BoKlok House. Ikea amplia il proprio mercato immobiliare

Ikea inaugura il primo eco-quartiere lowcost in Gran Bretagna con case prefabbricate in legno chiamate “BoKlok”. Le case sono il frutto della joint venture tra il colosso Ikea e SkanSka, multinazionale svedese delle costruzioni, che ha portato alla nascita della società BoKlok AB. Forse quando Ingvar Kamprad, fondatore di Ikea, a 17 anni creò il suo impero neanche immaginava che sarebbe arrivato a vendere case componibili ed abitabili.

 

L’idea generale nasce nel 1996 ed è contenuta nel nome: Boklok in svedese significa “vivere bene”. Nel 1997 vengono completate le prime quattro aree residenziali in Svezia a Stoccolma, Helsingborg, Örebro e Sundsvall, dimostrando di essere un grande successo, tanto che negli ultimi anni se ne sono vendute nella sola madrepatria circa 800 l’anno. Il mercato è stato poi ampliato in Finlandia nel 2002, Norvegia nel 2003 e Danimarca nel 2004.
Nel 2009, in Gran Bretagna è stato completamente venduto il primo insediamento di 93 unità abitative nell’area di St. James Village a Gateshead, grazie alla concessionaria inglese LiveSmart@Home, impresa specializzata in case economiche del gruppo Home Group. Tutte le abitazioni sono state acquistate attraverso il negozio locale di Ikea con prezzi compresi tra 99,500 e 149,500 sterline. Le case Boklok non sono state realizzate fai-da-te con brugole e viti dagli acquirenti, ma con un sistema costruttivo ideato da SkanSka in pannelli di legno a sandwich realizzati in azienda e poi assemblati in cantiere da operai specializzati, riducendo così i tempi di produzione/costruzione a meno di un mese.

 

 

 

 

Il catalogo BoKlok propone palazzine fino a 4 piani o villette monofamiliari con appartamenti smart composti da una, due o tre camere da letto, cucina, bagno con doccia e ripostiglio, il tutto con ampi spazi, interni luminosi, alti soffitti, doppi vetri, parquet e arredi rigorosamente brand Ikea. Tra i vari vantaggi delle abitazioni Ikea troviamo i materiali ecologici, gli isolamenti efficienti per un risparmio energetico, la modularità che permette una buona personalizzazione delle abitazioni e la flessibilità fisica della struttura che la rende adatta a resistere facilmente ai terremoti. Agli acquirenti è inoltre offerto un pacchetto iniziale che comprende: l’aiuto di un personal shopper con consigli su come organizzare una nuova casa, un prestito a 12 mesi senza interessi o mutui a tassi agevolati, contratti assicurativi e un voucher da 275€ da spendere in prodotti Ikea.
Ikea prevede una forte domanda per queste abitazioni: la scommessa è che le case low cost saranno il futuro del social housing, in particolare per le fasce di acquirenti “prima casa”, cha ancora non riescono a fare il proprio ingresso nel mercato immobiliare. BoKlok AB ha pronto un piano di sviluppo con il quale si rivolgerà alle amministrazioni locali ed ai costruttori del Regno Unito per il reperimento di aree disponibili per nuovi progetti e prevede di offrire il prodotto a scala nazionale entro i prossimi due anni, per arrivare entro la fine del 2011 ad entrare nel resto del mercato europeo, ma ad oggi, secondo Ikea, BoKlok è un progetto ancora prematuro per l’Italia.

 

 

di Andrea Cantini

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico