Blow-Up. Immagini dal nanomondo

Sarà inaugurata oggi, giovedì 1 ottobre, presso la Sala dell’Imbarcadero del Castello Estense la mostra “Blow-up. Immagini dal nano mondo viste da Lucia Covi”, organizzata dall’Università di Ferrara con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara e con il patrocinio della Provincia di Ferrara.
Blow-up. Immagini del nano mondo” è una mostra di immagini scientifiche che hanno come oggetto il mondo della nanoscienza e nanotecnologia, presentate con particolare attenzione alle loro qualità estetiche. Un viaggio per immagini nel mondo delle nonoscienze, nato dall’incontro tra l’esperienza di una fotografa e il lavoro di ricerca degli scienziati
.

 

Un mondo in cui gli oggetti si misurano in nanometri, miliardesimi di metro, non è facile da immaginare. Un nanometro è circa la distanza occupata da dieci atomi di idrogeno messi in fila o la dimensione di una piccola molecola: difficile da confrontare con oggetti del nostro mondo, se si pensa che il punto alla fine di questa frase misura milioni di nanometri.
È un mondo che non si riprende con una macchina fotografica e nemmeno si vede con i più potenti microscopi ottici. Solo gli strumenti sofisticati che i ricercatori usano per studiare la nano-materia ce ne restituiscono le immagini che compongono questa mostra. Sono una cinquantina di “scatti” realizzati nel tempo da inquadrature diverse, frammenti di un mondo che è possibile guardare grazie alla mediazione delle macchine. Alcuni rappresentano gli eventi eccezionali, risultati finiti sulla copertina delle riviste scientifiche. Altri provengono dalla ricerca quotidiana. Compongono un paesaggio che sta diventando noto agli scienziati, un panorama molto diverso da quello che appare di solito sui media, per lo più fatto di grafiche generate al computer o interpretazioni “artistiche”, quando non di stereotipi presi a prestito dalla fantascienza.
Abbiamo voluto mostrare questi paesaggi, far vedere per la prima volta immagini che di solito restano nei nostri laboratori o sulle scrivanie di chi fa ricerca. Lo sguardo di Lucia Covi, fotografa attenta ai canoni estetici e alla sensibilità degli scienziati, le mostra in una nuova luce.
La mostra è divisa in tre sezioni. La prima, Dare forma, mostra la materia scavata o plasmata con strumenti diversi: dai fasci di ioni focalizzati che creano micro-fori, alle erosioni chimiche che lasciano emergere le architetture della nanoelettronica. È la cosiddetta tecnica top-down, che lavora la materia fino ad ottenere rilievi e strutture voluti. Ma alla nanoscala le interazioni naturali permettono di creare delle strutture anche partendo “dal basso”, aggregando atomi e molecole. A questo approccio bottom-up è dedicata la seconda sezione, Auto-organizzare. La terza ed ultima sezione, Esplorare, vede protagoniste strutture naturali, spesso del mondo biologico – proteine e DNA -, sondate dagli scienziati per ricomporre mappe diverse delle loro tante funzionalità.
La mostra è introdotta da un filmato che racconta l’idea e le storie che hanno portato alle immagini di Blow-up.

 

La mostra è organizzata dall’Università di Ferrara con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara e con il patrocinio della Provincia di Ferrara

 

Idea e un progetto a cura del
Centro di ricerca S3 (INFM-CNR), Modena

 

SCHEDA EVENTO

Blow-up. Immagini dal nanomondo
viste da Lucia Covi

 

Inaugurazione 
giovedì 1 ottobre
Sala dell’Imbarcadero del Castello Estense

ore 18.30

 

Orari di apertura
lunedì-venerdì dalle 9.30 alle 17.30
sabato-domenica dalle 9.30 alle 19.00

 

Catalogo
Blow-up. Immagini dal nanomondo, Damiani Editore, Bologna 2006

Informazioni
Tel:   +39 059 2055329 
E-mail: maddalena.scandola@unimore.it

 

 

Nell’immagine, vista dall’alto di un foro scavato su uno strato di polietilene. Il fascio ionico focalizzato usato per la nanolavorazione si dimostra molto versatile e in grado di scavare diversi tipi di materiale, anche plastico. durante una serie di prove su diversi materiali. Esperimento: G.C. Gazzadi, S3, Modena . Artwork: Lucia Covi. Copyright © 2005-2006 S3-INFM

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico