre rivolta al modo in cui l’edificio si fonde con l’ambiente circostante per la forma, l’estetica e la qualità generale dell’architettura. L’uso di prodotti di Wienerberger non è un condizione necessaria alla partecipazione.

Per questa settima edizione la giuria è composta da: Laura Andreini (Archea Associati, Italia), Johan Anrys (51N4E, Belgio), Matija Bevk (bevk perovic arhitekti, Slovenia) e Alfred Munkenbeck (Munkenbeck + Partners, Regno Unito).

La cerimonia ufficiale di premiazione dei Brick Award e la conferenza stampa, dove saranno annunciati i vincitori, si terrà il 19 maggio 2016 a Vienna unitamente a un simposio di architettura.

Il montepremi è di 7.000 euro per il vincitore del Grand Prize (scelto tra i cinque vincitori di ogni categoria) e di 5.000 euro per i vincitori delle 5 categorie.

Il Wienerberger Brick Award premia le più innovative costruzioni in laterizio a livello internazionale che mostrano la varietà e le diverse modalità di utilizzo di questo materiale nell’architettura contemporanea. Allo stesso tempo, il riconoscimento, e in particolare la pubblicazione editoriale che lo accompagna, offre agli appassionati del settore e agli esperti una panoramica degli sviluppi e delle tendenze attuali dell’architettura internazionale in laterizio, con la sua notevole gamma di applicazioni. La pubblicazione “Brick 2016” raccoglierà tutti i progetti selezionati e quelli premiati.

 

Per ulteriori informazioni
www.wienerberger.it
clay-wienerberger.com/brick-award

Nell’immagine di apertura, Architetto Renato Rizzi, Shakesperian Theatre Gdansk, Danzica, Polonia. Foto © Matteo Piazza

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico